Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Waldo & Magic, Inc.

By

Publisher: Del Rey

3.5
(40)

Language:English | Number of Pages: 30 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0345330153 | Isbn-13: 9780345330154 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Waldo & Magic, Inc. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
North Power-Air was in trouble. Their aircraft had begun to crash at an alarming rate, and no one could figure out what was going wrong. Desperate for an answer, they turned to Waldo, the crippled genius who lived in a zero-g home in orbit around Earth.

But Waldo had little reason to want to help the rest of humanity -- until he learned that the solution to their problems also held the key to his own...

Magic, Inc.
Under the guise of an agency for magicians, Magic, Inc. was systematically squeezing out the small independent magicians. Then one businessman stood firm. With the help of an Oxford-educated African shaman and a little old lady adept at black magic, he went straight to the demons of Hell to resolve the problem -- once and for all!
Sorting by
  • 4

    interessante libro di fantascienza "laterale". Non tanto Waldo, quanto il successivo romanzo breve "Anonima stregoni" che abilita la magia a pratica comune e ormai accettata nella società

    said on 

  • 3

    Recensione della Biblioteca Galattica

    WALDO scheda completa: http://www.bibliotecagalattica.com/romanzi/waldo.html

    Il protagonista principale del romanzo breve è uno dei classici eroi che popolano le opere di Heinlein e che incarnano gli ideali di una società merito-tecnocratica, in cui il successo è appannaggio dell'uomo di scienza, dell'uomo della modernità, di questo nuovo "eroe della frontiera" brillante e indefesso. Il suo nome è Waldo Farthingwaite-Jones. Nato con una grave malattia congenita che lo rende sostanzialmente privo di forza muscolare, Waldo, grazie ad una straodinaria forza di volontà e un brillante intelletto, ha sconfitto la sua condizione debilitante dando vita ad una serie di congegni a controllo remoto che replicano, in scale di ogni tipo, le fattezze della mano umana e che consentono a Waldo di interagire senza problemi con il mondo esterno. Il prezzo di tale successo è stato per Waldo l'isolamento dal resto dell'umanità. Rovesciando il senso di inferiorità dovuto alla sua malattia, Waldo è diventato un vero e proprio misantropo che considera gli uomini poco più che animali e che trascorre la propria vita solitaria in una stazione orbitale, lontano da quella tortura che per i suoi delicati muscoli è la gravità. Nel futuro ritratto dall'autore, l'energia atomica alimenta ogni cosa, dai veicoli alle fabbriche, ed è diffusa da una sorta di rete wireless attraverso i cosiddetti ricettori deKalb. Quando questi ultimi misteriosamente smettono di funzionare, l'unica possibilità per l'azienda che ne custodisce il brevetto è di rivolgersi a Waldo. Ma la soluzione che il protagonista è destinato a trovare chiama in causa alcuni dei principi fondanti dell'universo stesso e cambiarà per sempre l'umanità... L'opera è ricca di idee interessanti: i waldo, l'anticipazione dei timori odierni nei confronti dell'inquinamento elettromagnetico, spunti di riflessione stimolanti sulla relazione tra realtà e teoria scientifica (le stesse che sembrano essere poi riprese dal grande racconto La Nuova Realtà di Harness). Forse per la lunghezza limitata dell'opera, questo notevole potenziale narrativo sembra però sfruttato solo in parte con un intreccio che nelle fasi finali dell'opera perde di valore sia da un punto di vista di solidità narrativa che di impianto logico (basti pensare alla tanto rapida quanto inversomile trasformazione di Waldo). In conclusione, giudichiamo l'opera una lettura comunque gradevole e non priva di spunti degni di nota ma che non rientra nel meglio della produzione di Heinlein.

    ANONIMA STREGONI scheda completa: http://www.bibliotecagalattica.com/romanzi/anonima_stregoni.html

    La novella è ambientata in una sorta di America parallela a quella contemporanea dell'autore in cui la magia fa parte della realtà quotidiana. I maghi sono rispettati professionisti e le loro arti sono utilizzate in un'ampia varietà di attività commerciali e non. Gnomi, demoni, folletti, salamandre non solo visitano quotidianamente la Terra ma gli uomini devono venire a patti con questi esseri in più di una circostanza. Se il punto di partenza sembra quasi appartenere al genere fantasy, lo sviluppo della trama va in direzione diametricalmente opposta. Tutti gli ingredienti dell'occulto sono infatti calati in un'ottica completamente "realistica" all'interno del modello sociale americano di metà secolo. La magia perde ogni connotato mistico o spirituale per divenire una sorta di seconda tecnologia che, come tale, si rapporta con la società su un piano puramente utilitaristico e materialistico. Con la "scusa" della magia, Heinlein ritrae l'America che lo circonda, dove il tipico protagonista delle sue opere, l'eroe libero e indipendente della modernità tecnologica, deve combattere soprusi monopolistici e manovre politiche, prefigurando classiche tematiche della fantascienza sociologica che saranno sviluppate nei due decenni successivi. Anche se non siamo certo di fronte ad un capolavoro, la novella costituisce una lettura sicuramente interessante e non priva di contenuti, garantendo, allo stesso tempo, con un intreccio semplice ma mai noioso, un divertente intrattenimento che ogni appassionato di fantascienza sicuramente gradirà.

    said on 

  • 4

    Waldo è un bel racconto, o forse romanzo breve, che gioca sull'oggettività del mondo fisico e sul potere della mente di interpretarla o soggiogarla. L'idea è molto bella ma la traduzione in racconto, forse dipende anche dalla traduzione, mi ha lasciato un po' perplesso in alcuni punti. Complessiv ...continue

    Waldo è un bel racconto, o forse romanzo breve, che gioca sull'oggettività del mondo fisico e sul potere della mente di interpretarla o soggiogarla. L'idea è molto bella ma la traduzione in racconto, forse dipende anche dalla traduzione, mi ha lasciato un po' perplesso in alcuni punti. Complessivamente però l'opera è decisamente buona. Anonima stregoni lascia invece la manipolazione della realtà al mondo della magia e descrive un mondo in cui la magia è sdoganata e fa parte del normale ciclo commerciale. Bella realizzazione narrativa e ben costruita la trama, in questo racconto è l'idea di base ad essere forse poco originale. Resta comunque un'opera godibile.

    said on 

  • 3

    Il finale di waldo non l'ho capito bene. Magari qualche anima buona può farmi un disegnino? Per il resto carino. Anonima stregoni è un caso a se...Carina l'idea di base, spunti simpatici: non male.

    said on 

  • 4

    Spesso nella fantascienza la scienza, quando è in primo piano ha solo due ruoli: il mezzo per arrivare alla soluzione oppure la causa del problema.
    In questo breve (88 pagine) racconto, questa logica viene ribaltata e il super scienziato si unisce allo stregone, mantenendo sempre un rigido punto ...continue

    Spesso nella fantascienza la scienza, quando è in primo piano ha solo due ruoli: il mezzo per arrivare alla soluzione oppure la causa del problema. In questo breve (88 pagine) racconto, questa logica viene ribaltata e il super scienziato si unisce allo stregone, mantenendo sempre un rigido punto di vista scientifico, veramente particolare!

    Per il resto ben scritto, breve ma simpatico, non straordinario.

    said on