Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

War Horse

By Michael Morpurgo

(4)

| Paperback | 9781405215879

Like War Horse ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

The story of a friendship lasting through the toughest of tests. Through the eyes of the war horse, Joey, Michael Morpurgo tells the moving and powerful story of survival on the Western Front.

31 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Libro scorrevole, in due orette è finito.
    Ma:
    Sono influenzata dal fatto di aver visto prima lo spettacolo della National Theatre (al cinema, sottotitolato, non in originale..ma mi ritengo fortunata così!), che è davvero meraviglioso e realizzato in ...(continue)

    Libro scorrevole, in due orette è finito.
    Ma:
    Sono influenzata dal fatto di aver visto prima lo spettacolo della National Theatre (al cinema, sottotitolato, non in originale..ma mi ritengo fortunata così!), che è davvero meraviglioso e realizzato in maniera SPLENDIDA (vi invito tutti a cercare il dvd).
    Lo spettacolo è dieci volte meglio rispetto al libro,non che quest'ultimo sia brutto, ma è molto meno emozionante e molte parti sono state aggiunte nello spettacolo per allungare (altrimenti non sarebbe durato granché), arricchendolo, quindi ne ho sentita la mancanza nella lettura, trovando così il libro più scarno.
    Il mio disappunto maggiore proviene però dallo stile:
    è legittimo che tu decida di scrivere della I WW dal pov di un cavallo, anzi è uno spunto interessante perché generalmente a scuola non si parla dello strazio che fu per la cavalleria e si da' per scontato che le vittime siano state solo uomini.
    Il problema sta nel fatto che sembra di leggere la storia raccontata da un uomo e non da un cavallo, sebbene si citino spesso l'avena, le briglie e altro. Se il pov è del cavallo, non puoi scrivermi (scrittore o traduttore che sia, io non lo so, ma la cosa rimane) "mi faceva male IL PIEDE". magari è un termine tecnico lo stesso, io di cavalli non me ne intendo, ma fa molto refuso. Inoltre, nello spettacolo era stato reso perfettamente il problema della lingua: Joey è cresciuto in Inghilterra, e conosce l'inglese contadino di Dover, non certo il tedesco o il francese, quindi nello spettacolo i personaggi parlavano le rispettive lingue e il cavallo reagiva solo all'inglese (o alle altre lingue, se urlate o sussurrate, ma più per i toni che per le parole in sé), mentre qui capisce tutto fin dalla prima parola, che sia tedesco inglese o francese. Io lo so che in realtà Joey è un pretesto per dare voce a due eserciti che di fronte all'orrore si chiedono solo "Perché?perché tutto questo?", ma rimane sconcertante. Se scegli un pov, seguilo bene. Il finale buonista ci può stare, alla fin fine a 'sto cavallo ne capitano di ogni, quindi c'ha diritto alla fine di essere contento, mentre l'orrore degli altri cavalli viene delegato ai suoi compagni di fatiche e odissea generale. Però anche qui non riesco a non pensare al fatto che lo spettacolo abbia reso ben più interessante l'incontro tra Joey e Albert in trincea, nel libro è poco credibile (ok che è coperto di fango tesoro mio, ma che, non lo riconosci il cavallo per il quale TI SEI ARRUOLATO? te lo deve dire il tuo migliore amico di campo in base alla tua descrizione???), così come nello spettacolo si vede la vita da soldato e non solo quella da cavallo dal punto di vista di Albert. Qui era ovviamente impossibile renderlo direttamente (anche se non sarebbe costato niente fare un capitolo Albert un capitolo Joey, ma evidentemente voleva solo far parlare il cavallo), ma poteva tranquillamente far dire ad Albert cosa gli fosse successo durante il tempo in guerra, visto che con il cavallo ci parla tutto il giorno.
    Non so, è la prima volta che una trasposizione mi convince più del testo originale, e la cosa mi lascia abbastanza perplessa. Del film di Spielberg non so nulla, ma a questo punto lo vedrò per fare un ulteriore confronto, questa volta a tre.

    Is this helpful?

    Elfenliedlilium said on Jul 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    libro per me affascinante, letto in vacanza sull'amaca. lo consiglio vivatamente...

    Is this helpful?

    Sammi74 said on Sep 22, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Originale raccontare la prima guerra mondiale dal punto di vista di un cavallo!Un libro tenero e intriso di valori profondi... forse è un po' penalizzato dallo stile troppo lineare e manca un po' di suspance, ma è proprio commovente, alla fine mi è s ...(continue)

    Originale raccontare la prima guerra mondiale dal punto di vista di un cavallo!Un libro tenero e intriso di valori profondi... forse è un po' penalizzato dallo stile troppo lineare e manca un po' di suspance, ma è proprio commovente, alla fine mi è scesa la lacrimuccia :')

    Is this helpful?

    Angiemela said on Jan 25, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Una storia di amicizia e coraggio

    Un romanzo senza tempo. Una guerra raccontata dal punto di vista di un cavallo. In questo libro non manca proprio niente: amicizia, coraggio, amore, lealtà.
    Libro non impegnativo, anzi molto semplice.

    Is this helpful?

    Dynamo said on Jan 21, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book