Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Watchmen

Edizione assoluta

Di ,

Editore: Planeta DeAgostini

4.7
(3611)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 464 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Portoghese , Catalano , Olandese , Finlandese

Isbn-10: 8867433989 | Isbn-13: 9788867433988 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Watchmen?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Chi vigilerà i vigilanti?

    Quando inizia a scrivere il soggetto per Watchmen, Alan Moore si prefigge lo scopo di «comprendere cosa implica la presenza di supereroi e svilupparne le conseguenze».
    Continua su:
    http://clarkevivo.b ...continua

    Quando inizia a scrivere il soggetto per Watchmen, Alan Moore si prefigge lo scopo di «comprendere cosa implica la presenza di supereroi e svilupparne le conseguenze».
    Continua su:
    http://clarkevivo.blogspot.it/2015/02/watchmen-chi-vigilera-i-vigilanti.html

    ha scritto il 

  • 5

    E' la terza volta che lo leggo, ma la prima in lingua originale e riconfermo l'opinione che avevo prima: un capolavoro senza se né ma. Siamo a New York nel 1985, ma un 1985 alternativo in cui la guerr ...continua

    E' la terza volta che lo leggo, ma la prima in lingua originale e riconfermo l'opinione che avevo prima: un capolavoro senza se né ma. Siamo a New York nel 1985, ma un 1985 alternativo in cui la guerra fredda è al suo culmine, la corsa agli armamenti sempre più sfrenata e la miseria sociale sempre più diffusa. L'America può contare sull'appoggio del Dottor Manhattan, un superuomo praticamente invincibile alle dipendenze dell'esercito sin dalla guerra del Vietnam, ma la sua presenza non è deterrente alla competitività dell'URSS, anzi. In un'ambientazione di angoscia pervasiva, dove tutti si aspettano da un momento all'altro una guerra nucleare, il Comico viene assassinato. Ex-vigilante mascherato, da tempo anche lui sul libro paga dell'esercito statunitense, viene trovato morto sul marciapiede dopo essere stato defenestrato dal suo appartamento. E qui comincia una storia che riempie dodici volumi, che vede come protagonisti i Watchmen che danno il titolo al fumetto: sei ex-giustizieri mascherati, che negli anni '60-'70 avevano condiviso una vita di lotta al crimine, ora forzatamente ritirati dopo una legge del '77. Ozymandias, ora a capo di un impero commerciale, Nite Owl, Silk Spectre, gli stessi Dottor Manhattan e il Comico, e Rorschach, che si è rifiutato di appendere la maschera al chiodo e continua illegalmente la sua attività di vigilante. Ma non sono gli eroi luminosi e senza macchia dei fumetti normali, si integrano perfettamente nell'atmosfera cupa dell'ambientazione, alla meglio depressi e sconfitti, alla peggio violenti e sadici. Dodici volumi di cui, alternativamente, sei sono dedicati, più o meno dichiaratamente, ad esplorare il passato e le vite interiori di ognuno di questi personaggi, mescolando la trama della storia a vari flashback che pure ne sono parte integrante. E' un capolavoro perché prende quella che fino ad allora era stata la figura mitizzata, piatta, lontana dalla realtà dell'eroe in costume e gli dà dimensione umana, in un modo che io non ho mai visto né prima né dopo. E' un capolavoro per l'attenzione ai dettagli, per la ricchezza di spunti e di suggestioni, per i riferimenti inter- e extra-opera che abbondano in ogni vignetta e che non credo riuscirò mai a cogliere tutti, per quello che dice e per quello che trasmette e per quello che non dice ma che lascia solo intendere. La storia mi era ormai ben nota, non c'erano colpi di scena, non c'era nulla che non mi aspettassi, ma, come per la seconda volta che l'ho letto, questo non mi ha fatto pesare la lettura, anzi è stato di sprone a soffermarmi più attentamente sui particolari più minuti, a cogliere ciò che prima mi era sfuggito. E' un capolavoro che va letto almeno una volta nella vita, ma che ancora di più va letto una seconda per poterlo apprezzare a pieno.
    Voto: 9,5

    ha scritto il 

  • 4

    Bello

    Premesso che conoscevo la vicenda dalla riduzione cinematografica, trovo che la storia sia molto ben costruita e che i disegni rendano al meglio l'andamento della vicenda. Veramente un bel fumetto. ...continua

    Premesso che conoscevo la vicenda dalla riduzione cinematografica, trovo che la storia sia molto ben costruita e che i disegni rendano al meglio l'andamento della vicenda. Veramente un bel fumetto.

    ha scritto il 

  • 4

    riletto a distanza di anni nella traduzione italiana, edizione edita da Repubblica per la sua collana a fumetti. nel processo di resa italiana, la storia perde molto, i dialoghi a tratti appesantiti d ...continua

    riletto a distanza di anni nella traduzione italiana, edizione edita da Repubblica per la sua collana a fumetti. nel processo di resa italiana, la storia perde molto, i dialoghi a tratti appesantiti da un ritmo lento e da espressioni poco curate. l'opera di Moore rimane pur sempre un capolavoro per storia e personaggi, per i temi trattati, che sono quelli attuali dell'alienazione, dei conflitti interiori e dell'umanità. Moore rivoluziona il concetto di supereroe, lo destruttura, lo rielabora e ci mostra le debolezze, le crepe, le macchie. Watchmen merita di essere letto in lingua originale, coi dialoghi pensati in origine. tradotto non ha lo stesso peso e la stessa forza.

    ha scritto il 

  • 4

    Triste e bellissimo

    Il supereroe è inteso spesso (superficialmente) come un'entità al di sopra delle miserie umane. Questo splendido capolavoro ne evidenzia esattamente il contrario. Quattro stelle perchè il senso di mal ...continua

    Il supereroe è inteso spesso (superficialmente) come un'entità al di sopra delle miserie umane. Questo splendido capolavoro ne evidenzia esattamente il contrario. Quattro stelle perchè il senso di malinconia ancora non mi abbandona...

    ha scritto il 

  • 5

    Muy bueno

    Me ha gustado mucho el dibujo, al verlo a simple vista (para mi que no he leído comics, no se cómo se le llama a este estilo) parece que es poco detallista... qué ignorante! Es espectacular, y mires d ...continua

    Me ha gustado mucho el dibujo, al verlo a simple vista (para mi que no he leído comics, no se cómo se le llama a este estilo) parece que es poco detallista... qué ignorante! Es espectacular, y mires donde mires hay algo, y está muy bien.
    La historia es buena y cómo la cuenta, entremezclando la historia de otro comic. Es una historia totalmente distinta a cualquier otra, de eso no hay duda.
    Lo único que no me ha gustado mucho es el final, algo complejo, supongo que ahí también hay algo... bueno no quiero meter spoilers.
    Sin duda lo releeré.

    ha scritto il 

  • 3

    La historia no convence

    Sí, los personajes están perfilados y con brillo. Eso no se discute. Pero la historia que cuenta es previsible, y clásica. Vale que este comic tiene sus años, pero ahora leido es del montón

    Sobrevalor ...continua

    Sí, los personajes están perfilados y con brillo. Eso no se discute. Pero la historia que cuenta es previsible, y clásica. Vale que este comic tiene sus años, pero ahora leido es del montón

    Sobrevalorada.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per