Watt

di | Editore: Einaudi
Voto medio di 85
| 17 contributi totali di cui 16 recensioni , 1 citazione , 0 immagini , 0 note , 0 video
Scritto durante la guerra, "Watt" è il terzo romanzo dello scrittore irlandesee l'ultimo redatto in inglese. Vi si narra la storia di un uomo di mezza età edi "cultura universitaria", Watt, che va a servire nella cas ...Continua
Héctor Genta...
Ha scritto il 17/09/16
Opera ai limiti dell’illeggibile. E sono limiti che in parecchie pagine vengono ampiamente superati. La storia di Watt, un essere misterioso, privo di identità, che compare improvvisamente sulla scena mentre un gruppo di persone è intento a conversar...Continua
  • 4 mi piace
ilcavallodibrunilde
Ha scritto il 25/06/16
Il congegno segreto
E' un'avventura, un po' come l'Ulysses: si va avanti con curiosità ( non sempre vivace, a essere onesti... ) , presi, intrappolati più che dalla trama, dal congegno. Inizialmente, interrogandomi sulle intenzioni di Beckett, avevo pensato alla scompo...Continua
  • 2 mi piace
...
Ha scritto il 25/01/16
L’unico modo in cui si può parlare del niente è di parlarne come se fosse qualcosa. (p. 70)
"Pensare, quando non si è più giovani, quando non si è ancora vecchi, che non si è più giovani, che non si è ancora vecchi, sarà forse qualcosa. Fare una pausa, verso la fine della propria giornata di tre ore, e considerare: l’agio sempre più in ombr...Continua
  • 7 mi piace
Mario08
Ha scritto il 14/04/15
Vorrei davanti a cotanto libro dire qualcosa ma “ma l’addentrarsi in questa materia diffusamente e a fondo ed esaurientemente come desidererei e come merita, è cosa purtroppo da escludersi. Non che manchi lo spazio, perché lo spazio non manca. Non...Continua
  • 8 mi piace
  • 3 commenti
Roberto Nespola
Ha scritto il 18/12/12
Ostico, ostico, ostico: immasticabile e indigeribile: Beckett ti travolge collo scempio che fa della realtà… e di te: il frantume che rimane, il polverìo che resta, il resto impossibile, gli scarti di ciò che hai letto ed esperito, i tuoi scarti dopo...Continua
  • 1 mi piace

Daisy (in...
Ha scritto il Oct 21, 2010, 22:12
Ah, ah, ah! Il mio riso, signor...? Vi chiedo scusa. Ah! Il mio riso, signor Watt. Dimenticato il nome di battesimo. Già. Di tutte le forme di riso che a rigor di termini non sono forme di riso ma di ululato, soltanto su tre penso che valga la pena...Continua
Pag. 51

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi