Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Wetware - Gli uomini robot

Urania 1419

Di

Editore: Mondadori (Urania)

3.6
(27)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback

Isbn-10: A000006802 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Wetware - Gli uomini robot?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo la prima generazione di bopper, i robot dotati di coscienza, ecco capovolgersi la situazione: adesso sono i robot a creare esseri umani. Li chiamano "meatbop", carne con il software. I robouomini vorrebbero abbandonare la loro base sulla Luna e diffondersi sulla Terra, ma per la razza umana non sarebbe una grande idea (i bopper hanno l'antipatica abitudine di farci schiavi). Per risolvere la crisi, l'unica è restaurare la mente del creatore originario dei robot, Cobb Anderson, e vedere in che modo possa aiutarci.
Ordina per
  • 5

    In questo secondo capitolo del ciclo del ware, i bopper cercano di creare i meatbop, robot di carne. Romanzo vincitore del Premio intitolato a Philip K. Dick, come il precedente Software.

    ha scritto il 

  • 4

    Il vecchio amore non si scorda. La Sci-Fi è sempre un luogo sicuro in cui rifugiarsi ogni tanto, per liberarsi dalle scorie di pensieri troppo rigorosi. Un ottimo libro per ottime serate di totale relax.

    ha scritto il 

  • 3

    Quarto e - speriamo - ultimo atto della tetralogia. Non posso dire che non ne valga la pena, poichè globalmente è interessante e presenta tantissimi spunti di riflessione, ma la dinamica narrativa è talmente contorta che è facilissimo perdersi, con quel che ne consegue. Io ho letto i quattro volu ...continua

    Quarto e - speriamo - ultimo atto della tetralogia. Non posso dire che non ne valga la pena, poichè globalmente è interessante e presenta tantissimi spunti di riflessione, ma la dinamica narrativa è talmente contorta che è facilissimo perdersi, con quel che ne consegue. Io ho letto i quattro volumi nel tempo, quando uscivano, e ci sono voluti quasi dieci anni, mentre forse a rileggerli come un opera sola si riuscirebbe meglio a coglierne la singolarità.

    ha scritto il