Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Wie Proust Ihr Leben verändern kann. Eine Anleitung.

By

Verleger: Fischer (Tb.), Frankfurt

3.6
(371)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 234 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Portuguese , French , Italian , Spanish , Slovenian

Isbn-10: 3596137349 | Isbn-13: 9783596137343 | Publish date: 

Category: Biography , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like Wie Proust Ihr Leben verändern kann. Eine Anleitung. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 0

    Divertente e utile saggio sul Proust de La Recherche e sulla sua visione della vita, della letteratura, dell’arte, dell’amore ed altro ancora.
    A cominciare dall’affermazione del fratello di Marcel, Ro ...weiter

    Divertente e utile saggio sul Proust de La Recherche e sulla sua visione della vita, della letteratura, dell’arte, dell’amore ed altro ancora.
    A cominciare dall’affermazione del fratello di Marcel, Robert, che sostiene “che le persone devono essere molto malate o devono essersi rotte una gamba per avere la possibilità di leggere la Recherche”.
    De Botton ci accompagna un po’ per paradossi per farci capire come l’attenzione di Proust per i dettagli, per i particolari, richiede una capacità di “guardare il nostro mondo attraverso i suoi occhi, e non guardare il suo mondo attraverso i nostri occhi”.
    Ci racconta della sua infanzia, delle sue malattie (vere) e ossessioni quasi morbose (la mamma). Delle frequentazioni intellettuali e delle passioni
    Ci invita a non eleggere il grande intellettuale francese come un mito, perché lui non lo vorrebbe perché “anche i libri più belli maritano di essere messi da parte”.
    Consiglio di leggerle dopo la Recherche o (come ho fatto io arrivato a poche pagine dal traguardo).

    gesagt am 

  • 3

    "L'infelicità è fra le cose cui il genere umano si applica con più impegno e dedizione. Se fossimo stati posti sulla terra da un malvagio creatore al solo scopo di soffrire potremmo senz'altro congrat ...weiter

    "L'infelicità è fra le cose cui il genere umano si applica con più impegno e dedizione. Se fossimo stati posti sulla terra da un malvagio creatore al solo scopo di soffrire potremmo senz'altro congratularci con noi stessi per l'entusiasmo col quale assolviamo un simile incarico."

    gesagt am 

  • 3

    Lettura da ombrellone (fuori stagione);pensieri ben confezionati che hanno attraversato la mia testa depositando ben poco.
    Se doveva servire da stimolo per leggere Proust devo confessare che non ha ra ...weiter

    Lettura da ombrellone (fuori stagione);pensieri ben confezionati che hanno attraversato la mia testa depositando ben poco.
    Se doveva servire da stimolo per leggere Proust devo confessare che non ha raggiunto l'obiettivo.

    gesagt am 

  • 5

    Este libro es sorprendentemente bueno. El título no tiene nada que ver con el contenido: no nos ayudará lo más mínimo a cambiar nuestra vida. Pero sí nos ayudará a entender mejor la figura de Proust y ...weiter

    Este libro es sorprendentemente bueno. El título no tiene nada que ver con el contenido: no nos ayudará lo más mínimo a cambiar nuestra vida. Pero sí nos ayudará a entender mejor la figura de Proust y su obra.
    Es corto, se lee muy fácil y es muy divertido. Totalmente recomendable como prólogo a En busca del tiempo perdido.

    gesagt am 

  • 5

    Difficile staccarsene, é un libro che rileggerei, lascia il segno e senza dubbio lascia la curiosità di leggere il prossimo libro di De Botton. Apprezzo la modalità con cui l'autore commenta Proust so ...weiter

    Difficile staccarsene, é un libro che rileggerei, lascia il segno e senza dubbio lascia la curiosità di leggere il prossimo libro di De Botton. Apprezzo la modalità con cui l'autore commenta Proust sotto tutti i punti di vista... il bambino, il figlio, l'uomo e l'autore e da tutto questo voglia farcelo apprezzare appieno. Capire prima l'uomo per apprezzare meglio l'autore, per capire l'uomo in genere, fare di Proust un mezzo con il quale capire l'agire umano. Attraverso l'analisi di un uomo e del suo pensiero vengono toccate le più disparate tematiche umane, l'amore, la sofferenza, l'amicizia, l'arte e la lettura. Tali argomenti vengono sviluppati con singolare e profonda umanità da De Botton per infine suggerire al lettore di fare della lettura un punto d'inizio per personali divagazioni e non una punto d'arrivo.

    gesagt am 

  • 5

    Proust can change your life and de Botton does a nice job getting you started. This book may serve as an introduction to Proust' life or to his great work "In Search of Lost Time". Publishing that mu ...weiter

    Proust can change your life and de Botton does a nice job getting you started. This book may serve as an introduction to Proust' life or to his great work "In Search of Lost Time". Publishing that must have been a real nightmare, since Proust's edits seem endless. The chapters in de Botton's book are named in a "On How to live life today, How to suffer successfully and on How to be a good friend" fashion and all very readworthy.

    De Bottom even touches on topics like "A cure for loneliness" and "The Benefits of Reading"
    and "Mistaking Writers for Oracles". It also includes details like how Proust met with Joyce at the Ritz and Virginia Woolf's reaction to Proust' writing (e.g. "well, what remains to be written after that"...).

    Reading this book was a long overdue and it was a pleasure indeed. I should have written this review in a Proustian style, but that would be rather unworthy of the master himself, or even De Botton's work. I look forward to a reread, and to the masterwork itself.

    gesagt am 

  • 3

    "In realtà, ogni lettore quando legge, è il lettore di se stesso. L'opera è solo una sorta di strumento ottico che lo scrittore offre al lettore per consentirgli di scoprire ciò che forse, senza libro ...weiter

    "In realtà, ogni lettore quando legge, è il lettore di se stesso. L'opera è solo una sorta di strumento ottico che lo scrittore offre al lettore per consentirgli di scoprire ciò che forse, senza libro, non avrebbe visto in se stesso. Il riconoscimento dentro di sè, da parte del lettore, di ciò che il libro dice, è la prova della verità." p. 30

    gesagt am