Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Will You Please Be Quiet, Please

(Panther S.)

By

Publisher: The Harvill Press

4.0
(1763)

Language:English | Number of Pages: 192 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Portuguese , Italian , Spanish , French , German , Chi traditional

Isbn-10: 1860466044 | Isbn-13: 9781860466045 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Softcover and Stapled , Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like Will You Please Be Quiet, Please ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
With this, his first collection of stories, Raymond Carver breathed new life into the American short story. Carver shows us the humor and tragedy that dwell in the hearts of ordinary people; his stories are the classics of our time.
Sorting by
  • 4

    Cogliere i minuscoli segnali della catastrofe

    Questo è il senso della scrittura di Carver: far permeare da una realtà indifferente e dura piccoli e inquietanti elementi che ci indicano tragedie e sofferenze che incombono su di noi.... Come se gli ...continue

    Questo è il senso della scrittura di Carver: far permeare da una realtà indifferente e dura piccoli e inquietanti elementi che ci indicano tragedie e sofferenze che incombono su di noi.... Come se gli stessi eventi, oggetti, parole della realtà quotidiana fossero una spada di Damocle dalla quale possiamo distogliere gli occhi solo per poco. La grandezza e l'unicità di questo scrittore sta proprio nel saper far percolare da semplici e quotidiani elementi della vita piccole goccie di distruzione in un "senso di crescente disperazione risentita".
    Oltre al racconto finale che dà il titolo alla raccolta, segnalo anche "Egregio Signore,.." e "Cosa ci sarà mai in Alaska".

    said on 

  • 3

    Libro d'esordio di Carver che conosco solo per Cattedrale. Rispetto a quello, questo libro ha lo stesso tono minimalista, lo stesso interesse realista e lo stesso senso di desolazione e di incompiuto. ...continue

    Libro d'esordio di Carver che conosco solo per Cattedrale. Rispetto a quello, questo libro ha lo stesso tono minimalista, lo stesso interesse realista e lo stesso senso di desolazione e di incompiuto. Come il successivo Cattedrale non posso dire che sia il mio genere, ma qui la scrittura è più in carne, alcuni racconti denotano una struttura più consona e, pur essendo tutti emotivamente importanti, alcuni sono semplicemente perfetti (tra i miei preferiti Perché, tesoro mio? e Biciclette, muscoli e sigarette) in un crescendo dai primi agli ultimi.

    said on 

  • 3

    Libro d'esordio di Carver che conosco solo per Cattedrale. Rispetto a quello, questo libro ha lo stesso tono minimalista, lo stesso interesse realista e lo stesso senso di desolazione e di incompiuto. ...continue

    Libro d'esordio di Carver che conosco solo per Cattedrale. Rispetto a quello, questo libro ha lo stesso tono minimalista, lo stesso interesse realista e lo stesso senso di desolazione e di incompiuto. Come il successivo Cattedrale non posso dire che sia il mio genere, ma qui la scrittura è più in carne, alcuni racconti denotano una struttura più consona e, pur essendo tutti emotivamente importanti, alcuni sono semplicemente perfetti (tra i miei preferiti Perché, tesoro mio? e Biciclette, muscoli e sigarette) in un crescendo dai primi agli ultimi.

    said on 

  • 5

    Sospendete i romanzi e lanciatevi sui racconti

    Ho letto romanzi per così tanto tempo che mi ero dimenticata quanto potesse essere intenso un racconto breve. E Carver per questo è il migliore, adoro il suo minimalismo secco, asciutto, dritto. Nessu ...continue

    Ho letto romanzi per così tanto tempo che mi ero dimenticata quanto potesse essere intenso un racconto breve. E Carver per questo è il migliore, adoro il suo minimalismo secco, asciutto, dritto. Nessuno come lui sa catturare dei micro comportamenti umani che apparentemente sono insignificanti ma che invece nascondono l'essenza di una persona, di una relazione, di una vita.
    Ora è tempo di leggere subito un'altra raccolta di Carver.

    said on 

  • 5

    "Vuoi star zitta, per favore?" ("Will You Please Be Quiet, Please?") è la prima raccolta di racconti di Carver.
    Sono ventidue storie di uomini e donne in affanno, poveri diavoli a volte rassegnati a v ...continue

    "Vuoi star zitta, per favore?" ("Will You Please Be Quiet, Please?") è la prima raccolta di racconti di Carver.
    Sono ventidue storie di uomini e donne in affanno, poveri diavoli a volte rassegnati a vivere l'esistenza in cui si sono ritrovati, a volte trattenuti dentro una realtà tanto più tragica quanto più rivestita esteriormente da una patina di normalità, da cui si sforzano inutilmente di uscire.
    È una desolante galleria di problemi economici, matrimoni a rotoli, fallimenti, insoddisfazioni personali e incomunicabilità, sullo sfondo di cittadine o ampi spazi rurali dell'alta California, dell'Oregon e dello stato di Washington su fino al confine col Canada.
    Ma soprattutto è un libro splendido, è Letteratura con la L maiuscola, da 5 stelline.

    PS: ci sono tuttavia dei racconti che mi sono piaciuti più degli altri. Nell'ordine: "Loro non sono tuo marito", "Ventiquattro ettari", "Che ci sarà mai in Alaska?", "Scuola serale", "Che si fa a San Francisco?", "La moglie dello studente", "Provi a mettersi nei miei panni", "Jerry, Molly e Sam", "E guarda questa!", "Biciclette, muscoli, sigarette", "I chilometri sono effettivi?".
    E poi continuo a pensare alla lettera di quella povera madre terrorizzata dal figlio sadico... Un racconto diverso da tutti gli altri, sia per la forma sia per la tensione da thriller di cui è permeato.

    said on 

  • 0

    Mi sono accostata a questo libro, forse perché attirata dallo stile lineare e sapiente dell'autore...Il titolo stesso ha catturato la mia attenzione...come se fosse un invito a non pensare troppo e a ...continue

    Mi sono accostata a questo libro, forse perché attirata dallo stile lineare e sapiente dell'autore...Il titolo stesso ha catturato la mia attenzione...come se fosse un invito a non pensare troppo e a fermarmi un po'per"dialogare"in silenzio con l'autore che sa scrivere con uno stile essenziale e senza fronzoli.

    said on 

  • 4

    Quando scrivere senza enfasi diventa genialità...

    Piccola premessa: se cercate trame avvincenti e colpi di scena, non leggete Carver per favore. Se invece volete scoprire qualcosa di più sul genere umano e sulla miseria che spesso si appiccica alla v ...continue

    Piccola premessa: se cercate trame avvincenti e colpi di scena, non leggete Carver per favore. Se invece volete scoprire qualcosa di più sul genere umano e sulla miseria che spesso si appiccica alla vita di qualcuno di noi, allora godetevi questi racconti essenziali, minimalisti all'eccesso. Qui si raccontano solo vite normali, monotone, senza futuro: umanità vera e ridotta all'osso, umanità succube della propria esistenza insignificante, incapace di costruire rapporti sentimentali e imprigionata nelle proprie scelte. Disagi affettivi, lavorativi, esistenziali: Carver non giudica, non rimedia, non trova soluzioni, ma lascia intravedere la grandiosità del piccolo momento, della quotidianità, del protagonismo fatto di nulla ma vero, reale, immenso solo per il fatto di averlo vissuto. Scrittura impeccabile, cruda ed essenziale ma incredibilmente piena di vita: il dettaglio che lascia intuire il tutto.

    said on 

  • 4

    Scrivere ombre

    Storie ad altissimo contenuto umano, stile elegante, esatto e ispirato, narrazione sintetica connotata da intensa pregnanza: queste sono alcune delle caratteristiche conosciute dei racconti di Raymond ...continue

    Storie ad altissimo contenuto umano, stile elegante, esatto e ispirato, narrazione sintetica connotata da intensa pregnanza: queste sono alcune delle caratteristiche conosciute dei racconti di Raymond Carver, che si ritrovano immutate e potenti in questo volume. Che vi racconti due ragazzi alle prese con la trota più grande che si sia mai vista, i tormenti di un uomo che vuole abbandonare il cane dei suoi figli o vi descriva una gelosia che non si riesce a sopire, l'autore non rinuncia mai ad avvicinarsi ai suoi protagonisti, ai tradimenti, agli inganni, all'oblio e al desiderio, declinando pagina per pagina un'antologia di fallimenti e disincanti che palpita di sangue, epifanie e sogni. Vuoi danzare, per favore?

    said on 

  • 5

    Non approcciatelo come maestro del minimalismo, definizione tralaltro che non gli piaceva. Si tratta di una manciata di racconti di adulti mancati, alle prese con grossi guai: soldi e donne in primis. ...continue

    Non approcciatelo come maestro del minimalismo, definizione tralaltro che non gli piaceva. Si tratta di una manciata di racconti di adulti mancati, alle prese con grossi guai: soldi e donne in primis. Inutili storie di provincia, in cui vi riconoscerete dolorosamente.

    said on 

Sorting by