Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

With or without you

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

3.1
(61)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 174 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817005517 | Isbn-13: 9788817005517 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace With or without you?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Francesco D'Aprile sogna di fare l'attore. Trascorre le sue giornate in unastanza che riflette il disordine di una vita immaginaria e frequenta unlaboratorio in un misterioso palazzo ottocentesco, in attesa che qualcosaaccada. Il suo sogno sembra avverarsi quando viene invitato a Roma perun'importante audizione teatrale. È la storia di un viaggio tra Bari, Firenzee Roma raccontata in un presente emblematico, gli ultimi giorni del 1999, alloscoccare del nuovo millennio. È un viaggio verticale nel tempo e orizzontalenell'anima del protagonista. Francesco Carofiglio vive a Bari. È architetto,attore e regista. Questo è il suo primo romanzo.
Ordina per
  • 2

    "Sono stati dei mesi lunghi e pieni di cose e la mia vita si è messa a correre a doppia velocità. Come sempre. E più del solito. Da una parte quella ufficiale con i ritmi serrati del mondo dove ho incontrato gente, persone e ho messo dei soldi da parte con una bella faccia rassicurante e il sorri ...continua

    "Sono stati dei mesi lunghi e pieni di cose e la mia vita si è messa a correre a doppia velocità. Come sempre. E più del solito. Da una parte quella ufficiale con i ritmi serrati del mondo dove ho incontrato gente, persone e ho messo dei soldi da parte con una bella faccia rassicurante e il sorriso consapevole e severo dietro un bel paio di baffi di cartone. E poi la notte. Dove mi sono cambiato d'abito e ho tolto tutte le cose strette dai polsi e dalle caviglie. E mi sono riempito un bicchiere di brandy e ho percorso in penombra tutte le facce di questa stanza popolata da milioni di facce. Dinanzi alla tastiera e alle cartoline ingiallite. E ogni tanto ho riempito la pipa col black ambrosia made in denmark e ho tirato boccate potenti e scenografiche nel fume cinestetico che riempiva l'ambiente. E ho scritto. Lasciando che venisse da sé. E lasciando che ogni faccia mi raccontasse una cosa e le cose prendessero forma. Una forma qualsiasi.
    E adesso sono alla fine. E l'ho voluto io che questa cosa finisse insieme agli spiccioli di questo secolo. Per darmi un respiro e sentirmi in una parte precisa di un disegno preciso. Una bella tavola a china su carta martellata con un milione di segni e figure minuscole. Per sentirmi una di quelle figure."

    Siamo alle soglie del duemila, alle prime connessioni internet con il segnale acustico ed alle prime e-mail.
    Francesco sogna di fare l'attore, e quello che scrive è una sorta di diario di viaggio tra Roma, Bari e Firenze: la rincorsa di un sogno, la ricerca di se stesso.

    Continua qui: http://sullungomaredellibro.blogspot.it/2014/04/francesco-carofiglio-with-or-without-you.html

    ha scritto il 

  • 3

    tenero e accattivante il passato, un po' pretenzioso e disordinato il presente, pleonastico il chattare con sara. il primo carofiglio, autobiografico spinto, ma con una freschezza che poi forse si è un po' perduta.

    ha scritto il 

  • 3

    Senza

    senza troppe pretese, a parte la colonna sonora degli U2, questo racconto lungo di come diventare attore non mi ha particolarmente entusiasmato. Tra l'altro frequenti errori o refusi innervosiscono nella lettura...

    ha scritto il 

  • 3

    Il protagonista di questo romanzo di formazione è Francesco, un giovane architetto che sogna di fare l'attore, un pò l'alter-ego dello scrittore. Un giorno viene chiamato a Roma per un'audizione con il grande Albertazzi, un'occasione che non va assolutamente persa...
    Dopo aver letto i più r ...continua

    Il protagonista di questo romanzo di formazione è Francesco, un giovane architetto che sogna di fare l'attore, un pò l'alter-ego dello scrittore. Un giorno viene chiamato a Roma per un'audizione con il grande Albertazzi, un'occasione che non va assolutamente persa...
    Dopo aver letto i più recenti e bellissimi "L'estate del cane nero" e "Ritorno nella valle degli angeli", nei quali Francesco Carofiglio ha raggiunto una certa maturità e consapevolezza, mi è stato difficile apprezzare appieno il suo primo scritto. Il mio errore è stato proprio quello di leggere i suoi libri nell'ordine sbagliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Si legge bene, purtroppo a suo discapito va il fatto che in giro ce ne sono troppe di storie così di quarantenni che per tutta la vita hanno fatto altro dallo scrittore, ma alla soglia del quarantesimo anno si fanno prendere dallo sfizio di sfornareil libricino che è un po' autobiografico e un po ...continua

    Si legge bene, purtroppo a suo discapito va il fatto che in giro ce ne sono troppe di storie così di quarantenni che per tutta la vita hanno fatto altro dallo scrittore, ma alla soglia del quarantesimo anno si fanno prendere dallo sfizio di sfornareil libricino che è un po' autobiografico e un po' fantasia, una sorta di autocelbrazione di se stessi, come dire mo lo faccio vedere a tutti che je l'ho fatta e scrivo pure il libro. comunque questo di carofiglio diversamente da altri zibaldoni è più spontaneo, meno forzato, in alcuni punti anche delicato.

    ha scritto il