Wolf Hall

A Novel

By

Publisher: Picador USA

3.8
(493)

Language: English | Number of Pages: 640 | Format: Audio CD | In other languages: (other languages) Portuguese , Chi traditional , Italian , Spanish , Czech , German , Romanian , French , Dutch , Polish

Isbn-10: 1427210160 | Isbn-13: 9781427210166 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Paperback , Softcover and Stapled , eBook , Others , Leather Bound

Category: Fiction & Literature , History , Philosophy

Do you like Wolf Hall ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Assuming the power recently lost by the disgraced Cardinal Wolsey, Thomas Cromwell counsels a mercurial Henry VIII on the latter's efforts to marry Anne Boleyn against the wishes of Rome, a successful endeavor that comes with a dangerous ...
Sorting by
  • 3

    Per gli amanti del romanzo storico

    Inghilterra, 1533. Il trono inglese non ha un erede. Se il re morisse senza erede maschio sarebbe un disastro colossale e potrebbe sprofondare il Paese in una sanguinosa guerra civile. Re Enrico VIII ...continue

    Inghilterra, 1533. Il trono inglese non ha un erede. Se il re morisse senza erede maschio sarebbe un disastro colossale e potrebbe sprofondare il Paese in una sanguinosa guerra civile. Re Enrico VIII è sposato da vent’anni con Caterina D’Aragona che le ha dato solo una figlia femmina, Mary, ma non può più avere figli. Invaghitosi di Anna Bolena, giovane e fresca, proveniente dalla corte francese di Francesco I, la vuole a tutti i costi sposare, e poter considerare eredi effettivi i figli che potrebbe da lei avere. Per liberarsi del legame con Caterina, Enrico VIII deve trovare il modo di annullare il suo matrimonio. La scusa è quella che Caterina è stata per tre mesi la moglie di suo fratello Arturo, ex principe di Galles, primo erede al trono di Enrico VII, ma morto giovanissimo di febbre, e che Enrico avrebbe vissuto per vent’anni un amore incestuoso, perché all’epoca, la moglie di un fratello andava considerata come una sorella, e il Levitico riportava che non ci si poteva sposare tra fratelli, tanto che per sposarla aveva dovuto chiedere una dispensa papale. La storia la conosciamo tutti o quasi, ma la Mantel è stata brava a considerare Enrico VIII solo un co-protagonista di questo libro e puntare tutto sul personaggio di Thomas Cromwell. Thomas Cromwell è passato alla storia come un uomo crudele, un arrampicatore sociale, pronto a tutto pur di fare carriera. Ma la Mantel ribalta la storia e lo descrive come un abile imprenditore che si è costruito da sé, dotato di una grande testa e di molta autodisciplina. Come un padre, un marito e un fratello, deciso a ribaltare le sorti della sua infanzia vissuta in povertà, e offrire alla sua famiglia, quello che lui non ha mai avuto, sicurezza e benessere. E’ un uomo del cardinale Wolsey, Lord Cancelliere d’Inghilterra, figlio di un fabbro che basandosi sulle sue sole capacità, ha forgiato il suo destino, influendo sulla storia d’Inghilterra. Ovviamente questo è un romanzo, quindi la Mantel ingigantisce forse la grande intelligenza, e i tratti oscuri di questa figura storica, cercando di raccontarci gli eventi storici, inserendoli in una vita privata romanzata. La Mantel ci racconta Cromwell da undicenne ragazzino che prendeva botte a destra e a manca da suo padre ubriacone, fino alla gloria della sua elezione a Lord Cancelliere. Una persona di cui Enrico VIII non riusciva a fare a meno, tanto da elevarlo, da quell’umile persona che era, ad un incarico di tutto prestigio. Ci racconta, romanzandola, della vita di Cromwell nella sua magione di Austin Friars, del microcosmo da lui creato con la sua famiglia, con le sue amicizie, e perché no, anche con i suoi nemici. Ci parla dei grandi temi politici, economici e religiosi del periodo Tudor, trattati attraverso la vita quotidiana del protagonista. L’uso da parte della Mantel della prima persona, porta ad abbattere le barriere temporali che separano il lettore contemporaneo dall’epoca storica. Il lettore partecipa nella storia che il protagonista vive, alle sue certezze, alle sue domande. Scopriremo il carattere molto volubile di Enrico VIII, alle volte gagliardo, alle volte impaurito. Un’Anna Bolena acida e petulante, che sapeva come portare il Re dalla sua parte. Conosceremo una Maria Bolena, sorella di Anna, usata come suo punta spilli, e usata anche da Re Enrico come sua sostituta, che qui si dice anche madre di due suoi bastardi mai riconosciuti. Parteciperemo agli intrighi di corte messi in atto dalla famiglia Bolena/Howard, per far si che il matrimonio tra Anna e Re Enrico si svolga a tutti i costi, e le mosse e gli studi di Cromwell per rendere legge la riforma protestante della Chiesa d’Inghilterra. Lo vedremo scontrarsi con Tommaso Moro, che qui ci viene indicato come uno spregiudicato difensore della supremazia della Chiesa di Roma che appoggiava indefessamente il Papato. Ma al di là del personaggio storico, è più il Cromwell privato che conquista il lettore. Il padre, il marito, quello che si ricaricava in presenza della sua famiglia allargata, con i suoi capisaldi, i lontani parenti e tutti i pupilli adottati nell’arco della sua vita. La quotidianità, le passioni dell’uomo che ha lasciato un’impronta nella storia, indelebile ancora oggi. Consigliato a chi ama il romanzo storico. Voto: 7,5

    said on 

  • 5

    Un'immersione totale e molto affascinante nel XVI secolo

    Premessa: amo i romanzi storici.
    Ma qualunque libro riesca a tenermi incollata per oltre 700 pagine si guadagna un posto d'onore nella mia personale galleria dei preferiti a prescindere dal genere.
    La ...continue

    Premessa: amo i romanzi storici.
    Ma qualunque libro riesca a tenermi incollata per oltre 700 pagine si guadagna un posto d'onore nella mia personale galleria dei preferiti a prescindere dal genere.
    La Mantel riesce a ricostruire le atmosfere dell'epoca Tudor, con i suoi intrighi, le sue vicissitudini politiche e le sue ripercussioni sulla chiesa, il tutto filtrato dal punto di vista di Thomas Cromwell, determinato e lucidissimo funzionario di corte.
    Lo stile non è dei più semplici, con il suo passare dai fatti ai pensieri senza soluzione di continuità, ma una volta entrati nella logica dell'autrice si è inevitabilmente vittima del suo incantesimo.

    said on 

  • 4

    La Mantel ha la grandissima capacità di immergerti totalmente nelle atmosfere Tudor. Romanzo storico affascinante ma mi ci è voluto qualche ripasso di Storia Inglese per orientarmi nelle dinastie e ne ...continue

    La Mantel ha la grandissima capacità di immergerti totalmente nelle atmosfere Tudor. Romanzo storico affascinante ma mi ci è voluto qualche ripasso di Storia Inglese per orientarmi nelle dinastie e nei personaggi di corte.

    said on 

  • 4

    E' un ritratto dell'epoca di Enrico VIII° e degli intrighi che costellano la corte inglese Tudor del '500. Le vicende di Thomas Cromwell coinvolgono il lettore dalle prime pagine all'ultima.
    Da legger ...continue

    E' un ritratto dell'epoca di Enrico VIII° e degli intrighi che costellano la corte inglese Tudor del '500. Le vicende di Thomas Cromwell coinvolgono il lettore dalle prime pagine all'ultima.
    Da leggere.

    said on 

  • 3

    Tour de force notevole. Tre stelline per la vicenda, non certo per come è scritto: faticosissimo,non si capisce se i problemi sono dovuti alla traduzione o se è la scrittura della Mantel ad essere pe ...continue

    Tour de force notevole. Tre stelline per la vicenda, non certo per come è scritto: faticosissimo,non si capisce se i problemi sono dovuti alla traduzione o se è la scrittura della Mantel ad essere pesante.

    said on 

  • 3

    Che fatica!

    Il grande pregio di questo libro è che ti fa proprio entrare nella testa di Thomas Cromwell: il problema è che Cromwell era molto più intelligente di me e ho fatto fatica a seguire il filo dei suoi pe ...continue

    Il grande pregio di questo libro è che ti fa proprio entrare nella testa di Thomas Cromwell: il problema è che Cromwell era molto più intelligente di me e ho fatto fatica a seguire il filo dei suoi pensieri e ad arrivare fino alla fine.

    said on 

  • 4

    Wolf Hall: A Novel

    The author approaches the often-told story of the uproar surrounding Henry VIII and Katherine of Aragon by focusing on Thomas Cromwell, a self-made man who finds himself at the center of power in the ...continue

    The author approaches the often-told story of the uproar surrounding Henry VIII and Katherine of Aragon by focusing on Thomas Cromwell, a self-made man who finds himself at the center of power in the turbulent Tudor court. This approach gives freshness and excitement to a story which, while engrossing, may have grown stale to some readers.
    Historical fiction both erudite and fun. Worth reading before viewing the stage or television adaptations.

    said on 

Sorting by