Wondrous strange

Arcane meraviglie

Di

Editore: Lain

3.7
(446)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 301 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8876250557 | Isbn-13: 9788876250552 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: L. Olivieri

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Adolescenti

Ti piace Wondrous strange?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Sin dall'alba dei tempi, le fate hanno sempre rubato i bambini dei mortaliŠ Per la diciassettenne Kelley Winslow, le fate esistono soltanto nelle fiabe; o tra le pagine della commedia di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate, di cui sta studiando il copione a Central Park. Poi incontra Sonny Flannery, e tutto cambia: Kelley comprende che il limite tra la realtà e l'immaginazione è fragile e mutevole, che nulla è mai come appare. Ma chi è in realtà Sonny? Rapito ancora in fasce dal popolo delle fate, cresciuto nella reggia del re Auberon e della sua Corte dell'Inverno, il ragazzo è uno dei guardiani della porta di Samhain, che connette il mondo dei mortali con il regno degli esseri fatati. Sigillata per volere del Re, la porta si apre solo due volte all'anno. Sonny ora è nel parco, in attesa del calar della notte e del momento che segnerà l'apertura dello spiraglio da cui le fate potrebbero tentare di attraversare il confine tra i due mondi. Suo compito è quello di impedirlo, anche a costo della vita: ma quest'anno sta per accadere qualcosa di diverso, qualcosa di meraviglioso e terribile.
Ordina per
  • 4

    Tutta colpa di un Kelpie

    Inutile dirlo, ma vorrei una piccola casa in mezzo al bosco dove poter mettere su un allevamento di Kelpie. Sono così adorabili. Istinti carnivori compresi. E Lucky non fa eccezione.
    Come libro non è ...continua

    Inutile dirlo, ma vorrei una piccola casa in mezzo al bosco dove poter mettere su un allevamento di Kelpie. Sono così adorabili. Istinti carnivori compresi. E Lucky non fa eccezione.
    Come libro non è male, anche (come sempre) trovo le storie d'amore sviluppate in un paio di giorni un pò scontate e per nulla emozionanti. Kelley e Sonny sono dei bei personaggi, ma mi aspettavo uno svluppo maggiore della loro sfera emotiva. Oh beh. Anche da questo dettaglio si capisce che è un libro rivolto ai Teen.
    Ad ogni modo, ha tutti gli ingredienti giusti per un libro del suo genere:
    - I sovrani delle Corti
    - Intrighi politici
    - Bambini rapiti
    - Esseri fatati che stanno tra gli umani
    - Il tenebroso protagonista
    - Un Kelpie
    - Un ballo fatato
    - La Caccia Selvaggia
    - Un finale aperto che ti invoglia a uccidere qualcuno
    Insomma, un classico libro sulle fate. La trama non sarà originale, ma nel suo piccolo si fa apprezzare.

    ha scritto il 

  • 3

    Un buono libro, lettura piacevole e ritmo scorrevole.
    Bei personaggi, sviluppi intriganti e una trama senza troppe pretese.
    Ma allora perchè non mi ha trasmesso niente? ç__ç

    ha scritto il 

  • 4

    Bella trilogia, l'idea di fondo mi piace e l'autrice è riuscita a mantenere le aspettative. E' molto breve come romanzo e scorrevole, due fattori che mi hanno portato a terminare il libro in un pomeri ...continua

    Bella trilogia, l'idea di fondo mi piace e l'autrice è riuscita a mantenere le aspettative. E' molto breve come romanzo e scorrevole, due fattori che mi hanno portato a terminare il libro in un pomeriggio. In questop rimo volume si comoscono molti personaggio ma solo i protagonisti vengono descritti bene, per gli altri se ne riparlerà nei relativi sequel. Consigliata assolutamente, una lettura fresca e interessante, specie per gli amanti di "Sogno di una notte di mezza estate"!

    ha scritto il 

  • 3

    Sogno di una notte di mezza estate

    Bella l'idea di partire dall'opera di Shakespeare per iniziare a raccontare questa storia, in bilico tra il romanzo e la favola, tra il sogno e la realtà.
    Kelley e Sonny sono due personaggi ben riusci ...continua

    Bella l'idea di partire dall'opera di Shakespeare per iniziare a raccontare questa storia, in bilico tra il romanzo e la favola, tra il sogno e la realtà.
    Kelley e Sonny sono due personaggi ben riusciti, per quanto piuttosto prevedibili nei comportamenti, almeno in questo primo capitolo della saga.
    Colpi di scena piuttosto ben riusciti, a cominciare dalla natura dei protagonisti rispetto alle prime impressioni di inizio romanzo, per proseguire oltre.
    Molto fantasy e meno urban, rispetto ad altri urban fantasy, qui il mondo fatato ha la prevalenza, forse proprio per le caratterisitche di vita della protagonista, che si muove in un campo piuttosto ristretto (appartamento, teatro e Central Park). La parte romance è piuttosto stereotipata e totalmente prevedibile, ma lasciamo aperti i possibili sviluppi, sperando portino con sè anche un maggiore spessore per personaggi e loro storia.
    Questo romanzo alla fine è esattamente quello che promette, senza raggiungere picchi di stupore o di delusione. Teatro, sogno, illusione, leggende, fate, misteri, avventura e sentimentalismo.

    ha scritto il 

  • 4

    Sin dall’alba dei tempi, le fate hanno sempre rubato i bambini dei mortali… Per la diciassettenne Kelley Winslow questi esseri magici esistono soltanto nelle fiabe, o tra le pagine della commedia di S ...continua

    Sin dall’alba dei tempi, le fate hanno sempre rubato i bambini dei mortali… Per la diciassettenne Kelley Winslow questi esseri magici esistono soltanto nelle fiabe, o tra le pagine della commedia di Shakespeare “Sogno di una notte di mezza estate”, di cui sta studiando il copione a Central Park. Poi incontra Sonny Flannery, e tutto cambia: Kelley comprende che il limite tra la realtà e l’immaginazione è fragile e mutevole, che nulla è mai come appare. Ma chi è in realtà Sonny? Rapito ancora in fasce dal popolo delle fate, cresciuto nella reggia del re Auberon e della sua corte degli abissi, il ragazzo è uno dei guardiani della Porta di Samhain, che connette il mondo dei mortali con il regno degli esseri fatati. Scritto nella migliore tradizione dell’urban fantasy, “Wondrous Strange” narra, con ritmo ineguagliabile e un pizzico di squisita ironia, una storia di tradimenti e d’amore, di vendette e di oscure magie.

    ha scritto il 

  • 4

    Arcane Meraviglie, primo libro della trilogia Wondrous Strange ci introduce nel magico mondo raccontato da Shakespeare in Sogno di una notte di mezza estate.
    Il libro è un vero gioiellino, perchè pur ...continua

    Arcane Meraviglie, primo libro della trilogia Wondrous Strange ci introduce nel magico mondo raccontato da Shakespeare in Sogno di una notte di mezza estate.
    Il libro è un vero gioiellino, perchè pur tenendo un ritmo degno del miglior urban fantasy, se ne discosta per originalità e, per certi versi si avvicina di più ad un fantasy classico.
    Streghe, animali mitologici, intrighi e un grande amore vi terranno incollati fino all'ultima pagina.
    Consigliatissimo se volete spezzare le solite letture!!

    ha scritto il 

Ordina per