Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

World without End

By

Publisher: Pan Macmillan

4.1
(8032)

Language:English | Number of Pages: 1200 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , Catalan , German , French , Swedish , Dutch , Portuguese , Hungarian

Isbn-10: 0330490702 | Isbn-13: 9780330490702 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , Softcover and Stapled , Mass Market Paperback , eBook , Others

Category: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature , History

Do you like World without End ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
On the day after Halloween, in the year 1327, four children slip away from the cathedral city of Kingsbridge. They are a thief, a bully, a boy genius and a girl who wants to be a doctor. In the forest they see two men killed. As adults, their lives will be braided together by ambition, love, greed and revenge. They will see prosperity and famine, plague and war. One boy will travel the world but come home in the end; the other will be a powerful, corrupt nobleman. One girl will defy the might of the medieval church; the other will pursue an impossible love. And always they will live under the long shadow of the unexplained killing they witnessed on that fateful childhood day.Ken Follett's masterful epic "The Pillars of the Earth" enchanted millions of readers with its compelling drama of war, passion and family conflict set around the building of a cathedral. Now "World Without End" takes the readers back to medieval Kingsbridge two centuries later, as the men, women and children of the city once again grapple with the devastating sweep of historical change.
'Follett's storytelling skills keep you compulsively turning the pages to the satisfactory ending of good triumphant over evil' - "Daily Mail".
Sorting by
  • 3

    La narrativa

    Non si legge un libro di Follett aspettandosi della letteratura: piuttosto, si vorrebbe trovare una bella storia, ben raccontata, a cui appassionarsi.

    Per quanto mi riguarda, credo che dal punto di vi ...continue

    Non si legge un libro di Follett aspettandosi della letteratura: piuttosto, si vorrebbe trovare una bella storia, ben raccontata, a cui appassionarsi.

    Per quanto mi riguarda, credo che dal punto di vista della trama ci sia un numero irrealistico di difficoltà per i personaggi - ogni volta che qualcosa può andare storto, va storto, ma non tanto storto che alla fine non finisca bene -, e ho invece apprezzato la meno netta divisione tra buoni e cattivi rispetto ai Pilastri: anche a chi alla fine è assegnato il ruolo di malvagio ha dei momenti/sentimenti da buono, e così per i buoni. Il fatto che i tempi e i luoghi siano più ristretti rispetto al romanzo precedente mantiene per altri versi l'intreccio più plausibile: non ci sono rivalità che si prolungano di padre in figlio, o nemici che si riincontrano casualmente a centinaia di chilometri di distanza da casa.

    Dicevo che per fare della buona narrativa bisogna fare in modo che il lettore si appassioni ai personaggi: non so se ho seguito il piano dell'autore arrivando ad augurarmi la morte di Caris, coprotagonista del libro, a pagine alterne. Così facendo sono stato certo coinvolto nella narrazione, ma apprezzo più un libro quando posso tifare per i protagonisti, anziché desiderarli fuori dalla scena il prima possibile.

    said on 

  • 5

    Non pensavo che Ken Follet fosse in grado di conquistarmi anche con il "seguito" de I Pilastri della Terra....invece c'è riuscito alla grande! Rare volte mi capita di dispiacermi per aver terminato un ...continue

    Non pensavo che Ken Follet fosse in grado di conquistarmi anche con il "seguito" de I Pilastri della Terra....invece c'è riuscito alla grande! Rare volte mi capita di dispiacermi per aver terminato un libro: in questo caso avrei voluto che non finisse mai! :-)

    said on 

  • 4

    Kingsbridge Revival

    Questo romanzo di circa 1400 pagine, oltre ad essere un'arma contundente per il suo peso e il suo volume, si rivela un'opera piacevole ed evocativa.
    Lo stile di Follett è come sempre semplice, scorrev ...continue

    Questo romanzo di circa 1400 pagine, oltre ad essere un'arma contundente per il suo peso e il suo volume, si rivela un'opera piacevole ed evocativa.
    Lo stile di Follett è come sempre semplice, scorrevole, e molto lineare a tal punto che quell'impressionante numero di pagine si fa poco a poco meno spaventoso durante la lettura. E' uno stile che personalmente apprezzo, simile alla sceneggiatura di un lungo telefilm medievale che non vuole essere troppo contorto; in cui ogni puntata è capace di sbalordire con un colpo di scena, che solitamente si traduce in una sventura o in un avvenimento fortuito capace di portare i personaggi al declino o di farli prosperare a seconda del caso.
    Ciononostante il libro non gode di una trama vera e propria che fa da struttura portante alle vicende, come la costruzione della cattedrale che faceva da sfondo alle avventure ne "I Pilastri della Terra". Non si può certo dire che il misterioso delitto al quale i quattro protagonisti assistono durante la loro infanzia possa assolvere a questo compito, il segreto legato a questo fatto rimarrà ininfluente per la stragrande maggioranza del tempo, acquisendo un certo risalto solo nelle battute finali.
    Tralasciando queste constatazioni, che non mi sento di definire vere e proprie critiche, devo dire che in "Mondo Senza Fine" ho trovato ciò che stavo cercando, ovvero l'atmosfera medievale avvolgente che l'autore è stato in grado di far sentire al lettore nel titolo precedente. L'affresco medievale che ritrae monaci, artigiani e carpentieri viene ricreato nuovamente ma inserito in un'ottica proiettata verso gli anni moderni. Sono anni nei quali le tenebre dell'ignoranza e del fanatismo religioso iniziano a dissolversi, dove la superstizione comincia lentamente a cedere il passo alla ricerca medica, contrapposta agli inefficaci rimedi degli antichi monaci filosofi; e lo studio delle leggi fisiche e delle nuove tecniche permette di trovare nuove soluzioni per edificare e preservare le opere architettoniche.
    Altra peculiarità del romanzo è il parallelismo con il suo predecessore: il priorato che funge da centro nevralgico di Kingsbridge, anche se la crescita sempre più florida della città spinge i mercanti a chiedere una maggior autonomia; l'eredità caratteriale dei vecchi personaggi che si trasmette attraverso due secoli fino ai nuovi giovani protagonisti Caris (commerciante di lana e incarnazione di Aliena) e Merthin (architetto e incarnazione di jack); i soliti nemici tra cui priori e conti mossi dall'ambizione e dal desiderio di vendetta pronti a tendere le trappole più bieche pur di prevaricare sugli altri nella risalita della scala sociale. Tutto questo immerso ancora una volta in un contesto storico adeguatamente ricercato e studiato che tocca l'Inghilterra, la Francia e l'Italia durante l’epoca del flagello della Peste Nera.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Bello ma ...

    non mi ha appassionata e convinta del tutto.
    Sicuramente rispetto a "Pilastri della Terra" fa una magra figura, troppi andirivieni, troppe cose che si ripetono all'interno delle stesso libro ... gira ...continue

    non mi ha appassionata e convinta del tutto.
    Sicuramente rispetto a "Pilastri della Terra" fa una magra figura, troppi andirivieni, troppe cose che si ripetono all'interno delle stesso libro ... gira e rigira succedono le stesse cose a tutti i personaggi! Per non parlare dell'infinito tira e molla tra Caris e Merthin!
    Il mio personaggio preferito è Gwenda, ma non mi è piaciuta per niente nel finale con Annet!
    Non lo so mi aspettavo di meglio onestamente.

    said on 

  • 4

    Il mondo senza fine risulta veramente un romanzo piacevole. I riferimenti ai pilastri della terra sono comunque limitati anche se richiamano alla memoria "vecchie vicende" di "vecchi amici". Ad un tra ...continue

    Il mondo senza fine risulta veramente un romanzo piacevole. I riferimenti ai pilastri della terra sono comunque limitati anche se richiamano alla memoria "vecchie vicende" di "vecchi amici". Ad un tratto ho temuto il peggio per un tratto narrativo identico al primo libro, che mi ha guastato un po' la lettura e forse il finale risulta un po' troppo scontato, ma resta comunque un bel libro. 4 stelle piene!

    said on 

  • 5

    La copia spudorata del precedente "I pilastri della terra" ma nonostante tutto l'ho letto con estremo piacere, come quando si rivede un bellissimo film per la seconda o centesima volta. Copione già le ...continue

    La copia spudorata del precedente "I pilastri della terra" ma nonostante tutto l'ho letto con estremo piacere, come quando si rivede un bellissimo film per la seconda o centesima volta. Copione già letto ma allo stesso tempo sempre bello.

    said on 

Sorting by