Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Youth without Youth

By

Publisher: The University of Chicago Press

3.7
(101)

Language:English | Number of Pages: 144 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish

Isbn-10: 0226204154 | Isbn-13: 9780226204154 | Publish date: 

Translator: Mac Linscott Ricketts

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Youth without Youth ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This is soon to be a major motion picture starring Tim Roth and directed by Francis Ford Coppola. Bucharest, 1938: while Hitler gains power in Germany, the Romanian police start arresting students they suspect of belonging to the Iron Guard. Meanwhile, a man who has spent his life studying languages, poetry, and history - a man who thought his life was over - lies in a hospital bed, inexplicably alive and miraculously healthy, trying to figure out how to conceal his identity. At the intersection of the natural and supernatural, myth and history, dream and science, lies Mircea Eliade's novella. Now, in its first paperback edition, the psychological thriller features Dominic Matei, an elderly academic who experiences a cataclysmic event that allows him to live a new life with startling intellectual capacity. Sought by the Nazis for their medical experiments on the potentially life-prolonging power of electric shocks, Matei is helped to flee through Romania, Switzerland, Malta, and India. Newly endowed with prodigious powers of memory and comprehension, he finds himself face-to-face with the glory and terror of the supernatural.
In this surreal, philosophy-driven fantasy, Eliade tests the boundaries of literary genre as well as the reader's imagination. Suspenseful, witty, and poignant, "Youth Without Youth" illuminates Eliade's longing for past loves and new texts, his erotic imagination, and his love of a thrilling mystery. It will be adapted for the screen in 2007 as Francis Ford Coppola's first feature film in over ten years.
Sorting by
  • 0

    Dal film..

    ---
    Preso perché affascinato dal film di Coppola. Eliade è fra i miei to-read, per la sua monumentale opera sulle credenze religiose. Non sono riuscito a farmi prendere da questo veloce romanzo, credo perché il momento non era dei più adattti.
    Magari più avanti.

    said on 

  • 5

    Avevo già visto la pellicola. Devo dire che anche il romanzo è notevolissimo, ben scritto, avvincente, non perde colpi e si 'beve'. Sembra di vedere il film! Romanzo particolarissimo di questo storico delle religioni, morto a Chicago in modo misterioso.

    said on 

  • 4

    Lo ammetto: ho letto il libro per colpa del film.
    Non è comune un'opera cinematografica che colpisca, prenda a schiaffi, distrugga lo spettatore dall'inizio alla fine. Inevitabile saperne di più, inevitabile cercare la parola scritta.
    Il libro di Eliade, a questo punto, diventa il ver ...continue

    Lo ammetto: ho letto il libro per colpa del film.
    Non è comune un'opera cinematografica che colpisca, prenda a schiaffi, distrugga lo spettatore dall'inizio alla fine. Inevitabile saperne di più, inevitabile cercare la parola scritta.
    Il libro di Eliade, a questo punto, diventa il vero capolavoro. In primis per i contenuti, la profondità di pensiero, il coraggio. Ma anche perchè è già di per sè una sceneggiatura, una storia che non conosce spazi di transizione ma che mantiene sempre il livello della narrazione puntato verso il cielo.
    Accoppiata vincente, completezza artistica raggiunta.

    said on 

  • 2

    Che delusione!
    C'è da amare l’Eliade studioso, quando con prosa limpida e chiara ti sa trascinare in una disciplina così complessa come quella delle Religioni comparate.
    La vicenda di questo romanzo sulla carta crea molta curiosità ed è intrigante.
    Non mi è piaciuto il libro, t ...continue

    Che delusione!
    C'è da amare l’Eliade studioso, quando con prosa limpida e chiara ti sa trascinare in una disciplina così complessa come quella delle Religioni comparate.
    La vicenda di questo romanzo sulla carta crea molta curiosità ed è intrigante.
    Non mi è piaciuto il libro, tutto sembra appiccicato e senza pathos.
    Non mi ha soddisfatto nemmeno la trasposizione cinematografica che ne ha tratto Coppola.

    said on 

  • 4

    Capita raramente che sia un film a farmi scoprire l'esistenza di un libro; e capita ancora più raramente che un film che narra la trama di un libro lo rispetti e lo migliori. Questo è uno di quei rari casi. Avevo scoperto per caso il Dvd del film di F.F.Coppola con lo stesso titolo, del 2007. Un ...continue

    Capita raramente che sia un film a farmi scoprire l'esistenza di un libro; e capita ancora più raramente che un film che narra la trama di un libro lo rispetti e lo migliori. Questo è uno di quei rari casi. Avevo scoperto per caso il Dvd del film di F.F.Coppola con lo stesso titolo, del 2007. Un film che è così ricco di suggestioni che ultimamente avevo rivisto di seguito tre volte, catturata ogni volta da una frase, un particolare che alla visione precedente non avevo colto. Così ho ordinato il libro, per capire se vi avrei trovato altre cose omesse nel film. Invece no: fedele al testo fino alla fine. Il libro (e il film)ha più strati di lettura:può essere un racconto intrigante, per alcuni aspetti fantascientifico. Eppure, per ora, dopo molte visioni del film e una lettura del libro, rimango convinta che Eliade in realtà tracci con questo racconto un percorso spirituale, un percorso di apertura a una realtà multidimensionale che forse arriveremo ad accettare fino in fondo solo fra qualche anno. Anche se, in alcuni ambienti scientifici che si occupano di fisica, questa realtà multidimensionale è già oggi accettata. Un libro, quindi, che è un piccolo racconto molto suggestivo e, insieme, una proiezione sul futuro (cioè sull'oggi) che Mircea Eliade prefigura, scrivendolo, negli anni '70. Eravamo già andati sulla Luna, eppure, quarant'anni dopo, alcuni concetti della fisica quantistica faticano a farsi strada in un mondo che ha fatto del pensiero scientifico un verità assoluta. Ecco, Un'Altra giovinezza è una traccia, un sentierino per iniziare ad accettare questa realtà.

    said on