Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Yves Saint Laurent

L'Amour Fou

Di

Editore: Feltrinelli (Real Cinema)

3.8
(15)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 94 | Formato: Cofanetto

Isbn-10: 8807740672 | Isbn-13: 9788807740671 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Alessandro Bignami

Genere: Art, Architecture & Photography

Ti piace Yves Saint Laurent?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A due anni dalla morte di Yves Saint Laurent, il regista-fotografo Pierre Thoretton ricostruisce la vita e l'arte di una stella dell'haute couture del Novecento, un maestro che sapeva caricare le sue creazioni di una vitalità dirompente nonostante una vita privata segnata dalla malinconia e dai morsi della depressione. "Yves Saint Laurent, l'amour fou" è un viaggio struggente attraverso le dimore e gli oggetti di una vita, una storia d'amore lunga cinquant'anni in cui si svela una personalità complessa e fragile, che ha segnato un'epoca come forse nessuno nel suo campo ha saputo fare. Ma è anche una riflessione sulla fama, il lusso, la solitudine. Pierre Bergé, che gli è vissuto una vita accanto, nella gioia e nel dolore, e ha visto Yves Saint Laurent costruire mondi, forme e l'immagine stessa di una donna nuova, ne contempla, rimasto solo, la dissoluzione e la dispersione.
Ordina per
  • 4

    L'amore è il dardo

    Il libro, a parte una piccola splendida anticipazione dell'epistolario di Pierre Bergé che sarà pubblicato da Archinto il prossimo anno con il titolo Lettere a Yves, è al solito un collage abbastanza banale di materiale vario già pubblicato altrove. È una costante di questi volumetti della ...continua

    Il libro, a parte una piccola splendida anticipazione dell'epistolario di Pierre Bergé che sarà pubblicato da Archinto il prossimo anno con il titolo Lettere a Yves, è al solito un collage abbastanza banale di materiale vario già pubblicato altrove. È una costante di questi volumetti della collana Real cinema che li rende fastidiosi e, di fatto, abbastanza inutili. Però il film di Pierre Thoretton è davvero bello ed emozionante. Una storia d'amore straordinaria, nella quale peraltro di fou ci ho trovato ben poco: un grande amore di due grandi uomini.

    ha scritto il 

  • 4

    Il documentario di Pierre Thoretton (al quale ha collaborato, fra gli altri, anche un personaggio che dovrebbe essere familiare ai lettori di Têtu, Thomas Doustaly) è un magnifico ritratto umano di Yves Saint Laurent basato sui ricordi di Pierre Bergé (e di loro antichi amici e collaborato ...continua

    Il documentario di Pierre Thoretton (al quale ha collaborato, fra gli altri, anche un personaggio che dovrebbe essere familiare ai lettori di Têtu, Thomas Doustaly) è un magnifico ritratto umano di Yves Saint Laurent basato sui ricordi di Pierre Bergé (e di loro antichi amici e collaboratori) e sulle affettuose inquadrature delle loro case della vita (per usare una definizione di Mario Praz) affollate di opere d'arte raccolte con amorosa pazienza dalla coppia. L'asta delle collezioni di Rue de Babylone, voluta dallo stesso Bergé (i proventi erano destinati a Sidaction per finanziare la ricerca e le cure per l'AIDS) forma un po' il centro del documentario; le lunghe inquadrature d'interni ombrosi e solinghi, abitati da centinaia di pezzi artistici silenziosi, sembrano evocare il silenzio schivo e malinconico del grande stilista. Non è molto messa in evidenza l'importanza rivoluzionaria di Yves Saint Laurent nella storia della moda, ed è giusto così: quest'omaggio sussurrato e lieve non vuol essere un saggio sulla haute couture. Il libro che accompagna il video contiene prose di vario valore: tra queste, brillano in particolare quelle dello stesso Pierre Bergé, e quelle tratte da un bel libro di Quirino Conti sulla moda, uscito qualche anno fa, Mai il mondo saprà, che curiosamente ho letto qua e là, ma mai in modo sistematico da cima a fondo. Forse non siamo di fronte ad un capolavoro, e certamente la parte "libresca" del cofanetto non è al livello del video, il che m'impedisce di dar cinque stelline all'insieme: vorrei assegnargliene quattro e mezza, ma non si può. Ne do quattro, ma mi sembrano poco...

    ha scritto il