Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Z zimną krwią

By Truman Capote

(1)

| Others | 9788373017399

Like Z zimną krwią ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

506 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Se Capote non fosse stato un grande scrittore-cronista sarebbe stato un grande fotografo, poche volte ho letto un libro così vivido di immagini quali egli ha saputo tradurre in parole. E’ così accurato che si intuisce quanto lavoro ci sia stato (pare ...(continue)

    Se Capote non fosse stato un grande scrittore-cronista sarebbe stato un grande fotografo, poche volte ho letto un libro così vivido di immagini quali egli ha saputo tradurre in parole. E’ così accurato che si intuisce quanto lavoro ci sia stato (pare che avesse scritto ben 8000 pagine di annotazioni in sei anni di ricerche e indagini), probabilmente un precursore e quanto questa vicenda lo avesse catturato e ossessionato in qualche modo. Probabilmente un precursore di una analisi sociale obiettiva.

    La vicenda, assurda, come spesso lo sono questo genere di vicende, è quella di due balordi, (i quali però sottoposti ad un test di intelligenza risultarono avere un quoziente superiore alla media), Perry e Dick i quali trucidarono senza motivo una tranquilla famiglia della provincia americana. Capote ricostruisce magistralmente gli eventi prima dell’eccidio procedendo parallelamente tra il quotidiano della famiglia Clutter e il vagabondaggio costellato da piccole truffe e furti dei due balordi, fino alla tragedia che si consuma assurdamente un po’ per sentimenti di reciproca rivalsa fra i due un po’ perché tutta la situazione sfugge loro di mano. Conosciamo la famiglia Clutter, progetti, ansie, piccoli e grandi problemi che ogni famiglia si trova ad affrontare, brave persone, benvolute dalla piccola comunità, apprezzate per l’onestà e la modestia. I due balordi invece appartengono ad una grande fetta della comunità americana di sbandati ed emarginati, specialmente la vita di Perry (con il quale Capote stringerà un forte legame) è un esempio paradigmatico di situazioni al limite e perché no, borderline. Ma non è nelle intenzioni di Capote trovare una giustificazione, la sua è una cronaca lucida e neutrale, distante dalle emozioni, eppure non volendo emerge anche una sorta di “umanità” nel percorso che i due vivono durante i sei anni che li separano dalla condanna alla pena di morte, squallida e inutile quanto lo fu l’assassinio compiuto. Un romanzo-cronaca scritto magistralmente che riesce a far vacillare le nostre “certezze”.

    Is this helpful?

    Itaca said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo davvero potente, agghiacciante e affascinante. Mi sono vista il film, ho cercato su internet notizie sull'omicidio e gli assassini. A sangue freddo non assomiglia a nessun romanzo che abbia mai letto, mi ha colpita moltissimo!

    Is this helpful?

    Clod82 said on Oct 11, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    «Il più alto, un tipo smilzo con capelli biondastri, tagliati a spazzola, aveva un sorriso cordiale e dei modi educati, il suo compagno, il “piccoletto”, che nella destra stringeva un’armonica e con la sinistra reggeva una valigia di vimini rigonf ...(continue)

    «Il più alto, un tipo smilzo con capelli biondastri, tagliati a spazzola, aveva un sorriso cordiale e dei modi educati, il suo compagno, il “piccoletto”, che nella destra stringeva un’armonica e con la sinistra reggeva una valigia di vimini rigonfia, pareva “abbastanza simpatico”, timido ma piacevole.»
    Questa l’apparenza: hanno sterminato un’intera famiglia, i due, a sangue freddo. Per dei soldi che nemmeno c’erano.
    Truman Capote racconta i fatti - realmente accaduti -, le persone, i loro retroterra, scavando a fondo. Fornisce tutti gli elementi, ma non dà giudizi - lo faccia il lettore, se vuole. Può essere anche facile, in casi del genere. Molto più difficile, forse impossibile, è capire. Chi sono questi? Pazzi? Animali? E poi, allora, che pena meritano?
    A partire dalla cronaca giornalistica, “A sangue freddo” è un grande romanzo, con una storia forte narrata sapientemente, ricca di domande sulle quali meditare, e alle quali - solo dopo - eventualmente rispondere.

    Is this helpful?

    Frabe said on Sep 29, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Incredibile

    Più che al libro, che comunque è un ottimo romanzo, penso all'autore. A tutto quello che ha dovuto passare per arrivare a scrivere in modo così dettagliato di persone ed eventi a lui sconosciuti. Capote era un giornalista ossessionato dal dettaglio e ...(continue)

    Più che al libro, che comunque è un ottimo romanzo, penso all'autore. A tutto quello che ha dovuto passare per arrivare a scrivere in modo così dettagliato di persone ed eventi a lui sconosciuti. Capote era un giornalista ossessionato dal dettaglio e dalla veridicità dei fatti e questa sua linea l'ha portato a sopportare l'insopportabile; un'esecuzione, perfino.
    Penso che il titolo abbia una doppia valenza: più che alle modalità della strage, credo possa riferirsi all'atteggiamento che l'autore ha dovuto adottare per riuscire a portare a termine un lavoro del genere. Incredibile.

    Is this helpful?

    FlamiFly said on Aug 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mentre leggevo questo libro ad un tratto mi è tornato in mente quando ho letto Lettera al padre di Kafka, e ricordo benissimo che di quelle pagine mi colpirono la lucidità di giudizio con cui erano scritte, come se le parole su quelle pagine parlasse ...(continue)

    Mentre leggevo questo libro ad un tratto mi è tornato in mente quando ho letto Lettera al padre di Kafka, e ricordo benissimo che di quelle pagine mi colpirono la lucidità di giudizio con cui erano scritte, come se le parole su quelle pagine parlassero semplicemente di un fatto, di qualcosa di oggettivo, pur essendo quelle pagine piene di vita propria.
    E lo stesso mi chiedo come si possa scrivere un libro del genere, nel modo in cui è scritto. E sì che l'autore nel suo percorso per portarlo a termine ne ha dovute affrontare abbastanza, cose che l'hanno segnato sicuramente, ma sono pagine che di fondo trasmettono una freddezza che dà una strana sensazione sentire leggendo di eventi di una certa violenza.

    Is this helpful?

    Ale?!? e.. said on Aug 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ottimo come reportage, troppo lungo come romanzo.

    Is this helpful?

    carol said on Aug 20, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book