Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Zucchero - Sugar

Short Stories 2008 n°5 - Testo inglese a fronte

By A.S. Byatt

(127)

| Mass Market Paperback

Like Zucchero - Sugar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Zucchero è un racconto anomalo nella produzione di A.S. Byatt, scrittrice inglese diventata famosa in tutto il mondo per il romanzo Possessione. E’ un racconto autobiografico, in prima persona, secco e lineare. Ambientato in un civiliss Continue

Zucchero è un racconto anomalo nella produzione di A.S. Byatt, scrittrice inglese diventata famosa in tutto il mondo per il romanzo Possessione. E’ un racconto autobiografico, in prima persona, secco e lineare. Ambientato in un civilissimo ospedale di Amsterdam, in realtà sconfina verso un’Inghilterra più lontana, la terra della misteriosa famiglia Conisborough. La malattia del padre fa nascere un’urgenza insospettata, l’autrice sente improvvisamente il bisogno di indagare in un passato poco conosciuto o troppo raccontato, di riscoprire le storie dei suoi nonni e dei suoi zii. Da qui, il filo conduttore: lo zucchero lavorato con infinita cura, è solo un pretesto per interrogarsi su qualcos’altro: non sulla produzione di dolci, ma sulla produzione della memoria e infine della letteratura.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Illuminante

    Del padre ho la statura,
    la dirittura morale,
    della mamma l'indole gaia
    e il piacere di favoleggiare.
    Il bisnonno inclinava al bel sesso,
    e qua e là la tendenza rispunta;
    la bisnonna amava gioie ed oro
    di cui il prurito non mi manca.
    Ora, se ...(continue)

    Del padre ho la statura,
    la dirittura morale,
    della mamma l'indole gaia
    e il piacere di favoleggiare.
    Il bisnonno inclinava al bel sesso,
    e qua e là la tendenza rispunta;
    la bisnonna amava gioie ed oro
    di cui il prurito non mi manca.
    Ora, se gli elementi dal complesso
    non si possono più separare,
    cos'è dunque in tutto il poveruomo
    che si può definire originale?

    Goethe, Xenie miti

    Is this helpful?

    Serena Variabile said on Apr 3, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Scritto in prima persona e costruito intorno alla metafora di due matasse intrecciate di zucchero bianco e marrone, descrive le opposte caratteristiche di un padre e di una madre il cui particolare rapporto determinano l' intera storia familiare dell ...(continue)

    Scritto in prima persona e costruito intorno alla metafora di due matasse intrecciate di zucchero bianco e marrone, descrive le opposte caratteristiche di un padre e di una madre il cui particolare rapporto determinano l' intera storia familiare della protagonista alla quale mi sono sentita molto vicina. Cinque stelline per un finale, a mio parere, commovente...

    Is this helpful?

    Alessia Amato said on Sep 4, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sono particolarmente affezionata ad Antonia Byatt perchè la lettura dei suoi romanzi ha scandito diversi momenti importanti della mia vita, dal viaggio di nozze alla mia prima gravidanza, ai primi mesi di vita del mio primogenito. E così mi ha fatto ...(continue)

    Sono particolarmente affezionata ad Antonia Byatt perchè la lettura dei suoi romanzi ha scandito diversi momenti importanti della mia vita, dal viaggio di nozze alla mia prima gravidanza, ai primi mesi di vita del mio primogenito. E così mi ha fatto piacere, passati alcuni anni, riprendere contatto con questa autrice, anche se solo con un racconto che però ha carattere autobiografico e getta luce su alcuni particolari della sua produzione.

    Is this helpful?

    Valefish said on Jun 25, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Poteva diventare un bel libro, forse, poteva.

    Is this helpful?

    Lucilia said on Sep 5, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Per quelli che sono i miei gusti, questo breve racconto costituito perlopiù da ricordi sparsi non fa molto per farti appassionare alla lettura.
    C'è da dire però che la scrittura usata dalla Byatt è molto bella: ho dovuto ricorrere spesso alla tr ...(continue)

    Per quelli che sono i miei gusti, questo breve racconto costituito perlopiù da ricordi sparsi non fa molto per farti appassionare alla lettura.
    C'è da dire però che la scrittura usata dalla Byatt è molto bella: ho dovuto ricorrere spesso alla traduzione per aiutarmi con la lettura e ho imparato un sacco di termini nuovi.
    Lettura faticosa ma che può dare dei frutti.

    Is this helpful?

    pad said on Jul 5, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ed ecco le short stories - 21 dicembre 2008

    Ulteriore riprova che a me, per ora, la Byatt non mi coinvolge. Il tema è ricco, mi tocca, ma non il suo girovagare tra le parole, facendo vedere che lei è una che sa, ma con il tono di chi lo vuole mostrare. Chi sa riesce a far trapelare la sua “sap ...(continue)

    Ulteriore riprova che a me, per ora, la Byatt non mi coinvolge. Il tema è ricco, mi tocca, ma non il suo girovagare tra le parole, facendo vedere che lei è una che sa, ma con il tono di chi lo vuole mostrare. Chi sa riesce a far trapelare la sua “sapienza” senza ad ogni passo dire “vedi, conosco anche questo”. Un lungo giro intorno per parlare della morte del padre. Perché la Byatt capisce che, morendo, egli porterà con sé molte storie di famiglia, storie che hanno dato forma ad altre storie, e sono state raccontate in molte versioni, più o meno attendibili e veritiere. Se il padre, uomo di legge, onesto e autoironico, rappresenta nell'equilibrio famigliare la trasparenza e l'integrità intellettuale, è soprattutto la figura materna a incarnare l'inattendibilità del racconto e la tendenza a ricamare intorno alle storie. Ma forse, più che della morte del padre, quindi si parla delle origini familiari. Del perché il padre, perché la madre, la zia, i fratelli e sorelle, e via discorrendo. E perché io-narrante. Ripeto, mi sfastidia il fatto di dover fare vedere quanto sono colto, e l’utilizzo di un inglese anche qui alto, da studio.

    Is this helpful?

    Giogio53 said on Dec 21, 2008 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (127)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Mass Market Paperback 93 Pages
  • ISBN-10: A000132888
  • Publisher: Gruppo Editoriale L'Espresso
  • Publish date: 2008-08-09
Improve_data of this book