Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

morte di un medico legale

Di

Editore: Rusconi

3.5
(174)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 343 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8818700642 | Isbn-13: 9788818700640 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace morte di un medico legale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Non è un capolavoro ma si lascia leggere senza opporre grossa resistenza. Il finale non è granchè coerente col resto del racconto, ma alla fine è un buon giallo senza pretese di essere letteratura.

    ha scritto il 

  • 2

    Continuo a dire che come scrittrice P.D.James è molto brava, ha un' abilità indiscutibile nella descrizione dei luoghi e dei personaggi ma gli manca sempre un qualcosa che renda i suoi gialli perfetti. Ad esempio l' inizio di questo romanzo è il più classico di tutti, un uomo muore e dopo qualche ...continua

    Continuo a dire che come scrittrice P.D.James è molto brava, ha un' abilità indiscutibile nella descrizione dei luoghi e dei personaggi ma gli manca sempre un qualcosa che renda i suoi gialli perfetti. Ad esempio l' inizio di questo romanzo è il più classico di tutti, un uomo muore e dopo qualche pagina si viene a scoprire che tutti i sospettati lo odiano e hanno un movente per ucciderlo; per carità, quasi tutti i gialli iniziano così però se vuoi rendere originale la trama devi aggiungere qualche dettaglio che renda interessante la storia. Anche lo svolgimento delle indagini è piatto, e a volte il punto forte dell'autrice, la descrizione dettagliata, può appesantire la lettura e deconcentrare il lettore. Il punto più critico comunque rimane sempre la fine, anche in questo giallo infatti, il finale è un po' deludente soprattutto per come l' ispettore Dalgliesh viene a scoprire il colpevole, sembra quasi che la James non avesse idea di come far finire la storia, cosa che ho notato anche in altri suoi libri che però erano supportati da delle trame molto più interessanti ed intriganti. Questa sicuramente non è la sua opera migliore ma oramai sono affezionato a questa scrittrice e spero di poter assegnare molte più stelle ai suoi prossimi libri che leggerò.

    ha scritto il 

  • 3

    nonostante ciò che promette la copertina non c'è proprio molto da scoprire sulla vita della vittima Edwin Lorrimer. come è suo stile e consuetudine la James dipinge nell'apertura tutti i personaggi fondamentali del libro: il loro carattere, le loro paure,il loro essere in quel momento. Ed immanca ...continua

    nonostante ciò che promette la copertina non c'è proprio molto da scoprire sulla vita della vittima Edwin Lorrimer. come è suo stile e consuetudine la James dipinge nell'apertura tutti i personaggi fondamentali del libro: il loro carattere, le loro paure,il loro essere in quel momento. Ed immancabilmente il loro odio per la futura vittima, che li rende tutti possibili sospettati ed assassini. credo che il libro mantenga un buon ritmo nel suo scorrere, anche se ho notato subito la sua somiglianza con un altro libro della James: "una notte di luna per l'ispettore Dalglish". Le tre stelline di sufficienza sono dovute al finale, che ho trovato molto meno efficace rispetto a quella dell'altro libro, ed a questa eccessiva somiglianza (soprattutto nei primi capitoli). In fondo (come già detto da molti più autorevoli di me)questa autrice mi ricorda molto le Christie, anche nel suo "tirar fuori conigli dal cilindro" quando è un po' in difficoltà...

    ha scritto il 

  • 5

    Ho letto con piacere tutti i gialli della P.D James anche se, concordo con altri lettori, richiede nelle pagine iniziali una sorta di "assuefazione" alle modalità di porre la storia ed alla caratterizazione dei personaggi che lascia poco all'immaginazione. Comunque una volta "entrati" nello spiri ...continua

    Ho letto con piacere tutti i gialli della P.D James anche se, concordo con altri lettori, richiede nelle pagine iniziali una sorta di "assuefazione" alle modalità di porre la storia ed alla caratterizazione dei personaggi che lascia poco all'immaginazione. Comunque una volta "entrati" nello spirito trovo che siano di grande effetto e catturino fino all'ultima pagina.

    ha scritto il 

  • 4

    Partenza lenta e intricata, come sempre nei libri di P. D. James, ma quando finalmente, dopo almeno 50 pagine, mi ha catturata, procede gradevolmente..... fino alle complicazioni finali. Quando finalmente sono arrivata alle ultime pagine e penso, sciolto l' enigma, di poter tirare un sospiro di s ...continua

    Partenza lenta e intricata, come sempre nei libri di P. D. James, ma quando finalmente, dopo almeno 50 pagine, mi ha catturata, procede gradevolmente..... fino alle complicazioni finali. Quando finalmente sono arrivata alle ultime pagine e penso, sciolto l' enigma, di poter tirare un sospiro di sollievo, niente da fare: mi trovo a dover rimettere faticosamente insieme i pezzi di un mosaico piuttosto cervellotico. Ma tre stelline le merita comunque, perchè sa rendere le atmosfere (decisamente vischiose) in modo efficace.

    ha scritto il 

  • 3

    Due stellette e mezzo sarebbe stato il voto più giusto. Il paesaggio e l'ambientazione tipicamente inglesi e l'analisi psicologica dei personaggi mi sono piaciuti; la narrazione mi è tuttavia sembrata affrettata, senza grandi slanci.
    Sono ignorante riguardo P.D. James,ma mi sento di affermar ...continua

    Due stellette e mezzo sarebbe stato il voto più giusto. Il paesaggio e l'ambientazione tipicamente inglesi e l'analisi psicologica dei personaggi mi sono piaciuti; la narrazione mi è tuttavia sembrata affrettata, senza grandi slanci.
    Sono ignorante riguardo P.D. James,ma mi sento di affermare che, forse, questa non è la sua opera migliore.

    ha scritto il