Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

por quien doblan las campanas

By

4.2
(4031)

Language:Español | Number of Pages: | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , French , Chi simplified , Italian , German , Portuguese , Finnish , Swedish , Slovenian , Polish , Hungarian , Bulgarian

Isbn-10: A000120899 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Others , Leather Bound , Softcover and Stapled , Board Book

Category: Fiction & Literature , History , Political

Do you like por quien doblan las campanas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    Allora...
    Ho fatto una fatica micidiale a terminare questo libro. Il motivo è semplice: l'ho trovato molto noioso. Poco mi importa se è stato scritto da Hemingway, ed è quindi ritenuto da "tutti" (ma poi, tutti chi?) un capolavoro della letteratura moderna. Sarà pure un capolavoro, ma è una palla ...continue

    Allora... Ho fatto una fatica micidiale a terminare questo libro. Il motivo è semplice: l'ho trovato molto noioso. Poco mi importa se è stato scritto da Hemingway, ed è quindi ritenuto da "tutti" (ma poi, tutti chi?) un capolavoro della letteratura moderna. Sarà pure un capolavoro, ma è una palla colossale. Per carità, sarò sicuramente io ad essere ignorante come un sasso, però non è che sto libro sia poi il massimo. E' diventato bello verso la fine, mentre per le prime 500 pagine (su 530) sono state soporifere assai. Va bhe, finito e ciao.

    said on 

  • 4

    Amore e guerra...

    Un classico che non ha bisogno di presentazioni. Forse a tratti un po' prolisso, ma uno spaccato assolutamente realistico sulla guerra: da leggere.

    said on 

  • 5

    La morte aleggiante. La vita, nonostante.

    La vita è quello che ti succede un giorno dopo l'altro, nonostante la morte aleggi su di te. Qui forse puoi scoprire il vero significato della vita. Un meraviglioso romanzo sulla vita, la morte, la guerra, la pace, la libertà, la fiducia, l'amore e l'abnegazione.

    said on 

  • 3

    Ho letto commenti su come Hemingway avesse un "immenso talento". Boh, per me il talento è, a proposito di americani, quello di autori come Cormac McCcarthy, oppure, completamente diverso, quello dell'inglese Nick Hornby, oppure della spagnola Rosa Montero...
    Il Nobel, come la maggior parte dei p ...continue

    Ho letto commenti su come Hemingway avesse un "immenso talento". Boh, per me il talento è, a proposito di americani, quello di autori come Cormac McCcarthy, oppure, completamente diverso, quello dell'inglese Nick Hornby, oppure della spagnola Rosa Montero... Il Nobel, come la maggior parte dei premi, è quasi sempre solo chiachiere e distintivo...

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Confesso che ho fatto molta fatica con questo libro di Hemingway, infarcito di dialoghi non sempre all'altezza e con una trama che potrebbe risolversi in poche pagine anziché in 500. Ho trovato la scrittura di Hemingway regredita rispetto ad altri suoi libri, quasi infantile in certi tratti, e la ...continue

    Confesso che ho fatto molta fatica con questo libro di Hemingway, infarcito di dialoghi non sempre all'altezza e con una trama che potrebbe risolversi in poche pagine anziché in 500. Ho trovato la scrittura di Hemingway regredita rispetto ad altri suoi libri, quasi infantile in certi tratti, e la traduzione datata non aiuta. I personaggi non sono particolarmente caratterizzati, ciò anche a causa della preponderanza del dialogo sulla parte narrativa, e posso dire di essere entrato in sintonia col protagonista Robert Jordan solo nelle ultimissime righe, quelle che portano alla sua morte e che sono credo le uniche ad essere state scritte bene. L'opera, per finire, è senza dubbio partigiana nel trattare della guerra civile spagnola, dimenticando che misfatti atroci furono condotti anche dalle truppe repubblicane, facendo una divisione netta tra "buoni" e "cattivi" che non rispecchia la reatà dei fatti (è sicuramente più veritiero e meritevole da questo punto di vista il libro di Javier Cercas I soldati di Salamina, che ho letto e apprezzato molto qualche anno fa). Voto 3-

    said on 

  • 0

    Ho apprezzato molto il linguaggio crudo utilizzato dall'autore per descrivere l'esperienza partigiana sui Pirenei, contro le linee fasciste.
    Molto toccanti anche i soliloqui fatti dal protagonista Robert Jordan sulla vita e sul ruolo che l'amore ha avuto per lui, durante i tre giorni trascorsi co ...continue

    Ho apprezzato molto il linguaggio crudo utilizzato dall'autore per descrivere l'esperienza partigiana sui Pirenei, contro le linee fasciste. Molto toccanti anche i soliloqui fatti dal protagonista Robert Jordan sulla vita e sul ruolo che l'amore ha avuto per lui, durante i tre giorni trascorsi con la banda di Pablo e, più in generale, le riflessioni maturate intorno alla caducità dell'uomo. Mi sono piaciute molto anche le descrizioni del paesaggio in cui è avvenuto lo scontro a fuoco e le descrizioni dettagliate sulle modalità con cui è avvenuta la guerra.

    said on 

  • 5

    Molto bello il fatto che praticamente fin dall'inizio l'autore ci fa capire come finirà la storia, attraverso una specie di profezia. Questa cosa si propaga per tutto il romanzo, e H. ci racconta come il protagonista affronta il suo destino attraverso le introspezioni di Robert Jordan.

    said on 

  • 5

    Un realismo agghiacciante

    Meraviglioso romanzo il quale insegna che nella guerra non esistono buoni o cattivi, non c'è una ragione o un torto, ma si è tutti egualmente colpevoli, ognuno con i suoi demoni, le sue paure e i suoi peccati. Nel mezzo, una tenerissima storia d'amore sincero e incondizionato, disilluso per via d ...continue

    Meraviglioso romanzo il quale insegna che nella guerra non esistono buoni o cattivi, non c'è una ragione o un torto, ma si è tutti egualmente colpevoli, ognuno con i suoi demoni, le sue paure e i suoi peccati. Nel mezzo, una tenerissima storia d'amore sincero e incondizionato, disilluso per via di un destino segnato, ma allo stesso tempo completamente libero d'esprimersi, senza remore o rimpianti.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Sono impressionata dalla capacità di Hemingway di creare un'esperienza completa di realtà. Metafore fulminee e perfette: gli aerei proiettano le loro ombre sulle colline come squali sul fondo sabbioso dell'oceano, e non c'è bisogno di sapere altro. Sorridi alle bestemmie di Augustin, Pilar te lo ...continue

    Sono impressionata dalla capacità di Hemingway di creare un'esperienza completa di realtà. Metafore fulminee e perfette: gli aerei proiettano le loro ombre sulle colline come squali sul fondo sabbioso dell'oceano, e non c'è bisogno di sapere altro. Sorridi alle bestemmie di Augustin, Pilar te lo fa vedere don Faustino, lo senti quel sapore di catrame nel vino e quel campo di grano mosso dal vento diventa più reale di te. Equilibrio perfetto di azione e riflessione, mai distinte nettamente, in un ritratto completo della morte: grottesca, surreale, esilarante, indegna, necessaria, struggente, nobile, accolta, come si accoglie l'amore. Consigliatissimo!

    said on 

  • 3

    No, decisamente mi aspettavo molto di più dal mio primo approccio col Nobel americano... A dire il vero, leggendo e rileggendo la quarta di copertina, mentre cercavo di convincermi a iniziarlo una buona volta, sentivo che non mi avrebbe folgorato... però chissà, ci si può anche sbagliare. ...continue

    No, decisamente mi aspettavo molto di più dal mio primo approccio col Nobel americano... A dire il vero, leggendo e rileggendo la quarta di copertina, mentre cercavo di convincermi a iniziarlo una buona volta, sentivo che non mi avrebbe folgorato... però chissà, ci si può anche sbagliare. E adesso che l'ho finito, mi chiedo se non sia proprio lo scrittore (di cui non metto in dubbio il valore oggettivo, non lo faccio mai quando questo è universalmente riconosciuto, anche se poi io personalmente magari non l'ho recepito) che non è "fatto per me"... Un libro che vive molto di trama (e già qui...), trama di guerra, poi... Un po' prima di metà ho iniziato a farmi ammaliare dal racconto di alcuni episodi che esulavano dalla vicenda principale (definitivamente conquistata dal racconto di Pilar sulla presa del loro paesino d'origine da parte dei repubblicani) e soprattutto dalla caratterizzazione di alcuni personaggi, Pilar e Pablo su tutti. Ecco, se una cosa mi è piaciuta davvero, questa è stata il delinearsi di queste figure così forti, complesse, emblematiche, di "rottura" rispetto all'eccessiva ideologizzazione del protagonista, che ho trovato decisamente insopportabile (cosa rara: di solito amo molto i personaggi principali di un romanzo, indipendentemente dal loro carattere o dalla loro "moralità")... Piacevoli anche le digressioni su Karkov e gli altri "pezzi grossi" della guerra: in pochi tratti Hemingway riesce a definire figure credibili), mentre ciò che mi ha messo a dura prova è la storia d'amore con Maria (che rivaleggia con Robert Jordan nell'assegnazione della palma al personaggio più odioso)... Niente, non c'è stato nulla da fare: almeno in questo caso (non ho letto altro di questo autore e mi chiedo se lo farò mai), ho avuto l'impressione che Hemingway dovesse infilare questa passione travolgente ed esclusiva a tutti i costi, quasi il protagonista dovesse timbrare il cartellino per poter dire (come dice) di "essere stato molto fortunato rispetto agli altri" e "aver trovato persino l'amore" (e dovesse farlo anche l'autore per rendere "completa" la sua storia di amore e di guerra, di vita e di morte)... Poca naturalezza in questo sentimento scoppiato all'improvviso (e vabbè... il tempo è poco!) e sviluppato senza credibilità (ogni volta che leggevo "coniglietto" mi si stringeva lo stomaco), per non parlare della straziante scena finale. Tagliando la storia d'amore con Maria e i trascinanti monologhi con se stesso, la storia avrebbe retto meglio.

    said on 

Sorting by