Insaziabili Letture
Ha scritto una recensione a Le scarpe son desideri 3 anni fa

RECENSIONE A CURA DI ANITA BLAKE
4 stelline

Forum --> http://insaziabililetture.forumfree.it/?t=66975892

"Comincerei da quelle più usate, ne osserverei le abrasioni sul tallone, i graffi che rigano la pelle, un cedimento della tomaia che corrisponde al tuo ondeggiare sui tacchi, o la consunzione irregolare della suola disegnata passo dopo passo, in una andatura che è solo tua. Ogni scarpa è una storia che mi parla di te. Ogni scarpa, il tuo segreto."
Inachis Io

Ogni capitolo de "Le scarpe son desideri" ci regala una citazione, ogni citazione è una piccola massima, una perla di saggezza che accompagna lettrici e protagonista attraverso la storia.
La storia narrata è quella di Cecilia, una giovane milanese che lavora come commessa in un importante negozio di scarpe nella capitale italiana della moda. Cecilia ha molte amiche, un fratello combina guai e moltissime paia di scarpe, tuttavia non ha l’amore. Un contatto e-mail, un vicino affascinante ed una festa, la trasformano da piccola Cenerentola a scintillante principessa della fiaba più bella che possa mai essere raccontata: la sua vita. “Le scarpe son desideri”, con la sua apparente leggerezza, è un romanzo molto tenero che usa le scarpe come mezzo per analizzare la psicologia e gli stati d’animo di Cecilia. Nonostante fisicamente i due protagonisti non siano realmente delineati, o forse proprio grazie a ciò, il viaggio psicologico permette a tutte le lettrici di immedesimarsi facilmente nella protagonista. Perché tutte sogniamo la scarpa perfetta per ognuna di noi. Una fiaba moderna, insomma, con una protagonista intelligente ma solitaria, una giovane donna che investe in se stessa e nelle sue svariate scarpe per crescere e vivere la vita al meglio. Cecilia non è decisa, non è frizzante né distratta, è lontana dallo stereotipo delle combina guai spesso care al genere rosa. La nostra protagonista ha la testa sulle spalle senza essere noiosa, è paziente e dolce. Cerca l’amore, ma non è disperata per la sua solitudine. Ha la consapevolezza che, prima o poi, arriverà. Solo quando l’ennesimo dubbio e suo fratello intervengono insieme a scuoterla, prende in mano le redini della sua vita ed agisce. La fortuna, e le scarpe della madre, sono dalla sua parte. Stefano invece è un uomo discreto ma deciso, il suo sorriso perennemente ironico mette a dura prova la pazienza di Cecilia. È un uomo bellissimo e particolare, che odia il rumore dei tacchi ma che si lascia ammaliare da quello della donna amata. Stefano si diverte a mettere Cecilia in imbarazzo ma lo fa con dolcezza e spensieratezza. Poco altro si scopre di questo personaggio fino alla fine. Si può quasi dire che lo si assapora rigo dopo rigo. Gli incontri tra i due poi, sono a limite dell’assurdo, fino a che lui non si decide a baciarla. Allora qualcosa cambia e la dolce ironia diventa dolce sentimento. Lo stile allegro e fluido della Roberti regalano un libro delicato e affascinante che si legge in poche ore e lascia il buonumore addosso. Nulla di meglio per un pomeriggio autunnale seduti sul divano con la voglia di passare alcune ore piacevoli in compagnia di un buon libro.


0 mi piace