Sud e magia

By

Publisher: Feltrinelli (Universale Economica; 1675)

4.1
(300)

Language: Italiano | Number of Pages: 205 | Format: Paperback

Isbn-10: 880781675X | Isbn-13: 9788807816758 | Publish date:  | Edition 1

Preface Umberto Galimberti

Also available as: Others , Mass Market Paperback

Category: Social Science

Do you like Sud e magia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

BUY BOOK
Purchase not available
for this book
Book Description
Una storia religiosa del sud, un'indagine etnologica che spiega perché il momento magico sia sopravvissuto nella vita culturale meridionale e come questa abbia partecipato consapevolmente alla grande alternativa tra "magia" e"razionalità" da cui è nata la civiltà moderna. De Martino esplora le sopravvivenze lucane di rozze pratiche di magia cerimoniale, quali fascinazione stregonesca, possessione, esorcismo, fattura, analizzando la struttura delle tecniche magiche, la loro funzione psicologica, il regime di esistenza che ne favorisce la riproduzione.
  • 3

    Un'indagine sulle tradizioni del sud, che De Martino analizza prendendo spunto anche dall'opera di Levi, "Cristo si è fermato a Eboli" (seppur utilizzando un approccio diverso).

    De Martino cerca spieg ...continue

    Un'indagine sulle tradizioni del sud, che De Martino analizza prendendo spunto anche dall'opera di Levi, "Cristo si è fermato a Eboli" (seppur utilizzando un approccio diverso).

    De Martino cerca spiegazioni razionali per una tradizione legata al magico che ancora negli anni Cinquanta era fortemente presente in Lucania. E le trova parlandoci della funzione protettiva della magia, in un mondo esposto al negativo quotidiano, che teme più di tutto una perdita della coscienza di sè.
    L'autore colloca i contadini in un piano metastorico, al di là della storia,dove la magia ha una vera efficacia psicologica. E ci parla anche del collegamento innegabile della tradizione cattolica con questi riti pagani.

    La prima parte del saggio si affronta bene, mentre nella seconda è più facile perdersi e cedere alla noia (e al sonno).

    said on