Agnes Browne ragazza

By

Publisher: Neri Pozza (I narratori delle tavole)

4.1
(847)

Language: Italiano | Number of Pages: 232 | Format: Paperback

Isbn-10: 8854503614 | Isbn-13: 9788854503618 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Massimiliano Morini

Also available as: eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like Agnes Browne ragazza ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

BUY BOOK
Purchase not available
for this book
Book Description
Prima di essere mamma, prima di mettere al mondo i suoi marmocchi e prima che i suoi marmocchi la rendessero nonna, Agnes Browne era Agnes Reddin, esile e indisponente ragazzina del Jarro, figlia di Connie Parker-Willis, contabile della fonderia Parker-Willis, che fondeva ferro a Dublino fin dal 1801, e di Bosco Reddin, primogenito di Sean Gam-basvelta Reddin, malandato eroe della Fratellanza repubblicana irlandese. Quando i genitori di Agnes convolarono a nozze nella chiesa di St Jarlath, dal lato dello sposo non c'era un posto a sedere libero. Da quello della sposa, invece, erano in quattro. Tre spaesati parenti alla lontana e un ubriacone della zona. Dei Parker-Willis nemmeno l'ombra, disgustati com'erano dalla sola idea che Connie si maritasse con un operaio della loro fonderia, e per giunta un sindacalista. Agnes è venuta al mondo il 6 dicembre del 1936 nel Jarro, una zona popolare a nord di Dublino piena zeppa di operai e disoccupati con le loro famiglie numerose. Negli anni Quaranta, su strade sporche e buie, avvolte in un sudario di fumo per via delle migliaia di fuochi di torba o carbonella accesi nelle case, Agnes, capelli corvini e figura snella, sgambettava insieme con la sua amichetta del cuore Marion Delany, faccia tonda e figura a barilotto.
  • 5

    Gran bel libro.
    Una volta di più O'Carroll racconta l'umanità del Jarro, povero quartiere di Dublino, negli anni '50. È una galleria di personaggi uno più bello dell'altro: rozzi nei modi, magari, ma ...continue

    Gran bel libro.
    Una volta di più O'Carroll racconta l'umanità del Jarro, povero quartiere di Dublino, negli anni '50. È una galleria di personaggi uno più bello dell'altro: rozzi nei modi, magari, ma con un grande cuore. Gli incastri della storia filano precisi come un meccanismo ad orologeria accompagnati da una scrittura piacevole e scorrevole. Lo consiglio.

    said on