Fai bei sogni

By

Publisher: Longanesi (La Gaja Scienza)

3.8
(7472)

Language: Italiano | Number of Pages: 223 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , English

Isbn-10: 8830429155 | Isbn-13: 9788830429154 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: eBook , Audio CD

Category: Biography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Fai bei sogni ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

BUY BOOK
Purchase not available
for this book
Book Description
Fai bei sogni è la storia di un segreto celato in una busta per quarant’anni. La storia di un bambino, e poi di un adulto, che imparerà ad affrontare il dolore più grande, la perdita della mamma, e il mostro più insidioso: il timore di vivere. Fai bei sogni è dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi. Come il protagonista di questo romanzo. Uno che cammina sulle punte dei piedi e a testa bassa perché il cielo lo spaventa, e anche la terra.
Fai bei sogni è soprattutto un libro sulla verità e sulla paura di conoscerla. Immergendosi nella sofferenza e superandola, ci ricorda come sia sempre possibile buttarsi alle spalle la sfiducia per andare al di là dei nostri limiti.
Massimo Gramellini ha raccolto gli slanci e le ferite di una vita priva del suo appiglio più solido. Una lotta incessante contro la solitudine, l’inadeguatezza e il senso di abbandono, raccontata con passione e delicata ironia. Il sofferto traguardo sarà la conquista dell’amore e di un’esistenza piena e autentica, che consentirà finalmente al protagonista di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo.
  • 3

    film o libro?

    Con l'uscita quest'anno del film di Bellocchio "Fai bei sogni", mi si è presentato il solito eterno dilemma: prima film o libro?
    Meglio vedere il film e approfondire dopo con il libro o meglio leggere ...continue

    Con l'uscita quest'anno del film di Bellocchio "Fai bei sogni", mi si è presentato il solito eterno dilemma: prima film o libro?
    Meglio vedere il film e approfondire dopo con il libro o meglio leggere il libro con il rischio di rovinarsi il film?
    Sgombriamo subito il campo dagli equivoci: a parte il soggetto comune, sono due opere completamente diverse, per certi versi opposte per cui
    una non preclude l'altra in nessun modo.
    Ma mentre il film crea ha una atmosfera stranita e angosciante dall'inizio alla fine, che a tratti sembra quasi un noir, Gramellini scrittore invece
    preferisce uno stile sarcastico ed autorironico che rende la lettura piacevole e leggera, anche se gli argomenti sono comunque di spessore.
    Meglio la prima parte con il massimo bambino che vede e si vede con gli occhi dell'infante prima, dell'adolescente poi. Meno convincente la parte centrale
    (come nel film la parentesi a Sarajevo risulta un po' posticcia) dove il protagonista passa da una donna all'altra con "dolore" a suo dire, ma anche con disinvoltura
    (verrebbe da dire che non se l'è passata poi tanto male...). Il finale è ovviamente la parte migliore, la più toccante e certamente non è possibile non piangere.
    In ogni caso direi che per un tifoso del Toro come me non potrò esimermi da tornare a leggere ancora Gramellini.

    said on