Mansfield Park

By

Publisher: Newton Compton

3.9
(3300)

Language: Italiano | Number of Pages: 388 | Format: eBook | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , French , German , Spanish , Chi simplified , Catalan , Greek , Polish , Portuguese , Dutch , Czech

Isbn-10: 8854128961 | Isbn-13: 9788854128965 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Mass Market Paperback , Paperback , Others , Hardcover , Softcover and Stapled

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Mansfield Park ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

BUY BOOK
Purchase not available
for this book
Book Description
"Mansfield Park", uno dei romanzi più noti e discussi di Jane Austen, narra la storia di Fanny Price. Adottata, ancora bambina, dagli zii Sir Thomas e Lady Bertram, Fanny viene accolta e allevata nella loro lussuosa proprietà di Mansfield Park. Qui cresce, parente povera in un ambiente d'élite, e misura tutta la distanza fra il proprio modello educativo - fondato sul senso del dovere, l'abnegazione, la virtù - e quello, in particolare, della spregiudicata Mary Crawford. Alla fine la protagonista sposerà il cugino Edmund, figlio di Sir Thomas, e con lui si stabilirà definitivamente a Mansfield Park. Al di là dell'apparente trionfo della morale tradizionale, la narrazione contiene un'implicita e corrosiva critica della cultura dominante del primo Ottocento: Fanny - suggerisce l'autrice - realizza, infatti, l'ascesa sociale al prezzo della negazione della propria libertà e spontaneità.
  • 3

    Questo è il quarto romanzo della Austen che affronto e devo dire, a malincuore, che è anche quello che mi ha colpito meno.
    Jane Austen è un’autrice che mi piace molto. Adoro la sua capacità di traspor ...continue

    Questo è il quarto romanzo della Austen che affronto e devo dire, a malincuore, che è anche quello che mi ha colpito meno.
    Jane Austen è un’autrice che mi piace molto. Adoro la sua capacità di trasportare il lettore nei favolosi scenari inglesi dell’Ottocento, negli affari privati di caratteristiche famiglie vittoriane. Adoro il modo con cui spesso prende in giro i personaggi, la leggerezza della sua penna, il suo modo di raccontare.
    Eppure, nonostante in Mansfield Park abbia ritrovato tutto ciò, nonostante la storia raccontata non sia affatto male, non mi ha soddisfatta appieno.
    L’ho trovato un romanzo eccessivamente lento, a tratti noioso, che poteva essere ridotto tranquillamente a 200 pagine. La protagonista, Fanny, a mio parere è troppo placida, esageratamente senza carattere, anonima. Certo, non è un’eroina senza macchia, ma una fanciulla dal carattere sensibile, dolce e mansueto, tuttavia credo che Jane non abbia saputo metterla in risalto. Anche una protagonista come Fanny può risultare interessante, se ben dipinta, ma in Mansfield Park, purtroppo, questo non è avvenuto.
    (Recensione: http://piccolacrisalide.it/last-reads-2-siddartha/)

    said on