Sabato

By

Publisher: Einaudi (Supercoralli)

3.7
(2218)

Language: Italiano | Number of Pages: 292 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Spanish , German , Catalan , Chi traditional , Dutch , Swedish , French , Portuguese , Latvian , Slovenian

Isbn-10: 8806176897 | Isbn-13: 9788806176891 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Susanna Basso

Also available as: Paperback , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Social Science

Do you like Sabato ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

BUY BOOK
Purchase not available
for this book
Book Description
Il 15 febbraio 2003, un sabato, Henry Perowne si sveglia nel cuore della notte in preda a un'inspiegabile euforia. Si avvicina alla finestra e osserva per qualche istante lo spettacolo della piazza su cui si affaccia casa sua. Improvvisamente si rende conto che il cielo notturno è attraversato da una scia di fuoco. aerei in fiamme, terrorismo, fantasmi dell'undici settembre: è questo forse l'attacco su Londra che tutti aspettano, specialmente ora che il governo Blair appoggia l'invasione americana dell'Iraq? Henry Perowne è un uomo soddisfatto della propria vita. Neurochirurgo in un ospedale londinese, ama il suo lavoro, ama sua moglie, un avvocato affermato, ha due figli adorabili. Cosa può minacciare una felicità conquistata con tanta tenacia?
  • 3

    La lettura è stata di per sé un'esperienza fertile e interessante, lo sguardo di Mc Ewan su presente è lucido e riflette magnificamente, attraverso il protagonista, le paure del borghese 'arrivato' di ...continue

    La lettura è stata di per sé un'esperienza fertile e interessante, lo sguardo di Mc Ewan su presente è lucido e riflette magnificamente, attraverso il protagonista, le paure del borghese 'arrivato' di fronte alla prospettiva di un nuovo stravolgimento dell'ordine globale.
    In quanto a trama e struttura non sono del tutto soddisfatta, forse dipende dalla mia ossessione per la chiusura dei cerchi, non so, oppure mi è sfuggita qualche finezza; la sensazione è che il filone 'thriller' sia più che altro lo zuccherino narrativo necessario a far calare al lettore le più impegnative disquisizioni circa i temi di cui sopra, inalberando uno spunto di riflessione (gli usa stanno all'Iraq come i malviventi alla famiglia del protagonista?) che non solo banalizza un discorso di cui si è precedentemente messa in luce la complessità, ma fa pure acqua da tutte le parti. Bho. se lo avete capito meglio di me commentate, grazie.

    said on