Language: Italiano | Number of Pages: 233 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , English , French

Isbn-10: 8888700145 | Isbn-13: 9788888700144 | Publish date: 

Translator: Emilia Gut

Also available as: Softcover and Stapled

Category: Fiction & Literature , History , Travel

Do you like Viaggio di una parigina a Lhasa ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

BUY BOOK
Purchase not available
for this book
Book Description
Il peregrinare, divenuto leggendario, della viaggiatrice che, negli anni Venti, attraverso la Cina e l’India, affronta incidenti, fa scoperte inattese, elude trappole e, travestita da mendicante, arriva finalmente alla città proibita di Lhasa, prima europea che vi mette piede.
  • 4

    Un viaggio straordinario per arrivare a piedi in Tibet, a Lhasa.
    Il libro è scritto male,e mal tradotto, di tanto in tanto non si comprendono dei passi, sicuramente Alexandra David non è una buona sc ...continue

    Un viaggio straordinario per arrivare a piedi in Tibet, a Lhasa.
    Il libro è scritto male,e mal tradotto, di tanto in tanto non si comprendono dei passi, sicuramente Alexandra David non è una buona scrittrice, ma considerando che si tratta di un documento oltre al fatto che, siamo nel 1920, questo lungo e difficile percorso viene compiuto da una donna tenace e colta che si veste astutamente da mendicante sia negli abiti che nei comportamenti accompagnata da un giovane lama tibetano diventato suo figlio adottivo. Non so dire se trattasi di un mondo scomparso, non conosco così bene il Tibet da sapere se ancora esistono dei ponti fatti di corde appesi sopra torrenti tumultuosi e pericolosi, se ancora ci sono briganti che si tirano indietro se solo una donna (lei!!) li maledice facendo credere che la sfortuna potrà ricadere su di loro, se si mangia ancora del cibo putrefatto e poi bollito per farci una minestra in mancanza d'altro, se ancora da parigina si possa passare da tibetana parlando il tibetano e scurendosi il volto con il cacao per avere la pelle scura come le contadine del "tetto del mondo", ma sicuramente la descrizione di tutto ciò, di credi ed usanze tibetane e di un alpinismo rischioso sono stati particolarmente intriganti per me, oltre che riempirmi di ammirazione per una donna forte e coraggiosa.

    said on