SFIDA DELLE ESPLORAZIONI LETTERARIE - OTTOBRE (Australia)

DISCUSSIONE | 89 Interventi | Creata da Viandante sul mare di nebbia |
Ultimo aggiornamento: 03 novembre 2017 | Iniziata: 02 ottobre 2017
Viandante sul mare di nebbia Viandante sul mare di nebbia ha scritto: E bene sì, siamo già arrivati ad ottobre.
Settembre è stato un mese di transizione per alcuni (tra cui io) e di numerose letture per altri.
In particolare, c'è da segnalare l'ottimo trand di Anto_s1977 che con le sue 21 letture e 3 nuovi paesi visitati (Colombia, Argentina e Cina), ha totalizzato 176 punti a settembre.
Meglio di lei solo InsolitaMente che non si ferma nella sua incredibile esplorazione! Ben 8 i nuovi paesi visitati in questo mese (tra cui Cuba, Messico, Arabia Saudita, Costa d'Avorio e Indonesia), tantissimi i libri letti e un punteggio di 232! Ma ancor più incredibile è che sia riuscita a superare Mau per numero di paesi visitati, arrivando a contarne addirittura 64!
Mau che si mantiene comunque al terzo posto a settembre, con 105 punti totalizzati e un totale di 61 paesi visitati! Ancora primo nella classifica punti generale e per numero i libri letti, ma InsolitaMente è alle sue spalle pronta sempre più ad insidiarlo.
Tutto sommato un buon mese anche per Lelena e Alicebv che si assestano sui 70 punti circa. Un encomio speciale va ad Acrasia per le 1440 pagine di Hugo! Interessante la lettura del Libano da parte di Patty_Pat con un autore che voglio leggere al più presto. Due nuovi paesi esplorati invece per Pippo.gota
Io purtroppo ho fatto pochissimo, e come me ho visto molti altri, come Ginger, Cic e Lalluz. ma sono contento di aver visitato paesi come Arabia Saudita e Antigua e Barbuda. Spero di fare meglio ad ottobre! E sono sicuro che anche per gli altri il prossimo mese sarà più proficuo.
Buon ottobre, che sia pieno di belle letture :D
Attenzione: Per partecipare devi prima iscriverti al gruppo. Per iscriverti clicca qui.
Novembre

Nazione: Libia (1^ visita)
Titolo: Nessuno al mondo
Autore: Hisham Matar
Pagine: 238
Genere: romanzo
Secolo: XXI

La storia di una famiglia durante i primi anni della dittatura di Gheddafi in Libia vista e raccontata attraverso gli occhi innocenti di un bambino di 9 anni all'oscuro di ciò che in realtà sta succedendo. Con un padre ribelle e una madre malata che in assenza del padre prende la "medicina" (in realtà la madre si ubriaca e la sua medicina non è altro che l'alcol, haram, proibito, per la religione musulmana e in alcuni dei paesi islamici) e il padre non viaggia per lavoro come dice, bensì è un attivo rivoltoso che rischia di essere catturato e ucciso dal regime.
Interessante per certi versi ma non sviluppato benissimo, mi ha lasciato qualche domanda di troppo, però non ho potuto fare a meno di affezionarmi al piccolo protagonista fin dalle prime pagine ed accompagnarlo fino alla fine per mano.
InsolitaMente 2 mesi fa
Nazione: Giappone (3° visita)
Titolo: Il bambino scambiato
Autore: Kenzaburō Ōe
Pagine: 438 - 8 punti
Genere: romanzo
Secolo: XXI - 5 punti secolo

Non ci credo ancora di essere riuscita a finirlo. Che fatica!
Non mi ha preso per niente, la storia non coinvolge e tiene in perenne sospensione a tal punto da sperare che accada qualcosa, ma no, non succede nulla.
Io con i giapponesi non vado molto d'accordo, è vero, sento evidentemente la loro cultura e mentalità troppo lontane dalla mia, ma con questo è stata proprio un'agonia.
Il titolo... mi chiedo ancora cosa c'entri con la storia, non l'ho mica capito.
Acrasia 2 mesi fa
Austria
Sovvertimento dei sensi
Stefan Zweig
287
racconti
XX
Per me non il miglior Zweig, sebbene il suo stile sia sempre sopraffino
Usa
Euforia
Lily King
242
romanzo
XXI
Bellissimo romanzo che racconta la vita i rapporti e le difficoltà di tre antropologi tra le sperdute tribù della Nuova Guinea negli anni Trenta. Da leggere!
Nazione: Colombia (1° visita)
Titolo: Nessuno scrive al colonnello
Autore: Gabriel Garcia Marquez
Pagine: 73
Genere: romanzo (breve)
Secolo: XX

Molto interessante, bello e per certi versi kafkiano
Per la prima volta riesco a leggere un autore del paese del mese ✌

Nazione: Australia (1st visita)
Titolo: L’indiziato
Autore: Michael Robotham
Pagine: 463
Genere: Romanzo
Secolo: XXI

Nazione: Italia (ennesima visita)
Titolo: L'uomo di casa
Autore: Romano De Marco
Pagine: 325
Genere: Romanzo
Secolo: XXI
pippo.gota 2 mesi fa
Nazione: Australia (1st visita)
Titolo: L’idealista
Autore: Geraldine Brooks
Pagine: 319
Genere: Romanzo
Secolo: XXI

Nazione: Colombia (1st visita)
Titolo: L’incridibile triste storia della candida Erendira e della sua nonna snaturata
Autore: Gabriel Barcia Marquez
Pagine: 120
Genere: Raccolta di racconti
Secolo: XX
Lalluz 2 mesi fa
Nazione: Francia (4^ visita)
Titolo: La signora delle camelie
Autore: Alexandre Dumas (fils)
Pagine: 249
Genere: romanzo
Secolo: XIX

Credevo, dopo aver letto Il conte di Montecristo che l'unico Dumas fosse il padre, mi immaginavo un figlio borioso e arrogante scrittoruncolo da 4 soldi che viveva per la fama riflessa donatagli dal padre e invece mi sono dovuta ricredere: il talento è una dote di famiglia in questo caso.
Ho amato questo libro dalle prime righe, ho trovato uno stile poetico e affascinante, dei personaggi splendidi e indimenticabili e, soprattutto è riuscito via via a farmi innamorare, emozionare e a farmi desiderare l'impossibile, a sperare (a nulla è valso il fatto che la storia cominciasse con un funerale, non ci volevo proprio credere).
Meraviglioso.
InsolitaMente 2 mesi fa
Nazione: Italia (8a visita)
Titolo: Volevo solo andare a letto presto
Autore: Chiara Moscardelli
Pagine: 269 (5 punti)
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XXI
Punti totali: 5

Lettura gradevole.. ..seppur piuttosto scontato (la vita della classica ipocondriaca-paranoica-maniaca del controllo-perennemente in cura dallo psicanalista viene sconvolta dall’arrivo del bello-e-dannato-ma –in-fondo-buono di turno..il tutto contestualizzato in un blando mistery) e a tratti davvero inverosimile..lo stile leggero e ironico rende la lettura piacevole!
alicebv 2 mesi fa
Nazione: Georgia o Russia - Ai gestori la decisione
Titolo: La regina d'inverno
Autore: Boris Akunin
Pagine: 278
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XX
Erast Petrovic Fandorin, un giovane investigatore russo, è il personaggio protagonista e prende vita con questo romanzo. Siamo nella seconda metà del 1800 a Mosca; un suicidio inspiegabile cui fa seguito un omicidio che coinvolge il giovane poliziotto sono l'inizio di quella che nella mente del giovane prende forma come una congiura internazionale ai danni della madre Russia. La storia è ben strutturata anche se del tutto inverosimile; il personaggio è indubbiamente interessante e l'alternanza di molta ironia a crudi fatti di sangue unitamente a tante belle citazioni rendono la lettura tutto sommato divertente.
Mau 2 mesi fa
@Viandante: ho notato che tra i libri che avete segnato sul foglio manca Le nozze di al-Zain ma ci sono alcuni di quelli che ho segnalato successivamente, forse vi è sfuggito il post.

Nazione: Inghilterra (8^ visita)
Titolo: Stardust
Autore: Neil Gaiman
Pagine: 249
Genere: romanzo
Secolo: XX

Come avevo previsto non fa proprio parte dei libri che leggerei, l'ho fatto per un'altra sfida ma il fantasy di questo tipo non mi piace molto, non ho apprezzato pienamente lo stile di Gaiman per questo romanzo ma il finale mi ha risollevata parecchio.
InsolitaMente 2 mesi fa
Aggiorno, dopo tanto tempo, un po' per impegni di lavoro e famigliari, un po' per la difficoltà a consultare il nuovo aNobii.
Ho ancora due letture in settembre e due in ottobre: @Viandante e @Ginger, potete attribuirle tutte ad ottobre se vi è più comodo.
Da agosto sto portando avanti la lettura del tomone di Vikram Seth, "Il ragazzo giusto".

Libro n. 37
Finito: 21 set 2017
Nazione: Italia (sedicesima visita)
Titolo: Pulvis et umbra
Autore: Manzini, Antonio
Pagine: 403 (8 punti)
Genere: romanzo
Secolo: XXI
Punti: 8

Libro n. 38
Finito: 24 set 2017
Nazione: Francia (seconda visita)
Titolo: L'uomo dei cerchi azzurri
Autore: Vargas, Fred
Pagine: 240 (4 punti)
Genere: romanzo (5 punti)
Secolo: XX (5 punti)
Punti: 14

Libro n. 39
Finito: 9 ott 2017
Nazione: Germania (seconda visita)
Titolo: Tonio Kröger
Autore: Mann, Thomas
Pagine: 227 (4 punti)
Genere: romanzo (5 punti)
Secolo: XX (5 punti)
Punti: 14

Libro n. 40
Finito: 12 ott 2017
Nazione: Austria
Titolo: Amerigo
Autore: Zweig, Stefan
Pagine: 117 (2 punti)
Genere: romanzo (5 punti)
Secolo: XX (5 punti)
Punti: 12

Situazione aggiornata: punti 499
Nazione: Francia (11° visita)
Titolo: La custode di libri
Autore: Sophie Divry
Pagine: 65
Genere: romanzo
Secolo (di composizione): XXI

La "voce" di questo piccolo librino è una donna, una bibliotecaria che lavora da 25 anni in una biblioteca di provincia in Francia.
Dà il via a questo monologo l'incontro con uno sconosciuto rimasto chiuso in biblioteca per tutta la notte. La donna comincia, quindi, a parlare con lui ininterrottamente fino all'apertura della biblioteca.
Gli parla del sistema di catalogazione dei libri, delle colleghe e del direttore, del suo malcontento sul fatto che si incentivi il settore dei media, piuttosto che raccogliere tutti i volumi scritti dai più grandi autori nazionali. Parla poi delle classi sociali, della sua passione per i libri di storia, dei vari frequentatori delle biblioteca, dell'importanza della lettura nei momenti di infelicità e soprattutto parla di un certo Martin, di cui si è invaghita.
Non male, però, a volte, mi è venuta voglia di tappare la bocca a questa donna con la forza :-D
Anto_s1977 2 mesi fa
Nazione: USA (7° visita)
Titolo: The Grapes of Wrath (Furore)
Autore: John Steinbeck
Pagine: 536 (10 punti)
Genere: romanzo
Secolo (di composizione): XX

Punti totali: 10

Mi ci è voluto un attimo per adattarmi, non essendo proprio abituata al dialetto dei contadini dell’Oklahoma e alla relativa ortografia..ma una volta entrata in sintonia con la lingua ho trovato il romanzo davvero splendido!..merita di essere letto in lingua originale (già dal titolo!) ..meravigliosi i capitoli che vanno ad alternarsi alla storia dei Joads, Steinbeck riesce a descrivere e analizzare la situazione con un’efficacia e un realismo da cui è difficile non rimanere colpiti.. ..così come è difficile non rimanere scossi dalle vicissitudini di questi uomini e di queste donne, esponenti di una società contadina che si sta sgretolando..una società con le sue regole, i suoi ruoli, la sua morale, una società fatta di gente semplice, ingenua, a volte ignorante al limite della superstizione, ma con una capacità di aiuto e comprensione reciproca che non trovano posto nel nuovo ordine, dove l’individuo e il profitto vengono prima di tutto..
..è anche difficile non cogliere l’innegabile attualità del romanzo..e non vedere come la storia ripete sé stessa..
alicebv 2 mesi fa
Nazione: Spagna (5° visita)
Titolo: Le età di Lulù
Autore: Almudena Grandes
Pagine: 240
Genere: romanzo
Secolo (di composizione): XX

Lulù fa parte di una famiglia molto numerosa, questo mina il rapporto con la madre, sempre indaffarata con i figli più piccoli per occuparsi di Lulù. L'unico membro della famiglia, da cui Lulù si sente considerata, è il fratello Marcelo. Ed è a lui che, spesso, confida anche dettagli della sua vita intima.
Lulù è affascinata da Pablo, amico di Marcelo, che le fa scoprire la propria sessualità. Comincia così una vita disordinata e colma di eccessi.
Ma ad un certo punto, Lulù si rende conto che Pablo è l'unico uomo che lei abbia mai conosciuto e che questo non le permette di crescere. Decide di lasciarlo.
Inizia, a questo punto, per Lulù un periodo buio, fatto di nuove esperienze sessuali che la conduce sempre più in basso.
Non leggo molti libri di questo genere e non so bene come giudicarlo. E' ovvio che è stracolmo di scene di sesso esplicito, ma credo che, comunque, l'autrice sia riuscita a far emergere le caratteristiche peculiari della personalità di questa donna tormentata che non esita a degradare il proprio corpo, mostrando, così, il suo eccessivo grado di insicurezza e la sua ricerca continua di calore umano.
Anto_s1977 2 mesi fa
Nazione: USA (+++)
Titolo: Fangirl
Autore: Rainbow Rowell
Pagine: 516
Genere: romanzo
Secolo: XXI

Era veramente da tanto che non finivo un libro di oltre 500 pagine in poco più di mezza giornata. Ho amato i personaggi tratteggiati benissimo e la storia leggera che sotto sotto leggera non è. Cath mi è piaciuta molto e fin da subito mi ci sono rivista ed affezionata, allo stesso modo ho adorato Levi e Reagan. Ho adorato il fatto che tutti dal primo all'ultimo siano personaggi veri, che potresti incontrare nella vita reale, che Cath sia irrimediabilmente nerd, scrittrice e lettrice compulsiva (un po' come me) e Levi col suo sorriso contagioso non sia il tipico belloccio senza cervello che si incontra negli YA.
Era il primo romanzo della Rowell che mi trovavo per le mani ma non mancherò di procurarmi gli altri.
InsolitaMente 2 mesi fa
Nazione: USA (23° visita)
Titolo: La ragazza di pietra
Autore: Brian Freeman
Pagine: 420
Genere: romanzo
Secolo (di composizione): XXI

Tutto inizia con una fuga rocambolesca di una ragazzina non ancora maggiorenne da una festa privata a base di sesso e alcol e al conseguente inseguimento da parte di uno sconosciuto. Catalina riesce a sottrarsi all'inseguitore e si rifugia in casa di Jonathan Stride, che già l'aveva salvata dalla furia paterna in una fredda notte invernale di 10 anni prima.
Jonathan cerca di capire se quello che racconta Cat sia la verità, o frutto della sua fantasia o, peggio ancora, delle allucinazioni da droghe.
Ma troppe morti si susseguono e tutte sembrano portare ai fatti accaduti 10 anni prima. E così è.
E, districandosi tra legami affettivi, ricordi, rimpianti e rimorsi, bisogna scoprire chi c'è dietro.
Non male! Non conoscevo l'autore, ma mi sono appassionata alla storia di Catalina e all'investigazione di Jonathan Stride. Non so se sono tonta io, o è stato l'autore a portarmi fuori strada, ma l'identità dell'assassino è riuscita a sorprendermi, era un nome che non avevo nemmeno preso in considerazione :-D
Anto_s1977 2 mesi fa
Sono tornata dalle ferie e alla civiltà :(

Nazione: Svezia (3^ visita)
Titolo: Quello che non uccide
Autore: David Lagercrantz
Pagine: 503
Genere: romanzo
Secolo: XXI

Nazione: Germania (3^ visita)
Titolo: Blue
Autore: Kerstin Gier
Pagine: 350
Genere: romanzo
Secolo: XXI

Nazione: Somalia (1^ visita)
Titolo: Latte agrodolce
Autore: Nuruddin Farah
Pagine: 294
Genere: romanzo
Secolo: XX
InsolitaMente 2 mesi fa
Nazione: Costa D'Avorio (prima visita)
Titolo: Aya di Yopougon
Autore: Marguerite Abouet
Pagine: 112
Genere: Graphic Novel
Secolo (di composizione): XXI
Anni 70 del secolo scorso, l'Africa, la Costa D'avorio in particolare, senza guerre, senza miserie: un immagine di un quartiere di una grande città dove la vita si svolgere serenamente. Aya è una giovane ragazza alle prese con lo studio liceale e l'aspirazione-ambizione di poter continuare all'università per diventare medico. Attorno a lei le amiche, perlopiù con altre ambizioni (divertirsi alla balera e trovare il ragazzo giusto possibilmente bello e ricco). Storia di normale routine tra problemi famigliari, rapporti con amiche, difficoltà di conciliare aspirazioni e realtà. Grafica piuttosto elementare, ben curata nei colori; scrittura leggera, descrizioni dettagliate di vita quotidiana e modi di pensare (sudditanza del povero verso il ricco; rilevanza ai rapporti sessuali in libertà). Realtà o fantasia? Mah.
Mau 2 mesi fa
Nazione: Birmania (prima visita)
Titolo: Lettere dalla mia Birmania
Autore: Aung San Suu Kyi
Pagine: 207
Genere: Biografico
Secolo (di composizione): XXI
Scritto tra il 1995 e il 1996 è una denuncia totale del regime dittatoriale al potere. Una condanna ferma della mancanza di libertà, di diritti elementari quali istruzione e sanità, delle condizioni economiche precarie in cui vive la maggior parte della popolazione. Tutto imputabile ad un regime militare e civile costruito e mantenuto con la violenza e l'oppressione di ogni forma di opposizione e con il non riconoscimento del risultato di libere elezioni. Un ritratto di un paese attraverso il susseguirsi delle stagioni, delle tradizioni ad esse legate, degli usi e costumi locali. E soprattutto del modo di intendere e fare politica per il bene comune sopportando abusi, violenze e infiniti sacrifici. Ciò che sorprende è la pacatezza, la serenità, la lucidità delle argomentazioni a sostegno delle proprie ragioni per la democrazia senza mai scadere in invettive, rancore o violenza nei confronti del regime e di chi di fatto l'ha perseguitata fisicamente e moralmente.
Mau 2 mesi fa
Nazione: USA (22° visita)
Titolo: La sposa di Damasco
Autore: Stephanie Saldana
Pagine: 377
Genere: Biografia (5 punti)
Secolo (di composizione): XXI

Stephanie è una studentessa di teologia all'università di Harvard. Grazie ad una borsa di studio, compie un viaggio in Siria per approfondire gli studi sulla figura di Gesù.
Quando arriva in Siria, Stephanie è spaesata, non riesce a comunicare con le altre persone perchè l'arabo che conosce è quello appreso dai libri, un arabo antico che per nulla assomiglia a quello colloquiale parlato dalla popolazione. In più si è lasciata alle spalle una storia d'amore in cui credeva profondamente.
Si trova, quindi, sola e in un paese straniero che, dopo l'11 settembre, considera il suo un paese nemico.
Eppure in Siria riesce a trovare casa, protezione, riesce tra mille difficoltà ad imparare la lingua e a conoscere bene il quartiere in cui si è stabilita.
Poi un giorno decide di recarsi in un monastero in mezzo al deserto, un monastero gestito da Padre Dall'Oglio, in cui inizia gli esercizi spirituali e rivive, attraverso la meditazione, la passione di Cristo. Convinta di essere stata scelta da Dio, decide di farsi suora.
Ma lasciato il deserto, torna ad essere combattuta ed insicura.
Passerà molto tempo prima che possa rendersi conto che, in questo periodo trascorso in Siria, ha trovato l'amore che cercava.
Un bel libro, un po' spirituale, a volte ironico, che mi ha insegnato molto anche sul mondo arabo e della religione musulmana.
Anto_s1977 2 mesi fa
Italia
Storie della buonanotte per bambine ribelli
Elena Favilli e Francesca Cavallo
101
saggio
XXI
Perché abbia suscitato tanto clamore e successo mediatico mi resta oscuro. Scorrevole e interessante ma assolutamente superficiale
Nazione: Australia (prima visita - 15 punti)
Titolo: Monkey Grip
Autore: Helen Garner
Pagine: 384 (14 punti)
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XX
Punti totali: 29

..lungo, noioso, ripetitivo, irritante.. ..sicuramente non sono riuscita ad entrare in sintonia con la protagonista e voce narrante Nora..33enne che trascorre le sue giornate a crogiolarsi in questa relazione non proprio sana con il 23enne tossicodipendente Javo, ma non disdegnando allo stesso tempo la compagnia di eventuali altri amici e sentendo una lacerante solitudine e un profondo senso di abbandono se si ritrova a dormire da sola per più di una settimana! ..a far da sfondo, questa sorta di “comune” hippy in cui personaggi più o meno dipendenti da una sostanza o dall’altra vivono non si capisce bene come in case più o meno comuni..in una pseudo-libertà di legami che mi sembra non faccia felice nessuno..
..non credo proprio mi si possa definire moralista, anzi! ..l’ambientazione mi intrigava e i personaggi autodistruttivi generalmente mi affascinano..ma mentre proseguivo nella lettura del libro ciclicamente (circa ogni 2 pagine!) mi si affacciava alla mente lo stesso pensiero: ma pensare al lavoro (ammesso che tu ne abbia uno..visto che non ho capito da dove spuntano i soldi)????...pensare alla figlia (di 6 anni quindi non propriamente autosufficiente)??? ..chiudere con sto Javo che ti rigira come vuole, visto che fai tanto quella emancipata e che non crede nei legami stabili e poi ti ritrovi come Mia Martini in Minuetto…? Non so, mi è sembrato tutto così immaturo! ..forse da adolescente sarei stata un pochino più empatica..
..un minimo di approfondimento psicologico in più non avrebbe guastato..
alicebv 2 mesi fa
Nazione: Bosnia (prima visita)
Titolo: Nowhere Man
Autore: Aleksandar Hemon
Pagine: 245
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XXI
Più che un romanzo è probabilmente una antologia di racconti più o meno collegati dove il meno è costituito dall'ultimo capitolo o racconto che proprio non ho capito né come racconto in sé ne come collegamento col resto delle storie narrate (beh forse un timido legame c'è ma alquanto improbabile.... a meno che non si vada nel metafisico). Tanta confusione, tanti temi ingarbugliati; lettura poco, o anche per nulla appagante.
Mau 2 mesi fa
Nazione: Australia (prima visita)
Titolo: Io sono il messaggero
Autore: Mark Zusak
Pagine: 416
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XXI



“Non avevo mai sospettato che in un raggio di sole vi fosse tutto quello che ieri vi ho trovato di gioia, di dolcezza e di conforto.”
Una cortigiana e un gentiluomo uniti da quell’amore assoluto che, solo se si è fortunati, si incontra una volta nella vita. La protagonista viene raffigurata benissimo nella sua dualità di donna e cortigiana, nella sua lotta tra denaro e amore. Una storia di orgoglio e umiltà, di passione e di dolore.
Un libro sublime.
Lalluz 2 mesi fa
Australia
L'ombra del silenzio
Kate Morton
548
romanzo
XXI
Brutto a partir dal titolo.
Un romanzone fiume pessimo e di pessima qualità.
L'autrice pesca a piene mani nelle peggiori banalità con uno stile piatto, trito e ritrito: sceglie di svelare la storia a capitoli alterni tra presente e passato, l'utilizzo di mezzucci quali il ritrovamento improvviso di diari, di bauli misteriosissimi contenenti improponibili carteggi, di foto che spuntano magicamente da album dei ricordi.
Pietra sopra.
Usa
Le cure domestiche
Marilynne Robinson
190
romanzo
XX
Questo libro è un macigno: un macigno la storia e un macigno la scrittura, lentissima, vischiosa, infinitamente descrittiva. Non riesco a dire che non mi piaccia: ho trovato la Robinson superba! Ma non posso dire che lo rileggerei: è un romanzo profondamente disturbante, cupo doloroso.
Mi viene in mente un'opera che proprio nulla a che fare con Le cure domestiche, ovvero La versione di Barney di Mordecai Richler, un libro a cui ho dato 5 stelle sebbene non mi sia affatto piaciuto.
Ci sono scrittori di cui trovo indiscutibile (ma proprio indiscutibile) il talento ma che mi mettono a disagio con il loro modo di scrivere, mi tirano fuori dalla mia confort zone e mi lasciano con le chiappe al freddo (scusate il francesismo). Questo è uno di quelli
Nazione: Australia (prima visita)
Titolo: Io sono il messaggero
Autore: Mark Zusak
Pagine: 416
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XXI

Ed, un ragazzo di vent'anni che conduce una vita piatta e che un giorno si vede recapitare delle carte da gioco, quattro assi, su cui sono scritti degli indizi.
Tutto ciò cambierà la sua vita in meglio e si renderà conto che essere utile agli altri può dare tante soddisfazioni.
Un romanzo che si legge molto in fretta, la trama è scorrevole e semplice ma non banale.
Molto carino.
Acrasia 2 mesi fa
Nazione: Libano (prima visita)
Titolo: Il suo nome è passione
Autore: Alawiya Sobh
Pagine: 224
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XXI

Questa è la storia di Nahla, una donna libanese di religione musulmana. Ed è anche la storia della sua grande passione per Hani, di religione cristiana.
E' la differenza religiosa che ostacola il matrimonio tra i due, i quali vivranno la loro relazione in modo discontinuo, ma per tutta la vita.
Nahla è vissuta accanto ad una madre molto religiosa e troppo oppressiva, che tendeva a reprimere i sentimenti. Nahla, quindi, già in tenera età, si ribella a questo atteggiamento; è attenta ai cambiamenti del proprio corpo e alla sessualità e non si vergogna a mettere in evidenza la propria femminilità.
Poichè il suo matrimonio con Hani è ostacolato dalla famiglia, Nahla accetta di sposare Salim, ma con lui non riuscirà a creare mai un rapporto di alcun genere: non lo odia, ma nemmeno riesce a stimarlo e, tanto meno, ad amarlo. E' invece fondamentale il rapporto che la donna riesce ad instaurare con i figli e con l'amica di sempre, Souad.
Il libro, attraverso le storie dei suoi personaggi, riesce a raccontarci qualcosa anche del paese, delle sue tradizioni e restrizioni (ed in questi termini riesce ad essere interessante), ma lo trovo estremamente ripetitivo ed eccessivamente ricco di descrizioni anatomiche, anche quando non è necessario. Che ce ne importa, ad esempio, se il fratello di Nahla prende il viagra e se si ritrova in situazioni imbarazzanti con le donne?
Anto_s1977 3 mesi fa
Nazione: USA (ventitreesima visita)
Titolo: Il grande sonno
Autore: Raymond Chandler
Pagine: 210
Genere: Romanzo
Secolo (di composizione): XX
Nasce nel 1939 poco più che trentenne l'investigatore privato Philip Marlow. Un bell'uomo tanto alto, un passato da poliziotto, sani principi morali: un uomo tutto d'un pezzo, Marlow, quasi perfetto se non fosse un po’ troppo omofobo (checche, invertiti sono il suo gergo abituale) e con altrettanta poca considerazione per il genere femminile (fatti salvi gli apprezzamenti per le caratteristiche fisiche delle signore). In una Los Angeles perennemente sferzata dalla pioggia il nostro si muove con maestria ma non troppa grazia per risolvere l'incarico affidatogli da un vecchio generale in fin di vita soggetto a un ricatto per talune azioni compiute da una delle sue due figlie. L'indagine mette a dura prova l'integrità fisica e morale del nostro eroe ma si sa che il cavaliere senza macchia riesce sempre ad avere la meglio anche se alla fine rimangono tante situazioni dubbie e sembra proprio che un vero vincitore non ci sia: non l'investigatore sceso a compromessi con la sua morale, non le due figlie del generale, non la polizia invischiata in protezioni di attività illecite e ben predisposta a chiudere gli occhi, non il vecchio generale avviato al "grande sonno" senza vedere il suo desiderio esaudito. Alcune situazioni decisamente forzate ma l'impianto è godibile e la lettura interessante: su tutto il clima che incombe sulla città che accompagna la tristezza della storia.
Mau 3 mesi fa