克麗斯汀 Christine

皇冠當代名著150

By

Publisher: 皇冠出版社有限公司

3.8
(2515)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 456 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , French , Italian , Chi simplified , German , Swedish , Dutch , Slovenian , Portuguese , Hungarian , Czech

Isbn-10: A000075778 | Publish date: 

Translator: 种衍倫

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like 克麗斯汀 Christine ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    bello ma a tratti lento

    Mi è piaciuto meno rispetto a Misery che trovo sia il miglior libro letto fino ad ora ma devo dire che tutto sommato mi è piaciuto. La parte centrale è molto descrittiva e a tratti lenta ma si riprend ...continue

    Mi è piaciuto meno rispetto a Misery che trovo sia il miglior libro letto fino ad ora ma devo dire che tutto sommato mi è piaciuto. La parte centrale è molto descrittiva e a tratti lenta ma si riprende con la parte terza e con un finale scioccante e aperto.
    Ho trovato un king molto prolisso e descrittivo però ho apprezzato questo aspetto perché mi ha fatto calare nell'atmosfera del epoca ( la vicenda si svolge tra il 1978/1978) e il richiamo a canzoni , programmi televisivi ha contribuito molto a questo aspetto.
    Mi è piaciuto molto l'idea di questo triangolo amoroso tra Arnie , Heigh e Christine ; mi è piaciuto anche che vengano trattati molti tempi come il bullismo , la voglia d'indipendenza dai genitori, la ricerca della sicurezza e di potersi affermare nella vita , i contrasti coi genitori che non sono felici che Christine entri nella vita del figlio quindi non è un solamente un romanzo horror alla fine.
    Consiglio questo romanzo a tutti perchè ne vale la pena.

    said on 

  • 3

    La prima e la terza parte, narrate in prima persona, sono più riuscite della parte centrale. L'idea di partenza poteva essere accattivante, ma in molti punti il romanzo è pesante e ripetitivo. Forse s ...continue

    La prima e la terza parte, narrate in prima persona, sono più riuscite della parte centrale. L'idea di partenza poteva essere accattivante, ma in molti punti il romanzo è pesante e ripetitivo. Forse sarebbe stata opportuna una sforbiciata o limitare la storia alla forma di un racconto.
    Ho apprezzato l'indagine dell'amicizia tra Arnie e Dennis e gli scorci di dinamiche familiari che King offre nella narrazione.

    said on 

  • 3

    Christine è un classico esempio del King più prolisso e sproloquiante. Una storia semplice e lineare con un sentore da b-movie che in poche pagine avrebbe fatto centro, viene rimpinzata dallo zione di ...continue

    Christine è un classico esempio del King più prolisso e sproloquiante. Una storia semplice e lineare con un sentore da b-movie che in poche pagine avrebbe fatto centro, viene rimpinzata dallo zione di pagine e pagine ridondanti. Non che sia un brutto libro, c'è la solita attitudine clamorosa per le psicologie dei personaggi, e Christine è forse uno dei migliori villain usciti da un libro di King, però il troppo storpia.

    said on 

  • 4

    Riletto dopo vent'anni esatti, ci ho ritrovato esattamente quello che mi era piaciuto o non piaciuto da ragazzina.
    La storia continua a sembrarmi un collage di due mezze idee buone che insieme non ne ...continue

    Riletto dopo vent'anni esatti, ci ho ritrovato esattamente quello che mi era piaciuto o non piaciuto da ragazzina.
    La storia continua a sembrarmi un collage di due mezze idee buone che insieme non ne fanno una ottima, o in alternativa un'ottima idea raccontata maldestramente.
    Ma l'amicizia tra Arnie e Dennis continua a sembrarmi uno dei rapporti tra esseri umani più vividi mai scritti da King, battuto forse solo da quello di It. Ogni volta che Dennis sente la sua mancanza io piango, che abbia quindici anni o trentacinque.

    said on 

  • 5

    Uno dei (numerosi) capolavori del Re. Compaiono in "Christine" tutti i temi cari all'autore: il male come metafora dei mali dell'uomo, l'orrore come una rappresentazione del sociale, in questo caso de ...continue

    Uno dei (numerosi) capolavori del Re. Compaiono in "Christine" tutti i temi cari all'autore: il male come metafora dei mali dell'uomo, l'orrore come una rappresentazione del sociale, in questo caso della società americana degli anni 70-80, l'amore che in King lascia sempre un retrogusto amaro. Il soggetto in Christine è dato dai valori e dagli idoli della gioventù: la ragazza, l'automobile, lo sport, l'indipendenza, i progetti per il futuro. La metamorfosi del protagonista, da giovane timido e perbene a "posseduto" è degna del miglior Ovidio. Da leggere assolutamente.

    said on 

  • 4

    Otra de las mejores novelas de este autor. A pesar de la inverosimilitud de la historia te atrapa y te hace sentir miedo. Nada que ver con Buick 8, un auténtico desastre, bajo mi punto de vista. ...continue

    Otra de las mejores novelas de este autor. A pesar de la inverosimilitud de la historia te atrapa y te hace sentir miedo. Nada que ver con Buick 8, un auténtico desastre, bajo mi punto de vista.

    said on 

  • 5

    Christine (1983)

    Uno dei grandi classici kinghiani. Ho sempre avuto un debole per questo romanzo, tanto da preferirlo a altri classiconi come Shining o Le notti di Salem. King gioca con il clichè del rapporto amoroso ...continue

    Uno dei grandi classici kinghiani. Ho sempre avuto un debole per questo romanzo, tanto da preferirlo a altri classiconi come Shining o Le notti di Salem. King gioca con il clichè del rapporto amoroso del maschio con la sua automobile e con il fatto che l'automobile rappresentava a quei tempi l'opportunità di consumare le prime esperienze sessuali. Christine è una storia di possessione, non solo amorosa. Contribuiscono sicuramente all'incantesimo che esercita su di me questo romanzo l'ambientazione studentesca (adoro il genere slasher di ambientazione collegiale, da Halloween a Scream), come King ha saputo ricreare quei fine anni '70, ai quali si sovrappone quel diabolico 1958, l'uso mai più così strutturale della musica e la narrazione in prima persona. Lessi Christine per la prima volta da adolescente, il che aiutava l'identificazione. Ho riletto il romanzo qualche anno fa e mi è piaciuto anche di più.

    said on 

  • 4

    Letto in due settimane

    Una storia che conferma la regola secondo cui la trasposizione cinematografica non potrà mai rendere come il romanzo. Un attore in carne e ossa non potrà mai farvi capire in che stato d’animo si trovi ...continue

    Una storia che conferma la regola secondo cui la trasposizione cinematografica non potrà mai rendere come il romanzo. Un attore in carne e ossa non potrà mai farvi capire in che stato d’animo si trovi mentre sta girando la sua scena, a meno che le sue movenze non siano accompagnate da un narratore, a volte accade ma non certo per tutta la durata della pellicola. Ho comprato il libro per vedere quanto minime fossero le differenze fra questi due mondi e invece ho scoperto un abisso. Stephen King si dilunga anche fin troppo nel raccontare non solo le vite dei protagonisti, ma anche quelle dei personaggi di contorno come Will Darnell o il detective Junkins e via dicendo. Nel romanzo Christine non è soltanto “una macchina uscita da una misteriosa catena di montaggio” che se ne va in giro ad uccidere “i merdosi” che si erano messi contro di lei e Arnie Cunningam, è una vettura di cui il suo precedente proprietario si serve per continuare a far dilagare il suo stupido odio meschino verso il prossimo assorbendo l’energia vitale e l’innocenza ingenua di Arnie (il nuovo proprietario) in una specie di esorcista versione stradale se vogliamo, dove Le Bay (il precedente proprietario) riesce ad incarnarsi sia nel corpo del giovane che nella Playmouth Fury. Il tutto condito con una storia nei meandri delle sfumature adolescenziali dei ragazzi che rincorrono le pagine di questo libro che di fatto costituiscono uno spaccato di vita famigliare degli anni settanta. Lo consiglio a chi ne vuol sapere di più circa il mistero che ha, di fatto, avvolto la vettura rossa e bianca e sulle effettive cronache narrate direttamente (anche se non interamente) da Dannis, l’amico inseparabile di tutta una vita di Arnie.

    said on 

  • 4

    Le prime cento pagine mi sono sembrate eterne, poi per fortuna la storia ha iniziato a coinvolgermi un po' di più,fino a farmi leggere le ultime cento pagine tutte d'un fiato

    said on 

Sorting by