100 Strokes of the Brush Before Bed

(Black Cat Series)

By ,

Publisher: Grove Press, Black Cat

2.1
(6329)

Language: English | Number of Pages: 176 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Italian , French , Spanish , Portuguese , German , Turkish

Isbn-10: 0802117813 | Isbn-13: 9780802117816 | Publish date: 

Also available as: eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like 100 Strokes of the Brush Before Bed ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
An instant blockbuster in Italy where it has sold over 700,000 copies, and now an international literary phenomenon, 100 Strokes of the Brush Before Bed is the fictionalized memoir of Melissa P., a Sicilian teenager whose quest for love rapidly devolves into a shocking journey of sexual discovery. Melissa begins her diary a virgin, but a stormy affair at the age of fourteen leads her to regard sex as a means of self-discovery, and for the next two years she plunges into a succession of encounters with various partners, male and female, her age and much older, some met through schoolmates, others through newspaper ads and Internet chat rooms. In graphic detail she describes her entry into a Dante-esque underworld of eroticism, where she willingly participates in group sex and sadomasochism, as well as casual pickups. Melissa's secret life is concealed from family and friends, revealed only in her diary entries. Told with disarming candor, Melissa P.'s bittersweet tour of extreme desires is as poignant as it is titillating. One Hundred Strokes of the Brush Before Bed is a stunning erotic debut, a Story of O for our times.
Sorting by
  • 4

    Solitudine

    Recensione #34

    La critica ha detto peste e corna su questo libro, i recensori (anche amatoriali) non si risparmiano con le denigrazioni...eppure è sempre così, quando un romanzo fa successo, nel bene ...continue

    Recensione #34

    La critica ha detto peste e corna su questo libro, i recensori (anche amatoriali) non si risparmiano con le denigrazioni...eppure è sempre così, quando un romanzo fa successo, nel bene o nel male, si tende ad essere influenzati dalla massa. Ed ecco, arrivo io che appioppo a quest'opera di Melissa P. quattro belle stelline. Mio vizio, mio peccato: in molti casi ciò che alla maggioranza dei lettori piace, a me no e viceversa. Mi sono abituata al fatto che sia un problema solamente mio. Tuttavia non sopporto i falsi moralismi, per me quelli sono sempre nocivi.

    Sono pagine tratte dal diario segreto di un'adolescente, pertanto la scrittura colpisce profondamente per la sua vividezza. Nonostante il lessico semplice e scorrevole, lo stile è parecchio ricercato e a tratti poetico.

    Non si tratta di un libro erotico, tantomeno pornografico. La lettura di queste confessioni di vita sessuale, sempre più degenerante e degradante di una ragazza, non fanno eccitare, anzi. Mettono addosso tanta tristezza e malinconia, soprattutto al pensiero che al suo posto potrebbe esserci una persona cui vogliamo bene, o persino noi stessi.

    Forse, se queste memorie fossero state scritte da un ragazzo, nessuno se ne sarebbe stupito più di tanto e il romanzo sarebbe passato in sordina. Ma qui si tratta di una lei, e ammesso e non concesso che Melissa P. si sia ispirata ad esperienze realmente vissute, già tutti a puntare il dito e gridare allo scandalo, alla meretrice. Come se una donna non abbia, al pari di un uomo, il diritto di godere del proprio corpo come più le aggrada. E' davvero avvilente pensare che nel XXI secolo la società sia ancora intrisa di un esasperante maschilismo, nonostante si parli da anni di liberalizzazione dei costumi. E' inutile tutto ciò quando uno stupratore si difende in tribunale asserendo di "essere stato provocato dagli abiti succinti" della ragazza in questione, e la cosa peggiore è sapere che ci sono delle donne che difendono pure tali ragioni. Che grettezza, che squallore.

    Ad ogni modo, il punto focale "100 colpi di spazzola" è quello della solitudine. Desolazione interiore che porta a commettere scelte spesso sbagliate, alla ricerca di una felicità che è soprattutto sete d'amore. Credo che sul finale dia un bellissimo messaggio di speranza: nella vita è concesso sbagliare, ma sta a noi comprendere quando dare un taglio a tutto questo; non è mai tardi per rialzarsi e ricominciare.

    said on 

  • 1

    "C’è poco tempo: perché sprecarlo con questa spazzatura invece di rileggere la Divina Commedia? Il mio compito è insegnare e scrivere i miei libri, non leggere questa spazzatura per comunicare al pubb ...continue

    "C’è poco tempo: perché sprecarlo con questa spazzatura invece di rileggere la Divina Commedia? Il mio compito è insegnare e scrivere i miei libri, non leggere questa spazzatura per comunicare al pubblico che è spazzatura"
    Harold Bloom

    said on 

  • 3

    È sempre facile stroncare i fenomeni editoriali, considerarli spazzatura o carta sprecata. Eppure questo libro/diario per essere stato scritto da una ragazzina è scritto bene, con un linguaggio colto ...continue

    È sempre facile stroncare i fenomeni editoriali, considerarli spazzatura o carta sprecata. Eppure questo libro/diario per essere stato scritto da una ragazzina è scritto bene, con un linguaggio colto e ricercato. Certo parla di sesso, di una ragazzina che fa sesso e questo potrebbe far storcere il naso indubbiamente, ma parla soprattutto di fragilità e solitudine e questo penso faccia paura a molti, l'idea che la propria figlia possa cadere in un simile vortice è quel tipo di pensiero fastidioso che si preferisce subito scacciare via.
    Io non boccio questo libro, anzi ritengo sia uno spunto per riflettere.

    said on 

  • 1

    Gran battage pubblicitario, ma poi...

    ...poco succo. Pur essendo una vicenda verosimile (ed in parte anche vera) questi cento colpi di spazzola lasciano ben poco dopo la loro lettura, salvo il racconto di una ragazzina indubbiamente disin ...continue

    ...poco succo. Pur essendo una vicenda verosimile (ed in parte anche vera) questi cento colpi di spazzola lasciano ben poco dopo la loro lettura, salvo il racconto di una ragazzina indubbiamente disinibita (e anche parecchio disillusa) che passa da un'esperienza all'altra senza trarne una morale.
    Da un punto di vista letterario è scorrevole, anche se davvero troppo semplice. Sconsigliato, dunque, ed infatti non è un caso che Melissa P. sia ormai finita nel dimenticatoio della narrativa italiana.

    said on 

  • 1

    Vuoto assoluto

    Letto tanti anni fa, quando era appena uscito e non si parlava d'altro.
    Un unico pensiero: poveri alberi sacrificati per il nulla!!
    (non ho più ripetuto l'esperienza di libri simili, una volta mi è ba ...continue

    Letto tanti anni fa, quando era appena uscito e non si parlava d'altro.
    Un unico pensiero: poveri alberi sacrificati per il nulla!!
    (non ho più ripetuto l'esperienza di libri simili, una volta mi è bastata!)

    said on 

Sorting by
Sorting by