1222

By

Publisher: Atlantic Books

3.0
(184)

Language: English | Number of Pages: 352 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Swedish , German , Dutch , Spanish , Italian

Isbn-10: 1848878109 | Isbn-13: 9781848878105 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , eBook , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like 1222 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A snowbound mountain pass, a derailed train, a locked, shuttered and heavily guarded carriage, an apocalyptic storm, an ancient hotel, old betrayals, murder and state secrets: this is the Corvus launch of one of Scandinavia's hottest crime writers. 1222 metres above sea level, train 601 from Oslo to Bergen careens of iced rails as the worst snowstorm in Norwegian history gathers force around it. Marooned in the high mountains with night falling and the temperature plummeting, its 269 passengers are forced to abandon their snowbound train and decamp to a centuries-old mountain hotel. They ought to be safe from the storm here, but as dawn breaks one of them will be found dead, murdered. With the storm showing no sign of abating, retired police inspector Hanne Wilhelmsen is asked to investigate. But Hanne has no wish to get involved. She has learned the hard way that truth comes at a price and sometimes that price just isn't worth paying. Her pursuit of truth and justice has cost her the love of her life, her career in the Oslo Police Department and her mobility: she is paralysed from the waist down by a bullet lodged in her spine.
Trapped in a wheelchair, trapped by the killer within, trapped by the deadly storm outside, Hanne's growing unease is shared by everyone in the hotel. Should she investigate, or should she just wait for help to arrive? And all the time rumours swirl about a secret cargo carried by train 601. Why was the last carriage sealed? Why is the top floor of the hotel locked down? Who or what is being concealed? And, of course, what if the killer strikes again? It is suitable for fans of Val McDermid, Henning Mankell, Steig Larsson and the TV series "Wallander".
Sorting by
  • 3

    Lettura non particolarmente avvincente, in alcuni tratti addirittura noiosa. La trama, che rendeva interessante la quarta di copertina, lascia dei "vuoti". Oppure, forse, non mi ha tenuta abbastanza i ...continue

    Lettura non particolarmente avvincente, in alcuni tratti addirittura noiosa. La trama, che rendeva interessante la quarta di copertina, lascia dei "vuoti". Oppure, forse, non mi ha tenuta abbastanza incollata alle pagine.

    said on 

  • 2

    Questa volta la Holt mi ha lasciata un po' perplessa. Questo romanzo non mi ha convinta. Ho faticato a leggerlo fino a pagina 200 almeno. Il finale invece ha acquistato ritmo. Mi spiace, ma quota 122 ...continue

    Questa volta la Holt mi ha lasciata un po' perplessa. Questo romanzo non mi ha convinta. Ho faticato a leggerlo fino a pagina 200 almeno. Il finale invece ha acquistato ritmo. Mi spiace, ma quota 1222 prende a mala pena la sufficienza!

    said on 

  • 4

    Durante la lettura si avverte spesso la sensazione di avere davanti un mix tra Dieci piccoli indiani e Assassinio sull'Orient-Express. La trama è molto buona e l'ottimo ritmo ha fatto sì che mi divora ...continue

    Durante la lettura si avverte spesso la sensazione di avere davanti un mix tra Dieci piccoli indiani e Assassinio sull'Orient-Express. La trama è molto buona e l'ottimo ritmo ha fatto sì che mi divorassi tutta la storia nel giro di pochissimo. Rimango comunque dell'idea che, senza la fantastica location di Finse, questo romanzo non sarebbe stato altrettanto riuscito. Contrariamente a quanto pensassi, l'hotel descritto esiste davvero e, ora che l'ho scoperta, spesso mi collego alla webcam del paese per curiosare un po' nella vita quotidiana di questa piccola comunità. È un luogo magico e affascinante, e al contempo carico di mistero proprio per la sua particolarità di essere difficilmente raggiungibile e per il suo clima estremo. Proprio l'ambientazione che serve per un ottimo giallo!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    All'inizio l'idea mi ha intrigato. Anche il ritmo, che a molti recensori è apparso lento, ben si confaceva alla situazione di reclusione in cui si è svolta la vicenda e alla limitata mobilità della pr ...continue

    All'inizio l'idea mi ha intrigato. Anche il ritmo, che a molti recensori è apparso lento, ben si confaceva alla situazione di reclusione in cui si è svolta la vicenda e alla limitata mobilità della protagonista, costretta su una sedia a rotelle. Dallo svolgimento mi sarei aspettato qualcosa di meglio. Del richiamo ad Agatha Christie non mi è piaciuto che, come la scrittrice inglese, anche qui l'autrice non svela al lettore dei particolari che invece sono noti alla protagonista. Il finale con l'apparizione di Osama Bin Laden - almeno io l'ho interpretato così - è un po' stucchevole

    said on 

  • 3

    Qualcosa non convince

    Si tratta di un bel giallo nell'insieme. La chiara ispirazione a Dicei piccoli indiani, anche esplicitata tramite la voce della protagonista, non lede l'originalità della storia, ma, soprattutto nella ...continue

    Si tratta di un bel giallo nell'insieme. La chiara ispirazione a Dicei piccoli indiani, anche esplicitata tramite la voce della protagonista, non lede l'originalità della storia, ma, soprattutto nella prima metà del romanzo, il racconto ha un ritmo molto confuso e tanti riferimenti sono rimasti, almeno per me, incomprensibili.

    said on 

  • 5

    Abilissima.Resuscita la Wilhelmsen, ne fa una Lyncoln Rhyme, crea una situazione drammatica limite, sviluppa una indagine avvincente e ci mette anche una boutade sui servizi segreti norvegesi.

    said on 

  • 1

    * illeggibile
    ** INSUFFICIENTE
    *** sufficiente
    **** discreto
    ***** bello
    ****** ottimo
    ******* capolavoro

    C'erano tutte le premesse per un bel thriller. Ma che barba. ...continue

    * illeggibile
    ** INSUFFICIENTE
    *** sufficiente
    **** discreto
    ***** bello
    ****** ottimo
    ******* capolavoro

    C'erano tutte le premesse per un bel thriller. Ma che barba.

    said on 

  • 1

    Intrigante come una rama secca

    Di gialli norvegesi (o nordici) ne abbiamo fatto il pieno, alcuni bellissimi, altri mediocri, molti infimi...
    Con "Quota 1222" la suspense si trasforma in sonno, la tensione in noia, la paura in loffi ...continue

    Di gialli norvegesi (o nordici) ne abbiamo fatto il pieno, alcuni bellissimi, altri mediocri, molti infimi...
    Con "Quota 1222" la suspense si trasforma in sonno, la tensione in noia, la paura in loffie, l'omicidio in acidità di stomaco.
    Per favore, restituiteci Miss Marple, quella almeno sapeva far sorridere, mentre l'eroina (?) del nostro romanzo fa girare il culo. A parte i continui rimandi ai precedenti libri (che ne impongono la conoscenza) i passaggi sono confusi, slegati, la trama non tiene e anche se tutto avviene in un albergo chiuso ed isolato da una tempesta di neve, la tensione non regge meno di 5 pagine... che pena.

    said on 

Sorting by
Sorting by