A Cry in the Night

By

Publisher: Rebound by Sagebrush

3.8
(479)

Language: English | Number of Pages: 352 | Format: School & Library Binding | In other languages: (other languages) Spanish , Italian

Isbn-10: 0613035399 | Isbn-13: 9780613035392 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook , Mass Market Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Library Binding , Unbound

Category: Mystery & Thrillers

Do you like A Cry in the Night ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

When Jenny MacPartland meets the man of her dreams while working in a New York art gallery, she's ecstatic. Painter Erich Krueger -- whose exquisite landscapes are making him a huge success -- is handsome, sensitive...and utterly in love with her. They marry quickly and Jenny plans a loving home on Erich's vast Minnesota farm. But lonely days and eerie nights strain her nerves to the breaking point and test her sanity. Caught in a whirlpool of shattering events, Jenny soon unearths a past more terrifying than she dares imagine...tragic secrets that threaten her marriage, her children, her life.

Sorting by
  • 2

    Ingenuo cliché

    Dovrei dire che la recensione contiene qualche anticipazione sulla trama, ma in realtà quest’ultima è talmente scontata che non credo che sia necessario.
    Partiamo dai pochi aspetti positivi del romanz ...continue

    Dovrei dire che la recensione contiene qualche anticipazione sulla trama, ma in realtà quest’ultima è talmente scontata che non credo che sia necessario.
    Partiamo dai pochi aspetti positivi del romanzo.
    La prosa è sicuramente molto bella e pulita, ed è esaltata da una buona traduzione. L’autrice ha un’ottima gestione del punto di vista della protagonista e nel complesso il testo ti porta a una lettura veloce, anche se devo confessare che ho avuto fretta di finirlo pur di liberarmene al più presto.
    Ma, nonostante le ottime doti tecniche, la storia è soltanto un ingenuo cliché.
    L’inutile prologo fa capire subito come si svolgerà la storia e come finirà: anticipa la morte del bambino (cosa che poi effettivamente avviene a circa l’80% del romanzo), che lei è sola e che c’è qualcosa di strano che riguarda il marito.
    Tutto il resto si chiarisce nei primi capitoli.
    Jenny, la protagonista, è assolutamente non credibile. Quando mai una madre single, divorziata, che quindi ci è già passata, a New York (mica in un paesino di zotici), si fida subito del primo tipo che si interessa a lei? Anzi, dovrebbe dubitare di questo interesse subitaneo. Lui le chiede di sposarla dopo una settimana! Qualunque donna sarebbe scappata a gambe levate e una come lei, che ha due figlie, più veloce di qualunque altra. Questa poca credibilità la rende un personaggio fastidioso per la sua eccessiva stupidità, debolezza e per la totale mancanza di carattere.
    Il fatto che la storia sia ambientata negli anni ’80 può giustificare la trama trita a ritrita (al tempo lo era un po’ meno), ma non la sua pessima esecuzione e i suoi personaggi bidimensionali.
    Lui ha un’aria sinistra già da subito. Dopo aver letto il prologo, viene naturale dubitare subito di lui, tanto più per via del suo modo di essere invadente e prevaricante con una donna appena conosciuta e cui si interessa perché è quasi identica alla madre morta, altro motivo per cui qualunque persona sana di mente sarebbe fuggita subito da lui.
    I tentativi dell’autrice di confondere la carte e far dubitare della protagonista falliscono miseramente. Non una volta è riuscita a sviarmi dalla convinzione, maturata dal primo momento che ho incontrato Erich nel primo capitolo, che ci fosse qualcosa di sbagliato in lui, che fosse lui la causa di tutto. L’inserimento tardivo di elementi di dubbio sembra un arrampicarsi sugli specchi e la tendenza della protagonista a dare credito a essi ne dà un’immagine ancora più stupida e debole.
    Il finale è scontato. E come volete che finisca una storia del genere? Dai!
    La citazione velata, ma neanche tanto, a Psycho avrà fatto rivoltare Hitchcock nella tomba.
    Era la prima volta che leggevo un libro della Higgins Clark e, senza dubbio, sarà l’ultima.

    said on 

  • 3

    Discreto, Un po' troppo melenso, tipo favola e la bella cenerentola con qualche pizzico di thriller anche se a onor del vero si capisce immediatamente dove stia il cattivo.

    said on 

  • 5

    Dopo molte traversie e un matrimonio fallito, Jenny, è convinta di aver trovato la felicità con Erich Krueger, un pittore bello e facoltoso. Nel giro di poco tempo i due si sposano, trasferendosi con ...continue

    Dopo molte traversie e un matrimonio fallito, Jenny, è convinta di aver trovato la felicità con Erich Krueger, un pittore bello e facoltoso. Nel giro di poco tempo i due si sposano, trasferendosi con le figlie nella sontuosa dimora dei Krueger, nel Minnesota.
    Ben presto, però, la donna comincia ad avvertire intorno a sè una strana e sinistra atmosfera, greve di minacce e di echi di un passato che la casa stessa sembra celare tra le sue pareti.
    Un romanzo che è stato davvero una bellissima sopresa.
    Un thriller entusiasmante che mantiene con il fiato sospeso fino all'ultima pagina. Mistero, suspence bastano a questa storia che senza aggiunta di violenza, sangue e altro riesce ad ottenere le 5 stelle piene.
    Il finale troppo simile a Psycho, stona leggermente con il resto della storia.

    said on 

  • 3

    Passabile

    Senza infamia e senza lode, si lascia leggere nonostante si abbia l'impressione di assistere ad uno di quei film sul genere thriller B-movie in cui si evince da subito chi sia il cattivo ma devi starl ...continue

    Senza infamia e senza lode, si lascia leggere nonostante si abbia l'impressione di assistere ad uno di quei film sul genere thriller B-movie in cui si evince da subito chi sia il cattivo ma devi starlo a guardare per curiosità, per vedere se l'epilogo era come te lo eri immaginato,

    said on 

  • 3

    Rebecca 2, detta Caroline

    Mi sembrava di rileggere "Rebecca la prima moglie" che ho apprezzato molto, però è un po' la versione "dei poveri" nel senso che è meno fine, una scrittura più piatta, meno coinvolgente.

    Per carità, i ...continue

    Mi sembrava di rileggere "Rebecca la prima moglie" che ho apprezzato molto, però è un po' la versione "dei poveri" nel senso che è meno fine, una scrittura più piatta, meno coinvolgente.

    Per carità, il libro si fa leggere perchè la suspance si fa sentire, tra l'altro son pure contento perchè avevo intuito come poteva svolgersi la faccenda, quindi lo consiglio, ma, ripeto, non aspettatevi un libro che rientri nella leggenda.

    said on 

  • 4

    un uomo entra a gamba tesa nella tua vita, bello, ricco, dolcissimo, romantico... a quale donna non piacerebbe vivere questa favola?^
    Ma a volte le favole si trasformano in incubi e questo libro lo ra ...continue

    un uomo entra a gamba tesa nella tua vita, bello, ricco, dolcissimo, romantico... a quale donna non piacerebbe vivere questa favola?^
    Ma a volte le favole si trasformano in incubi e questo libro lo racconta bene.
    Attenzione: letto un libro suo, letti tutti

    said on 

  • 4

    Lo encontré en la estantería de mis padres y decidí echarle un vistazo, enseguida me quedé enganchada a la historia y sufría junto a la protagonista, que intriga, que nervios ¿conseguirá salir bien pa ...continue

    Lo encontré en la estantería de mis padres y decidí echarle un vistazo, enseguida me quedé enganchada a la historia y sufría junto a la protagonista, que intriga, que nervios ¿conseguirá salir bien parada? ¿se salvará? me gustó mucho este libro y la autora como escribe, es uno de mis favoritos.

    said on 

  • 4

    La protagonista suda lo suyo en esta historia. Es el segundo libro de terror que tuve en mis manos desde mi existencia y sin duda me marcó. El argumento te deja tan patidifusa que te hace pensar en la ...continue

    La protagonista suda lo suyo en esta historia. Es el segundo libro de terror que tuve en mis manos desde mi existencia y sin duda me marcó. El argumento te deja tan patidifusa que te hace pensar en la locura de ese personaje...
    Otro libro que recomiendo para lecturas en plena noche.

    said on