A Feast for Crows

(A Song of Ice and Fire, Book 4)

By

Publisher: Voyager

4.0
(2885)

Language: English | Number of Pages: 936 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish

Isbn-10: 0006486126 | Isbn-13: 9780006486121 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , Softcover and Stapled , Mass Market Paperback , eBook , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Feast for Crows ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
It seems too good to be true. After centuries of bitter strife and fatal treachery, the seven powers dividing the land have decimated one another into an uneasy truce. Or so it appears. . . . With the death of the monstrous King Joffrey, Cersei is ruling as regent in King’s Landing. Robb Stark’s demise has broken the back of the Northern rebels, and his siblings are scattered throughout the kingdom like seeds on barren soil. Few legitimate claims to the once desperately sought Iron Throne still exist—or they are held in hands too weak or too distant to wield them effectively. The war, which raged out of control for so long, has burned itself out.

But as in the aftermath of any climactic struggle, it is not long before the survivors, outlaws, renegades, and carrion eaters start to gather, picking over the bones of the dead and fighting for the spoils of the soon-to-be dead. Now in the Seven Kingdoms, as the human crows assemble over a banquet of ashes, daring new plots and dangerous new alliances are formed, while surprising faces—some familiar, others only just appearing—are seen emerging from an ominous twilight of past struggles and chaos to take up the challenges ahead.

It is a time when the wise and the ambitious, the deceitful and the strong will acquire the skills, the power, and the magic to survive the stark and terrible times that lie before them. It is a time for nobles and commoners, soldiers and sorcerers, assassins and sages to come together and stake their fortunes . . . and their lives. For at a feast for crows, many are the guests—but only a few are the survivors.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Il dominio (letteralmente) della regina

    Questo libro paga (a detta dello stesso autore) una netta divisione dell'originario quarto tomo, troppo corposo per essere mandato alle stampe sotto forma di un unico volume e perciò diviso in due. Il ...continue

    Questo libro paga (a detta dello stesso autore) una netta divisione dell'originario quarto tomo, troppo corposo per essere mandato alle stampe sotto forma di un unico volume e perciò diviso in due. Il suddetto testo, nello specifico, si concentra esclusivamente sulle vicende e sui personaggi di Approdo del Re. Volendo narrare "la storia di metà dei personaggi, piuttosto che raccontare metà storia di tutti i personaggi", Martin non ottiene però gli stessi notevoli risultati dei precedenti volumi. Il quarto libro delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco introduce vecchi comprimari al già folto gruppo di personaggi principali e si prende (giustamente) tutto il tempo del mondo per farlo. Il problema è che così ne risente di parecchio la trama orizzontale, che viene portata avanti solo per minuscoli passi. Le linee narrative raccontate risultano così piatte e poco accattivanti, tranne per due-tre capitoli dedicati a specifici personaggi (Arya e Sansa ad esempio). L'unico personaggio che tiene alto l'interesse del lettore con costanza, è quello di Cersei. Si potrebbe tranquillamente affermare che il quarto tomo è retto quasi esclusivamente dalla regina dei Sette Regni e dai suoi continui tentativi di mantenere il figlio Tommen stabile sul Trono di Spade.
    Lo stile sempre schietto e scorrevole di Martin persiste anche in questo quarto volume. Ma non è comunque sufficiente da solo per il raggiungimento di un voto positivo. E' un libro lontano dalla qualità dei precedenti capitoli.

    said on 

  • 5

    Each one of the books in this series allows the reader more depth and insight into the characters making for the reader to become invested and care. This book as well as the others is a hard one to pu ...continue

    Each one of the books in this series allows the reader more depth and insight into the characters making for the reader to become invested and care. This book as well as the others is a hard one to put down and often times your saying WHY!!!!!

    said on 

  • 2

    Tallone d'Achille martiniano

    Ahimè, come temevo, in questo quarto capitolo della, ormai celeberrima, saga fantasy, Martin ha perso parte delle fila della trama, temporeggiando per buona parte del romanzo con l’introduzione di per ...continue

    Ahimè, come temevo, in questo quarto capitolo della, ormai celeberrima, saga fantasy, Martin ha perso parte delle fila della trama, temporeggiando per buona parte del romanzo con l’introduzione di personaggi sconosciuti. Quest’ultimi sono sì interessanti, ma non indispensabili ai fini della vicenda, o almeno non ad un punto in cui alcuni personaggi chiave ci hanno abbandonato e altri vengono relegati in zone remote della saga, accennati di tanto in tanto, ma senza approfondire adeguatamente background, profili e ruoli.
    Lo stile resta comunque epico, cavalleresco e molto scorrevole, capace di intrigare e stuzzicare curiosità e interesse, specialmente con qualche colpo di scena che ci rimanda al genere fantasy in cui la vicenda è inscritta.
    Dunque per terminare e non tediarvi ulteriormente con troppe considerazioni personali che potrebbero condizionare la vostra lettura, riassumo affermando d’aver apprezzato il quarto capitolo in quanto stile, colpi di scena e gli sviluppi dell’ultima parte del romanzo; d’averlo trovato molto noioso per via di monotonia, personaggi e dialoghi creati ad hoc per aumentare la mole del libro.
    Libro mediocre, nettamente inferiore ai precedenti.

    said on 

  • 2

    Che barba, che noia...

    Finora il capitolo più brutto. Non accade quasi nulla, stavolta nemmeno nell'ultima parte. Vengono introdotti nuovi personaggi e nuove tematiche di cui avremmo fatto volentieri a meno. I protagonisti ...continue

    Finora il capitolo più brutto. Non accade quasi nulla, stavolta nemmeno nell'ultima parte. Vengono introdotti nuovi personaggi e nuove tematiche di cui avremmo fatto volentieri a meno. I protagonisti che più amavamo dei romanzi passati, o spariscono, o diventano noiosi (tipo Arya). Troppe vicende riguardanti Cersei, troppi intrighi da telenovelas, tant'è che si fatica a collegare tutte le casate. Ma soprattutto pochissima azione, suspance ed emozioni. Se proprio dobbiamo trovare qualcosa di positivo, questo riguarda i capitoli dedicati a Jamie e Brienne, per quanto sempre circondati da monotonia e noia. Ma ho letto un libro del "Re del fantasy" o cosa????? Mah! Mi sono impuntata per portare a termine tutta la saga...e sinceramente non vedo l'ora. Sembra proprio che l'autore non sappia come concludere questa storia. Che peccato!

    said on 

  • 4

    Bellissimo!

    Questo capitolo è particolare, forse piú complesso dei precedenti. Come un giocatore di scacchi, con questo libro Martin sembra delinare nuove strategie.
    Parte dei personaggi scompare alla vista, il r ...continue

    Questo capitolo è particolare, forse piú complesso dei precedenti. Come un giocatore di scacchi, con questo libro Martin sembra delinare nuove strategie.
    Parte dei personaggi scompare alla vista, il raggio di azione si restringe e l'autore si concentra su chi rimane. Alcune parti sono in effetti un pochino pesantine, lo ammetto, soprattutto la parte su Brienne che sembra un po' decontestualizzata. Ho pensato per un momento che lei vagasse un po' a caso e la sua parte non avesse molto senso: fino alla fine. Come sempre Martin ci stupisce alla fine. Dalla metà del libro in poi le pedine si schierano e attendono.
    Dico solo cinque nomi che mi hanno fatto sussultare: Jamie e Cercei (perchè sempre superbi, personaggi stupefacenti e sfaccettati). Victarion forse di tutti i Greyjoy il personaggio migliore, Lady Stoneheart come una fenice ritorna per preparare la sua vendetta e la piccola Arya sempre sopra le righe.
    Ho apprezzato anche Sam che finalmente comincia a tirare fuori le palle, proprio nel punto dove finisce il libro. Un plauso va alla nostra Sansa "MaiUnaGioia" Stark che finalmente comincia anche lei a svegliarsi fuori, del resto con Ditocorto come maestro di inganni, non si può che imparare (era ora che la nostra sfigatella preferita cominciasse ad imparare a stare al mondo!! Son 4 libri che piagnucola!).

    La parte che ho apprezzato meno è stata Dorne, con quel palloso principe malandato (quanto mi manca la Vipera Rossa) e i Greyjoy tranne Victarion, ma so che tutto potrebbe cambiare per cui staremo a vedere...

    Piccola nota personale, la serie tv smette di seguire il libro da qui. Praticamente con questo libro i personaggi e i luoghi e moltissimi dettagli, anche non indifferenti, segnano la fine del parallelismo con la serie. Anche qui staremo a vedere come si evolverà la faccenda....

    said on 

  • 3

    La caduta degli dei

    Dei quattro libri letti finora questo è quello che mi è piaciuto di meno. Troppo concentrato su pochissimi personaggi, troppo incentrato sulla staticità degli eventi. Certo qualche guizzo di genio si ...continue

    Dei quattro libri letti finora questo è quello che mi è piaciuto di meno. Troppo concentrato su pochissimi personaggi, troppo incentrato sulla staticità degli eventi. Certo qualche guizzo di genio si è intravisto anche in queste pagine ma nulla rispetto agli altri .... la chiosa finale di Martin sulla scissione del "libro" in due libri mi lascia intendere che nel prossimo non si parli minimamente di Cersei, di Brienne, di Jaime o di chi per essi ... chissà ... per il momento la questione mi lascia piuttosto perplesso ...

    said on 

  • 3

    Maldita la manía de George R.R. Martin de ponerle emoción a sus libros al final.

    Han sido unas primeras 500 páginas eternas, con las que he estado más de un mes, en las que no pasaba absolutamente na ...continue

    Maldita la manía de George R.R. Martin de ponerle emoción a sus libros al final.

    Han sido unas primeras 500 páginas eternas, con las que he estado más de un mes, en las que no pasaba absolutamente nada interesante, para luego, en las útlimas 200 y pico que pase todo y muy bueno. Sólo espero que "Danza de dragones" sea mejor, que ha de serlo porque salen los personajes que molan y no se centra en casas menores como Greyjoy. O los dornienses, que casi no aparecen en la saga y ahora se les da mucha importancia.

    said on 

Sorting by
Sorting by