A partire dai nomi

Di

Editore: Liguori (Collezione scolastica)

2.6
(50)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 117 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8820721554 | Isbn-13: 9788820721558 | Data di pubblicazione: 

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace A partire dai nomi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Grob è un giornalista, lavora a Torino e si occupa delle rubriche scientifiche.
Una mattina, arriva in redazione la notizia che un convegno scientifico tenutosi a Erice il giorno prima, viene misteriosamente sospeso. Notizia piuttosto irrilevante, ma solo inizialmente. Con il passare dei giorni in città avvengono fatti sconcertanti che Grob ricollega alla sospensione del Convegno. Di cosa si è parlato in quel convegno? Perchè è stato sospeso?
Ordina per
  • 3

    Un racconto distopico che si discosta molto dai romanzi più conosciuti di Vitali. Qui non c'è la sua Bellano a fare da sfondo, ma una Torino in cui succedono cose strane, gli animali impazziscono e ce ...continua

    Un racconto distopico che si discosta molto dai romanzi più conosciuti di Vitali. Qui non c'è la sua Bellano a fare da sfondo, ma una Torino in cui succedono cose strane, gli animali impazziscono e cercano il suicidio di massa. Grob, che di mestiere fa il giornalista, cerca di indagare su questi avvenimenti all'apparenza assurdi...
    Si legge in modo molto scorrevole tanto è piccolino e con capitoli molto corti, e la storia con il suo mistero da risolvere tiene incollati alle pagine.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho letto questo racconto di Vitali, nonostante le recensioni non molto positive. Alcuni si lamentano perché non vi è un finale, ma secondo me è molto chiaro cosa l'autore volesse dire e sta al lettore ...continua

    Ho letto questo racconto di Vitali, nonostante le recensioni non molto positive. Alcuni si lamentano perché non vi è un finale, ma secondo me è molto chiaro cosa l'autore volesse dire e sta al lettore capirlo. Forse quelli che leggono Vitali sono abituati ai suoi racconti sulla vita di paese, negli anni del fascismo. Qui si tratta di ben altro, e non mi e' per nulla dispiaciuto. Forse perché ambientato a Torino, la mia amata città.

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente perché non ho capito nulla. C'è una storia bella tosta che però, almeno a parer mio resta senza finale. Non con finale aperto, proprio senza. Ma come diceva GG, "forse sono io che non capisc ...continua

    Deludente perché non ho capito nulla. C'è una storia bella tosta che però, almeno a parer mio resta senza finale. Non con finale aperto, proprio senza. Ma come diceva GG, "forse sono io che non capisco più un cazzo"

    ha scritto il 

  • 3

    Piuttosto anomalo rispetto al genere cui Vitali ci ha abituati,anche come ambientazione, questo romanzo breve che ha come sfondo Torino anzichè Bellano, il paesino sul lago di Como scenario di tanti r ...continua

    Piuttosto anomalo rispetto al genere cui Vitali ci ha abituati,anche come ambientazione, questo romanzo breve che ha come sfondo Torino anzichè Bellano, il paesino sul lago di Como scenario di tanti romanzi dell'autore. Manca anche la caratterizzazione dei personaggi che si muovono con disinvoltura e realismo nel paesaggio ormai famigliare. Si sente che è un'opera giovanile, eppure la tensione narrativa che ti porta ad andare avanti ad oltranza con la lettura c'è già tutta anche qui.

    ha scritto il 

  • 2

    che corsa!

    Distopico racconto in cui la nostra penisola rimane violentemente travolta dalle conseguenze di esperimenti scientifici estremi.
    Scritto con uno stile da telegrafista più che creare un clima di suspen ...continua

    Distopico racconto in cui la nostra penisola rimane violentemente travolta dalle conseguenze di esperimenti scientifici estremi.
    Scritto con uno stile da telegrafista più che creare un clima di suspense mi ha lasciata con il fiato grosso con il desiderio di rilassarmi in poltrona leggendo un buon libro!

    ha scritto il 

  • 3

    Durante la lettura ho controllato diverse volte che l'autore fosse proprio Andrea Vitali.
    Questo racconto lungo è di un genere tutto diverso da quello a cui l'autore ci ha abituati.E' un horror, più p ...continua

    Durante la lettura ho controllato diverse volte che l'autore fosse proprio Andrea Vitali.
    Questo racconto lungo è di un genere tutto diverso da quello a cui l'autore ci ha abituati.E' un horror, più per l'atmosfera che per l'ambientazione: la città di Torino, battuta da una pioggia incessante e attraversata da improvvisi e inspiegabili fenomeni.
    A un certo punto della narrazione sembra di intuire una deriva paranormale, invece arriva la conclusione, improvvisa e, a mio parere, un po' forzata.

    ha scritto il 

  • 4

    Scrittura asciutta e controllata per questa breve narrazione inquietante e coinvolgente decisamente atipica per il Vitali conosciuto dati l'argomento fantacatastrofico, l'ambientazione torinese e il ...continua

    Scrittura asciutta e controllata per questa breve narrazione inquietante e coinvolgente decisamente atipica per il Vitali conosciuto dati l'argomento fantacatastrofico, l'ambientazione torinese e il rigoroso distacco del narratore.

    ha scritto il