A volte ritornano

Di

Editore: Bompiani (I grandi tascabili, 56)

3.9
(3075)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 381 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Chi tradizionale , Olandese , Ceco , Svedese , Russo , Greco , Polacco , Portoghese , Ungherese

Isbn-10: 8845201694 | Isbn-13: 9788845201691 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Hilia Brinis

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace A volte ritornano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Edizione Bompiani (I Grandi Tascabili, 56) uscita inizialmente senza codice ISBN (1986) poi aggiunto nella successiva ristampa.
Utilizzare questa scheda per entrambe le ristampe, selezionando la copertina corrispondente alla copia posseduta del libro.

Mentre l'uomo domina e piega a sé le leggi di natura, affidando il controllo assoluto della propria esistenza alla tecnologia, inquietanti segnali premonitori giungono dalle sue sofisticate creature. Le forze di un mondo misterioso e nascosto A volte ritornano e quando si scatenano ha inizio un lungo agghiacciante incubo, un allucinante tunnel di orrore. Stephen King, autore di fama internazionale, dai cui libri sono stati tratti numerosi film - tra cui Brivido trasposizione cinematografica del racconto "Camion" da A volte ritornano - ha al suo attivo numerosi bestseller. Ricordiamo Shining, Carrie, e L'Ombra dello Scorpione, tutti pubblicati da Bompiani.
Ordina per
  • 3

    Questo libro è composto da storie molto valide e da storie che mi hanno quasi annoiato. E' stata una lettura di "riposo", tra un libro e l'altro ci infilavo qualche racconto. Forse questo ha abbassato ...continua

    Questo libro è composto da storie molto valide e da storie che mi hanno quasi annoiato. E' stata una lettura di "riposo", tra un libro e l'altro ci infilavo qualche racconto. Forse questo ha abbassato la percezione della qualità dei racconti, non so. Se si è assidui lettori di King come me, è da leggere prima o poi.

    ha scritto il 

  • 3

    Premetto che non sono un amante dei piccoli racconti. Non li trovo appaganti, amo le storie lunghe dove i personaggi vengono continuamente approfonditi. Dopo aver letto tre bei libri di King (Carrie, ...continua

    Premetto che non sono un amante dei piccoli racconti. Non li trovo appaganti, amo le storie lunghe dove i personaggi vengono continuamente approfonditi. Dopo aver letto tre bei libri di King (Carrie, Le notti di Salem e Shining) ho pensato di dargli una chance con questo genere.
    Dei 20 racconti quelli che ho preferito sono stati:
    - Il cornicione: Questo il mio preferito. Ricco di pathos, mistero e con un finale pienamente soddisfacente.
    - Quitters Inc.: Geniale l'idea, e perfetta la storia, anche qui con un finale di classe.
    - Io sono la porta: L'unico racconto veramente horror in tutto e per tutto. Meravigliosamente disgustoso.
    - L'ultimo piolo: Del tutto controcorrente rispetto agli altri racconti. Commovente e che fa riflettere.

    Nel complesso non mi ha entusiasmato, però posso dire che per questi quattro racconti è valsa la pena leggerlo.

    ha scritto il 

  • 5

    Scrivere racconti capaci di trasportarti in atmosfere diverse, suscitando le piú svariate emozioni, non é una capacità che hanno tutti gli scrittori. King ha costruito interi mondi in poche pagine ed ...continua

    Scrivere racconti capaci di trasportarti in atmosfere diverse, suscitando le piú svariate emozioni, non é una capacità che hanno tutti gli scrittori. King ha costruito interi mondi in poche pagine ed é uno dei motivi che me lo fa adorare di piú ad ogni lettura.

    ha scritto il 

  • 5

    vecchia rilettura che mi ha riportato indietro nel tempo. i racconti sono un mix di "già sentito" e di genialità non sfruttate.
    alcuni li avrei voluti lunghi di almeno 500 pagine (le solite 500 pagine ...continua

    vecchia rilettura che mi ha riportato indietro nel tempo. i racconti sono un mix di "già sentito" e di genialità non sfruttate.
    alcuni li avrei voluti lunghi di almeno 500 pagine (le solite 500 pagine di king), ma la notizia eccezionale è ... che li ricordo tutti!
    nonostante la mia smemoratezza proverbiale questi racconti mi hanno colpita al cuore e sono indimenticabili

    ha scritto il 

  • 4

    Avrei voluto dare 5\5, ma ci sono alcuni racconti che da soli reggono tutta la raccolta e altri che avrei scartato a priori. La cosa che più mi piace di King è che spesso si cimenta in altri generi no ...continua

    Avrei voluto dare 5\5, ma ci sono alcuni racconti che da soli reggono tutta la raccolta e altri che avrei scartato a priori. La cosa che più mi piace di King è che spesso si cimenta in altri generi non propriamente horror. Anche se tratta magari il paranormale che l'eutanasia , King è incredibile come riesca a dare profondità e caratterizzazione ad una vicenda tremendamente reale e che potrebbe toccarci da vicino...Un libro che tratta i peggiori aspetti dell'orrore con la maestria e l'originalità che solamente Il RE possiede!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho fatto bene a mettere da parte il pregiudizio su un autore il cui nome troneggia da sempre su ogni scaffale. L'individuo sa scrivere (grazie, graziella eccetera). I suoi racconti sono in grado di su ...continua

    Ho fatto bene a mettere da parte il pregiudizio su un autore il cui nome troneggia da sempre su ogni scaffale. L'individuo sa scrivere (grazie, graziella eccetera). I suoi racconti sono in grado di suscitare reazioni emotive come poca altra narrativa (romanzi, ma anche film, serie tv e via dicendo) e mi ha sorpreso veramente tanto ritrovarmi a provare certe sensazioni. Gli omaggi a Lovecraft si sprecano, ma è il caso in cui l'allievo supera il maestro. Con buona pace dell'amato H.P.

    ha scritto il 

  • 3

    Piccole perle

    La sua prima raccolta di racconti, alcuni forse un po' acerbi, da cui sarebbe bello prendere spunto anche per sviluppare veri e propri romanzi.
    Di alcuni sono stati fatti dei film, ma la magia di un r ...continua

    La sua prima raccolta di racconti, alcuni forse un po' acerbi, da cui sarebbe bello prendere spunto anche per sviluppare veri e propri romanzi.
    Di alcuni sono stati fatti dei film, ma la magia di un racconto nessun film riesce ad eguagliarla.
    Ci sono delle piccole chicche e altri un po' meno apprezzabili, ma anche in poche righe si viene coinvolti completamente nella trama tanto che, alla fine, è un peccato che la storia finisca così in fretta.
    Non sono un'amante dei racconti, proprio perché brevi e, quando la storia inizia davvero a prendermi, il racconto arriva alla fine e questo mi dispiace e irrita un po' allo stesso tempo.
    Tuttavia anche questo è King e non leggere questi racconti preferendo solo i romanzi, sarebbe un vero peccato. Nei racconti mi sembra che riesca ad essere anche un po' più perfido e divertente, irriverente e spensierato, sono dei piccoli gioiellini da gustare a poco a poco come dei gustosi bon bon.

    ha scritto il 

  • 4

    PICCOLO GRANDE KING

    Mi sono trovato davanti alla prima raccolta di racconti di King ed anche la prima che leggo io. Ottima impressione,certo il libro è fatto di alti e bassi (piu alti che bassi) ma in alcuni casi,in poch ...continua

    Mi sono trovato davanti alla prima raccolta di racconti di King ed anche la prima che leggo io. Ottima impressione,certo il libro è fatto di alti e bassi (piu alti che bassi) ma in alcuni casi,in pochissime pagine King riesce a dare atmosfere ed emozioni potenti quanto romanzi interi. Non c'è storia (o racconto in questo caso?) ,King è il meglio.

    ha scritto il 

Ordina per