About a Boy

By

Publisher: Penguin Books Ltd (Digital)

3.9
(6024)

Language: English | Number of Pages: | Format: eBook | In other languages: (other languages) German , Chi traditional , Catalan , French , Italian , Spanish , Dutch , Swedish , Greek , Polish , Czech

Isbn-10: 0141885556 | Isbn-13: 9780141885551 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , Paperback , Audio CD , Audio Cassette , Mass Market Paperback , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like About a Boy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Will is a rich, child-free and irresponsible Londoner in his thirties who, in his search for available women, invents an imaginary son and starts attending single parent meetings. As a result of one of his liaisons he meets Marcus, a strange 12-year-old boy with problems at school. Gradually, Will and Marcus become friends and, as Will teaches Marcus how to be a cool kid, Marcus helps Will to finally grow up.
Sorting by
  • 4

    Molto carino

    Libro molto carino, scorrevole, ben scritto, adatto ai momenti di svago. Questo autore, di ho ho già letto vari libri, è proprio una garanzia quando si è alla ricerca di una lettura semplice ma di buo ...continue

    Libro molto carino, scorrevole, ben scritto, adatto ai momenti di svago. Questo autore, di ho ho già letto vari libri, è proprio una garanzia quando si è alla ricerca di una lettura semplice ma di buon livello. Le tematiche della storia non potrebbero definirsi proprio leggere. Il libro infatti tocca diversi argomenti drammatici, quali la separazione di una coppia con figli, la depressione, il bullismo e la solitudine adolescenziale, ma li affronta sempre in maniera ponderata, non sfociando nel dramma ma rimanendo sempre sull'orlo di una commedia. Il romanzo è di genere contemporaneo ma ha il difetto essere oggettivamente ormai datato a causa dell'ambientazione dei primi anni novanta. Ciò nonostante, a parte l'assenza di una tecnologia moderna, questa ambientazione non più attuale non si percepisce chiaramente, rendendo di fatto il libro ancora adatto a schierarsi sulle file dei contemporanei. Di questo libro è stato tratto il film "about a boy" che io ho già visto un paio di volte. Per questo motivo avevo alcune remore a leggere il libro, avevo paura di ritrovarmi davanti una storia che già conoscevo e che quindi non avrebbe potuto esercitare su di me l'effetto sorpresa. Fortunatamente così non è stato perché il film, seppur molto carino, ha una trama simile ma fondamentalmente diversa dal libro e se ne distanzia molto soprattutto sul finale che è proprio completamente diverso. Questo è stato un bene perché avrei odiato leggere qualcosa che già sapevo.

    said on 

  • 0

    Semplice e contemporanea la scrittura e la narrazione di Nick Hornby, sconfinato e affermato autore britannico con il quale sto arricchendo la mia personale libreria; dopo l’ardente passione per il fo ...continue

    Semplice e contemporanea la scrittura e la narrazione di Nick Hornby, sconfinato e affermato autore britannico con il quale sto arricchendo la mia personale libreria; dopo l’ardente passione per il football raccontata in Febbre a 90 o con la quotidianità a sfondo musicale dei trentenni londinesi degli anni ’90 di Alta Fedeltà, è la volta di Un ragazzo, viaggio nel rapporto genitori-figli in cui viene suo malgrado risucchiato Will, scapolone incallito alla ricerca di avventure con madri single che non ha nemmeno bisogno di lavorare poiché campa con la rendita di una canzone di Natale di proprietà di suo padre. L’incontro con il dodicenne Markus, figlio di Fiona, affetta da una forma di depressione e conosciuta agli incontri di una associazione di genitori single fingendosi genitore pure lui, cambierà la sua quotidianità e lo metterà davanti a chi ha disperatamente bisogno di trovare un punto di riferimento nel mondo. Diventerà ospite quasi fisso di casa sua a tal punto da non avere più la necessità di suonare il campanello, casa nella quale inghiottiranno puntate su puntate della serie televisiva preferita e sputeranno fiumi di parole e confronti; Marcus verrà coinvolto nell’uccisione di… un’anatra e chiederà a Will dritte su come conquistare una discola ragazza che frequenta la sua scuola, dalla quale il nostro gli intimerà di mantenere le distanze. La scrittura di Hornby è sempre comprensibile e vicina alle tematiche sociali che possiamo intravedere nel nostro quotidiano, storie di persone normali che però hanno qualcosa da raccontare, come ognuno di noi. Le vicende porteranno ad una svolta nella vita di Marcus? Si renderà conto che Peter Pan ha un inizio, uno svolgimento, ma anche una fine?

    said on 

  • 3

    Chi è "Il ragazzo" ?

    Mi sono divertita a leggerlo: scrittura discorsiva e brillante, anche se alcune volte...troppo "discorsiva", ma forse è anche questa una caratteristica di questo libro che si legge quasi di un fiato. ...continue

    Mi sono divertita a leggerlo: scrittura discorsiva e brillante, anche se alcune volte...troppo "discorsiva", ma forse è anche questa una caratteristica di questo libro che si legge quasi di un fiato. Il titolo è "Un ragazzo", ma fino all'ultimo mi sono domandata a quale dei due protagonisti l'autore si riferiva: al ragazzino dodicenne o al non ancora cresciuto trentenne?
    Sarà proprio la relazione tra i due a far "crescere" entrambi!

    said on 

  • 3

    Un romanzo gustosissimo e irresistibile, grazioso ed appassionante, esprime momenti di pura commozione ironica. In poco più di duecentocinquanta pagine l'A. accompagna il lettore con l'interrogativo d ...continue

    Un romanzo gustosissimo e irresistibile, grazioso ed appassionante, esprime momenti di pura commozione ironica. In poco più di duecentocinquanta pagine l'A. accompagna il lettore con l'interrogativo di chi sia il ragazzo del titolo con una serie di circostanze buffe e a volte tragiche. La noia del personaggio principale e lo spaccato della società londinese degli anni novanta, sono la rappresentazione abbastanza fedele del disagio e del disperato malessere del protagonista che vagabonda per le strade in una narrazione brillante e coinvolgente, ma il più delle volte slegata e incerta.

    said on 

  • 0

    沒有人是座孤島

    日子太好過,長不大的男人,和日子不好過,被迫長大的男孩。不是無聊的BL關係,兩人的純友誼講訴了一段成長故事,讓漂泊的人生至少不會太冷太孤單。

    said on 

  • 4

    Non c'è che dire, non sarà un capolavoro, ma ce ne fosse di gente che scrive come Hornby... Non è decisamente da tutti scrivere con leggerezza e ironia e nel contempo avere quella sua lucida visione s ...continue

    Non c'è che dire, non sarà un capolavoro, ma ce ne fosse di gente che scrive come Hornby... Non è decisamente da tutti scrivere con leggerezza e ironia e nel contempo avere quella sua lucida visione sulla propria generazione, scovare due o tre trovate che ti fanno il libro senza voler mettere troppa carne al fuoco, inventare personaggi che sono un concentrato delle idiosincrasie delle persone che frequentiamo anche noi nel quotidiano. Facendoti ridere, spesso e di gusto...

    said on 

  • 4

    Drammi...leggeri

    Una vita vuota, una forte depressione e infiniti episodi di bullismo. Frullando il tutto dovrebbe venire a noi lettori, la depressione. Hornby, invece, è talmente bravo con le parole che rende tutto d ...continue

    Una vita vuota, una forte depressione e infiniti episodi di bullismo. Frullando il tutto dovrebbe venire a noi lettori, la depressione. Hornby, invece, è talmente bravo con le parole che rende tutto di una leggerezza e un'ironia intelligente uniche. Sicuramente un libro da leggere. Non metto il voto massimo solo perché non lo ritengo un capolavoro, ma assolutamente promosso a pieni voti!

    said on 

  • 4

    RECENSIONE #87

    Un ragazzo, Nick Hornby

    Will è un trentaseienne ricco e superficiale, un dandy che non si è mai assunto un impegno o una responsabilità in vita sua. Marcus è un dodicenne un po' stramb ...continue

    RECENSIONE #87

    Un ragazzo, Nick Hornby

    Will è un trentaseienne ricco e superficiale, un dandy che non si è mai assunto un impegno o una responsabilità in vita sua. Marcus è un dodicenne un po' strambo, ha problemi di adattamento a scuola e non riesce a farsi degli amici. Cos'hanno in comune questi due personaggi? Assolutamente nulla, eppure il destino li farà incontrare e stringere un legame tanto saldo quanto inaspettato, che permetterà ad entrambi di crescere e migliorarsi a vicenda.
    Questo è sicuramente il libro più famoso di Nick Hornby, grazie soprattutto all'adattamento cinematografico "About a boy" del 2002, e secondo me uno dei più riusciti. Alla storia non manca nulla, in quanto momenti malinconici e a tratti anche drammatici si alternano a situazioni comiche se non addirittura esilaranti. Di certo è impossibile immaginarsi Will e Marcus senza pensare a Hugh Grant e Nicholas Hoult, ma sia loro che i personaggi secondari sono ben caratterizzati.
    Lo stile del romanzo è quello inconfondibile di Hornby, a mio parere uno scrittore grandissimo, che riesce sempre ad arrivare dritto al cuore del lettore con uno stile colloquiale e irriverente. La lettura di questo libro mi ha strappato più di una risata e, considerando come sia difficile far ridere di cuore attraverso la parola scritta, come potrei non consigliarne la lettura?
    Voto: 8,5/10
    Se vi va' passate a trovarmi sulla mia pagina Facebook! www.facebook.com/quandounlibroticambialavita

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    La prima osservazione è su Will, che ho trovato insopportabile, il che ha un po' influito sul mio giudizio finale (nonostante la "redenzione" a fine libro).
    La storia è comunque carina e ben struttura ...continue

    La prima osservazione è su Will, che ho trovato insopportabile, il che ha un po' influito sul mio giudizio finale (nonostante la "redenzione" a fine libro).
    La storia è comunque carina e ben strutturata, i personaggi pochi ma molto ben delineati, ognuno con la propria storia.
    Ritengo che sia un libro molto semplice e che non ambisce certo ad essere considerato un capolavoro, ma pur nella sua semplicità offre diversi spunti di meditazione.
    Buono.
    Peccato solo per i numerosissimi refusi, odiosi...

    said on 

Sorting by
Sorting by