Agata e Pietra Nera

Di

Editore: Salani

3.8
(133)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 95 | Formato: Altri

Isbn-10: 8884513898 | Isbn-13: 9788884513892 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: M. Zannini

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Adolescenti

Ti piace Agata e Pietra Nera?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Owen e Natalie frequentano l'ultimo anno delle superiori. Lui vuol diventarescienziato, lei musicista. Per Owen il loro incontro non è solo l'incontro conl'amicizia e l'amore, ma è anche l'occasione per comprendere, grazie allalucida determinazione che anima Natalie a trovare la propria strada, cosavuole realmente dal proprio futuro. I temi dell'amicizia, dell'amore e dellescelte di vita, colti nel delicato momento di passaggio dall'infanzia all'etàadulta.
Ordina per
  • 2

    Owen ha diciassette anni e fa di tutto per nascondere il suo essere introverso, ma non sempre ci riesce bene. Solo la nuova amicizia con Natalie sembra scuoterlo un po' dal timore di riuscire, di real ...continua

    Owen ha diciassette anni e fa di tutto per nascondere il suo essere introverso, ma non sempre ci riesce bene. Solo la nuova amicizia con Natalie sembra scuoterlo un po' dal timore di riuscire, di realizzare il proprio sogno...

    Colpa mia se non l'ho apprezzato. Prima di tutto pensavo fosse un fantasy, e poi credevo avesse come protagonista Agata...invece era una pietra, non un nome proprio!

    ha scritto il 

  • 4

    Owen Thomas Griffiths si sente solo come solo un diciassettenne può sentirsi: unico, pieno di dubbi e di speranze. Poi, crescendo, le cose cambiano e, se la vita non ti ha sorriso, sei veramente solo, ...continua

    Owen Thomas Griffiths si sente solo come solo un diciassettenne può sentirsi: unico, pieno di dubbi e di speranze. Poi, crescendo, le cose cambiano e, se la vita non ti ha sorriso, sei veramente solo, pieno di fragilità cristallizzate e privo di speranze. Oppure no. Ma a diciassette anni ancora tutto è possibile e da scoprire. Nathalie, invece, sa quello che vuole e come arrivarci. Non si concede pause e distrazioni perché intuisce che il sottile discrimine fra realizzazione e non realizzazione è un soffio di distrazione, un cambio di passo, un cedimento. Owen e Nathalie si conoscono e si amano, come solo due adolescenti complessi sanno amarsi: come migliori amici che si buttano insieme nel vortice della vita, sapendo che quel vortice è forte, non gli permetterà a lungo - forse - di continuare a tenersi per mano. E il resto è la vita, che ci rende adulti che la percorrono con gli strumenti che abbiamo e con le possibilità che ci si offrono.

    ha scritto il 

  • 4

    Rimbaud si sbagliava

    "A diciassett'anni non si può esser seri."
    Cominciava così una delle più celebri, e anche più belle, ma sì, poesie di Rimbaud.
    A diciassette anni si può anche essere seri, incredibilmente seri, nel fa ...continua

    "A diciassett'anni non si può esser seri."
    Cominciava così una delle più celebri, e anche più belle, ma sì, poesie di Rimbaud.
    A diciassette anni si può anche essere seri, incredibilmente seri, nel far sogni e nel riflettere sull'amore.
    Owen e Natalie sono così: seri. Verso la vita, se stessi, i sentimenti. Forse troppo per i loro compagni, troppo perfino per i genitori di Owen.
    Questa è una piccola storia sentimentale perfetta, la storia di due adolescenti in bilico tra amore e amicizia, dipinta con tinte delicate e con tutte le sfumature del sentimento. Nessun colore primario o piatto, nessuna banalizzazione, nessuna ricerca di sensazionalismo. Tutto suona autentico, sincero.
    Cento pagine scarse bastano all'autrice a dimostrare che i grandi autori sanno trasformare in storie imperdibili anche piccole storie quotidiane, senza bisogno che vi accadano fatti straordinari.
    Un piccolo gioiello di letteratura per adolescenti che anche gli adulti dovrebbero leggere, se non altro per rivedere un po' le stereotipate immagini di diciassettenni che spesso hanno in mente.
    Quanto avremmo bisogno di altre storie così!
    "Ci ho provato. Sul serio ci ho provato con tanto impegno che sto male solo a pensarci. Ho messo le toppe sui jeans esattamente come Bill Ebold che faceva tutto giusto. Discutevo i risultati del baseball. Ho collaborato al giornale scolastico per un trimestre, perché era l'unico gruppo in cui ho capito come si faceva a entrare. Ma niente funzionato. Non so perché. A volte mi chiedo se gli introversi hanno un odore particolare, che sono gli estroversi riescono a percepire.
    Certi ragazzi quanto a personalità sono sottozero. Riescono davvero a far parte di un gruppo. Ma molti semplicemente recitano, fanno finta, e ci ho provato anch'io. Il loro cuore non è veramente nel gruppo, ma comunque ce la fanno, si adeguano. Vorrei riuscirci anch'io. Vorrei sinceramente essere un bravo ipocrita. Non fa più male non fa male a nessuno, e di sicuro rende la vita più facile. Ma non sono mai riuscito ad imbrogliare anima viva."

    ha scritto il 

  • 3

    Titolo impensabile, nessuno nel libro si chiama Agata, il gioco di parole e' su due pietre trovate in riva al mare. Il romanzo invece e' carino, sulla libertà di essere se stessi e non aderire a model ...continua

    Titolo impensabile, nessuno nel libro si chiama Agata, il gioco di parole e' su due pietre trovate in riva al mare. Il romanzo invece e' carino, sulla libertà di essere se stessi e non aderire a modelli.

    ha scritto il 

  • 3

    Chi non è stato adolescente? Chi non si è mai sentito inadeguato o escluso dala società? Chi non si è mai reso conto dell'amore che covava sotto le vesti dell'amicizia? I due protagonisti incarnano ci ...continua

    Chi non è stato adolescente? Chi non si è mai sentito inadeguato o escluso dala società? Chi non si è mai reso conto dell'amore che covava sotto le vesti dell'amicizia? I due protagonisti incarnano ciò che ciascuno di noi è stato almeno per un attimo e ci portano indietro nel tempo con molta delicatezza e profondità.

    ha scritto il 

Ordina per