Amabili resti

Di

Editore: Edizioni Mondolibri Sp.A.

4.0
(9315)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 370 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Catalano , Portoghese , Olandese , Svedese , Russo , Ceco , Chi semplificata

Isbn-10: A000031841 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Amabili resti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Susie, quattordicenne, è stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. Il racconto è affidato alla voce di Susie, che dopo la morte narra dal suo cielo la vicenda con inedito effetto straniante.....
Ordina per
  • 3

    Alice Sebold

    Storia di lutto, storia di chi rimane. Ma anche una storia dall’oltretomba. I primi capitoli scoppiettano, sono densi, incalzanti. La voce narrante è quella di Susie, ragazzina 14enne che nelle prime ...continua

    Storia di lutto, storia di chi rimane. Ma anche una storia dall’oltretomba. I primi capitoli scoppiettano, sono densi, incalzanti. La voce narrante è quella di Susie, ragazzina 14enne che nelle prime pagine racconta con grande aplomb di come sia stata stuprata e uccisa, il cadavere smembrato e gettato in una discarica. Nonostante l’impatto terrificante di un incipit del genere, si riceve una certa sensazione di leggerezza grazie al tono della voce di Susie, di cui resta impressa la vitalità di ragazza-bambina sopra all’orrore della sua dipartita.

    Una delle particolarità del libro è proprio questa voce narrante, perché Susie parla in prima persona ma è anche narratrice onnisciente, in grado di farci conoscere l’intimità dell’animo di tutti gli altri personaggi. La prima parte del romanzo gioca sui contrasti tra la luminosità della famiglia di Susie, la tragicità dell’evento e l’oscurità dell’assassino.

    Come dicevo, è una storia di lutto e della sua elaborazione, raccontata attraverso gli occhi della cara estinta. La prima parte del romanzo può far pensare di avere tra le mani un thriller con elementi sovrannaturali, ma non è così. Il libro è un’altra cosa, e ha la pecca di non chiarire bene a priori che promessa stia facendo al lettore. Io stessa mi sarei aspettata qualcosa di diverso, dal suo sviluppo; uno sprofondamento nel male, data l’inclusione del pedofilo serial killer nel coro dei personaggi. La vicenda dell’assassino è un elemento effettivamente presente lungo l’arco narrativo, ma in misura molto contenuta. Il personaggio è funzionale a mantenere un margine di suspense in un racconto sulla perdita che potrebbe altrimenti scoraggiare i lettori; rappresenta anche una falsa pista, il red herring del significato complessivo: ti faccio pensare che il libro parlerà di vendetta, ma in realtà è una storia di accettazione della propria condizione (tanto per la morta, quanto per i sopravvissuti).

    L’elemento sovrannaturale è in bilico tra l’onirico e il religioso. Il luogo in cui si trova Susie si chiama “Cielo” (“Heaven”), è una specie di paradiso dove non si contempla Dio, ma la vita sulla terra; ma è anche un luogo di passaggio, quindi forse un purgatorio, o un limbo, dove le anime dei defunti attendono di essere pronte per lo stadio successivo (la contemplazione?). Insomma, mi è sembrato sotto sotto un po’ cristiano, in un’accezione più new age. Eppure, da un lato funziona, con la sua idea delle persone morte che restano al fianco di quelle vive finché ce n’è bisogno; i morti che non muoiono mai nel ricordo e nell’affetto; anche se, dall’altro verso, è descritto in modo un po’ stucchevole.

    Mi ha ricordato un romanzo come The Leftovers (Svaniti nel nulla) di Tom Perrotta, un’opera più recente che, come Amabili resti, parla soprattutto dell’elaborazione del lutto attraverso alcuni elementi fantastici. In entrambi i casi, le idee sono buone, i romanzi sono scritti in modo dignotoso, ma manca un plot forte a puntellare il tutto. Amabili resti è comunque una lettura piacevole, forse un po’ noiosa sulla lunga durata delle sue 300 pagine. Sullo stesso tema, è più interessante una serie come Les Revenants, consigliatissima.

    ha scritto il 

  • 3

    Avevo grandi aspettative su questo libro.
    Inizia in maniera devastante con la morte di questa ragazzina e si viene subito a conoscenza anche di chi ha commesso questo crimine e poi...????
    Poi si perde ...continua

    Avevo grandi aspettative su questo libro.
    Inizia in maniera devastante con la morte di questa ragazzina e si viene subito a conoscenza anche di chi ha commesso questo crimine e poi...????
    Poi si perde, sviluppa tanti aspetti che poco hanno a che fare, secondo me,
    con il modo in cui il libro inizia. Si continua a leggere e vorresti sapere di piu ma non arriva e
    prevale la delusione, ho fatto fatica a finirlo..
    L'assassino resta quasi in secondo piano, ed emergono lati che io ho trovato poco interessanti...
    L'idea di far raccontare, in prima persona la vicenda alla protagonista, non che vittima per me è buona...
    Mi aspettavo altro e molto di più...peccato..!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Racconto interessante sul tema del serial killer.
    L'idea narrativa è interessante e il modo in cui è resa graziosa. Ci sono alcuni punti forse un po' buttati lì velocemente ma nel complesso è una lett ...continua

    Racconto interessante sul tema del serial killer.
    L'idea narrativa è interessante e il modo in cui è resa graziosa. Ci sono alcuni punti forse un po' buttati lì velocemente ma nel complesso è una lettura gradevole e scorrevole, con personaggi coerenti e realistici e una trama che sta in piedi.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho pianto, e non mi capitava da tantissimo. Ho fatto l'enorme errore di guardare il film subito dopo, non è assolutamente paragonabile al libro. Tutti dovrebbero leggerlo!

    ha scritto il 

  • 0

    It was a story about the after-death of a teen girl named Susie. The case was not solved and no body except the elbow was found. The Salmon family, including parents and younger sister Lindsey and bro ...continua

    It was a story about the after-death of a teen girl named Susie. The case was not solved and no body except the elbow was found. The Salmon family, including parents and younger sister Lindsey and brother Buckley, all went through a very sad time missing her. Susie, who was still concerned about her family and friends and could not let go, watched the daily movement on the Earth from her heaven. To see how her family got broken and then reunited. To see how the murderer escaped from here to there uncaught. Towards the end, Susie realized that although she wanted her dad to come to her so badly, she could not take him from the family members because they also loved him as much. Susie also had a chance to go back to the “boyfriend” for a short time to relive the joyful moment through a mysterious classmate who could see the dead.

    The book was long, and it focused more on the feeling of each one rather than the happening or the murder case. I would not say it was exciting, but it touched you spiritually.

    "“Susie,” my mother said, bracing up under the weight of it, a weight that she naïvely hoped might lighten someday, not knowing that it would only go on to hurt in new and varied ways for the rest of her life."

    ha scritto il 

  • 4

    This book was a interesting novel from a perspective of a girl who has been murdered. The girl is 14 and is in heaven and is looking down on her family and how they are coping with her passing. This b ...continua

    This book was a interesting novel from a perspective of a girl who has been murdered. The girl is 14 and is in heaven and is looking down on her family and how they are coping with her passing. This book does a good job of illustrating the hardships and turmoil that a family goes through and about connections that individuals maintain with the deceased. I enjoyed reading this book and found myself unable to put it down when I got to the last few chapters

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo libro, scritto in maniera scorrevole. Ti fa vivere le situazioni come se anche tu fossi accanto alla protagonista e vedessi con i tuoi occhi tutto ciò che accade sulla terra.

    ha scritto il 

  • 5

    Mi è piaciuta questa lettura. E' accaduto un fatto terribile una ragazza è stata stuprata e poi uccisa. Mi è piaciuto il modo di raccontare la storia. Storia raccontata in modo delicato da Susie (la r ...continua

    Mi è piaciuta questa lettura. E' accaduto un fatto terribile una ragazza è stata stuprata e poi uccisa. Mi è piaciuto il modo di raccontare la storia. Storia raccontata in modo delicato da Susie (la ragazza uccisa) che si trova nel suo cielo. Libro che descrive bene il dolore della famiglia, degli amici che vivono un grande dolore e devono accettarlo. Questo libro fa riflettere sul tema della morte. Libro scritto molto bene, in modo semplice.

    ha scritto il 

  • 2

    L'autrice in questo romanzo affronta tematiche attualissime, importanti e di spessore: il dolore della perdita, la difficoltà dei vivi del guardare al futuro col retaggio del passato, l'ingiusta uccis ...continua

    L'autrice in questo romanzo affronta tematiche attualissime, importanti e di spessore: il dolore della perdita, la difficoltà dei vivi del guardare al futuro col retaggio del passato, l'ingiusta uccisione della vittima solo per citarne alcune. Con queste premesse, la lettura non ha potuto che essere a tratti angosciante e toccante: la vicenda viene però raccontata in modo originale, cioè non attraverso i vivi, ma tramite la stessa Susie che osserva tutti dal suo Cielo.

    ha scritto il 

Ordina per