American Gods

Di

Editore: Mondadori

4.0
(6119)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 523 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Chi semplificata , Tedesco , Portoghese , Chi tradizionale , Croato , Svedese , Polacco , Ceco

Isbn-10: 8804504668 | Isbn-13: 9788804504665 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Katia Bagnoli

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità , Fantascienza & Fantasy

Ti piace American Gods?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Dopo tre anni di prigione Shadow sta per tornare in libertà quando viene asapere della morte misteriosa della moglie e del suo migliore amico.Sull'aereo che lo riporta a casa l'uomo riceve una proposta di lavoro da untipo piuttosto enigmatico, Mister Wednesday: Shadow accetta, ma gli serviràancora qualche tempo per scoprire chi sia in realtà il suo capo, chi siano isuoi compagni d'affari e chi i suoi concorrenti.
Ordina per
  • 3

    Idea originale. A volte si dilunga un pò. Finale...insomma

    Letto su suggerimento di un amico (al quale ho suggerito alcune cose di Simmons..). L'idea e il protagonista non sono niente male. La storia si sviluppa bene, salvo alcuni punti nei quali secondo me s ...continua

    Letto su suggerimento di un amico (al quale ho suggerito alcune cose di Simmons..). L'idea e il protagonista non sono niente male. La storia si sviluppa bene, salvo alcuni punti nei quali secondo me si trascina un pò. Finale a sorpresa ma forse mi aspettavo qualcosa in più.

    ha scritto il 

  • 0

    Una delusione

    Questo libro mi ha deluso completamente, così tanto che l'ho abbandonato al decimo capitolo.
    Aveva un ritmo lentissimo e noioso, i personaggi non mi hanno fatto provare nessun tipo di compassione o di ...continua

    Questo libro mi ha deluso completamente, così tanto che l'ho abbandonato al decimo capitolo.
    Aveva un ritmo lentissimo e noioso, i personaggi non mi hanno fatto provare nessun tipo di compassione o di avvicinamento a loro. Non nego una possibile rilettura in futuro, ma per ora è un grosso no.
    Peccato, ho sempre amato Gaiman (e continuerò a farlo ovviamente)

    ha scritto il 

  • 3

    continua il mio rapporto in chiaroscuro con Neil. la storia e l'idea sono fantastiche, peccato che ho fatto una fatica bestia a finirlo. il libro decolla solo intorno a pagina 300, fino a lì la strada ...continua

    continua il mio rapporto in chiaroscuro con Neil. la storia e l'idea sono fantastiche, peccato che ho fatto una fatica bestia a finirlo. il libro decolla solo intorno a pagina 300, fino a lì la strada è tutta in salita.

    ha scritto il 

  • 2

    E niente, a volte purtroppo ti capita di iniziare un libro con tutte le migliori intenzioni, perché se n'è sentito parlare fino allo sfinimento, perché è reputato una genialata da chiunque, perché si ...continua

    E niente, a volte purtroppo ti capita di iniziare un libro con tutte le migliori intenzioni, perché se n'è sentito parlare fino allo sfinimento, perché è reputato una genialata da chiunque, perché si sa un po' del plot e sembra proprio fatto apposta per te. Invece poi lo leggi davvero e scopri che... no. Proprio no.
    American Gods cade tristemente in questa categoria. Si è rivelato una lettura deludente, faticosa, del tutto lontana dalle aspettative che mi ero fatta.
    Problema principale: questo libro è lento. Ma davvero lento, lento, lento. Il ritmo è pressoché inesistente e questo rende la trama - che pure potrebbe essere interessante e avvincente - diluita fino all'infinito e di bassissimo impatto. Lo stile di Gaiman non è male, ma non si innalza poi molto sopra la mediocrità (non è la prima volta che lo leggo, ma è la prima volta che lo leggo in lingua originale e mi aspettavo fuochi d'artificio che no, non ci sono stati nemmeno per errore) e non riesce proprio per niente a fare da contraltare a questa estenuante lentezza. Non è forse un caso che i punti in cui risulta migliore siano le storie brevi inserite in coda ad alcuni capitoli, a testimoniare il fatto che questo libro avrebbe forse beneficiato di un serio lavoro di editing e soprattutto di tanti tagli.
    Come risultato, la trama non brilla. A metà libro ne avevo già abbastanza di Shadow e del suo infinito girovagare; alla fine le ultime rivelazioni mi sono scivolate addosso come se nulla fosse, perché ero talmente stufa che volevo solo che finisse. E per una storia che dovrebbe avere il proprio punto forte nei colpi di scena, direi che questo non è un gran bel risultato.
    E poi va beh, parere assolutamente personale, ma non ho apprezzato nemmeno come le varie mitologie sono state usate. A parte rari casi, ho trovato i riferimenti decisamente troppo, troppo oscuri, come se al lettore non esperto di mitologia polacca/africana/nativa/ecc. non venissero assolutamente dati gli strumenti per capire chi fosse chi, che simbolo fosse cosa, e così via. Patologica come sono, mi ha costretta ad affrontare la comparsa di ogni personaggio con wikipedia accanto, rallentando ancora di più una lettura già lenta.
    In conclusione: un libro che più che un libro è stato una faticaccia. Ma chi me l'ha fatto fare, mamma mia.

    ha scritto il 

  • 4

    Gaiman riesce a evocare immagini e storie che solo un folle o un genio potrebbe pensare.
    American Gods forse pecca per essere in alcuni punti un po troppo lento, ma rimane in ogni caso un libro avvolg ...continua

    Gaiman riesce a evocare immagini e storie che solo un folle o un genio potrebbe pensare.
    American Gods forse pecca per essere in alcuni punti un po troppo lento, ma rimane in ogni caso un libro avvolgenete e in grado di rapire il lettore dalla prima all'ultima pagina e che merita assolutamente di essere letto.

    ha scritto il 

  • 4

    Una delle cose che più mi piace di Neil Gaiman è il suo essere il primo fanboy delle sue stesse storie, il che detto così sembra brutto, ma non lo è XD Preferisco 100 volte una storia che lascia trasp ...continua

    Una delle cose che più mi piace di Neil Gaiman è il suo essere il primo fanboy delle sue stesse storie, il che detto così sembra brutto, ma non lo è XD Preferisco 100 volte una storia che lascia trasparire quanto l’autore ha amato scriverla e quanto si è innamorato della trama quando l’ha pensata, piuttosto che leggere una storia scritta senza amore e solo perché doveva essere stesa per contratto o altro. L’entusiasmo di Gaiman poi è contagioso, o almeno con me funziona.
    American Gods non è un’eccezione a questa regola, l’ho percepita più come scritta da un cantastorie che da un autore: fin dalle prime pagine mi ha dato molto la sensazione di *vedere* Gaiman che tutto esaltato e contento diceva tipo "Ok, ora ti racconterò una storia, a tratti ti potrà risultare inquietante e potrebbe anche fare sorgere in te un inaspettato fascino per il morboso, e tieniti pronta perché il viaggio sarà lungo e forse ricco di scossoni" (la mia testa è un posto molto strano, lo so).
    Devo dire che non ha deluso le mie aspettative, nonostante ci sia un eccesivo numero di incisi che rende la lettura frammentata, e dalla seconda parte in poi sono presenti un po’ troppi punti "info-dump", cioè una grande scarica di informazioni di cui si potrebbe fare anche a meno (tant’è che da quel punto in poi, la lettura è proceduta un po’ come una macchina ingolfata). Però non sono difetti che hanno oscurato del tutto quanto il libro in sé mi sia piaciuto: contiene un universo immaginario estremamente vasto e multi sfaccettato che credo ricorderò sempre con affetto.
    American Gods è terribilmente americano e irriverente nei confronti di tutti e tutto («Dunque, sì, dicevamo, Gesù se la passa piuttosto bene da queste parti. Ma ho incontrato un tale che mi ha detto di averlo visto fare l'autostop in Afghanistan e nessuno si fermava a tirarlo su. Sai com'è, tutto dipende dal contesto.»: scusatemi, ma io qui ho riso tanto a voce alta XD); è un lungo viaggio onirico che tra l’altro contiene anche due classici dei tipici racconti americani: road trip e la classica storia della piccola cittadina che però nasconde un segreto spaventoso, che se in una prima battuta hanno rallentato la lettura portandomi a chiedere se mai avrei avuto delle risposte e cosa mai c’entravano col resto, poi alla fine mi hanno aiutato ad avere una visione molto più chiara dell’insieme.
    Shadow mi è piaciuto molto come protagonista, perché non è un eroe, è solo uno che ha perso TUTTO e vorrebbe proprio tanta farla finita, e invece non ha manco la forza di fare quello e va avanti come uno zombie seguendo il suo capo perché tanto ormai non ha nulla da perdere. È malinconico, avvilito ma buono.
    È stata una lettura lunga che ha richiesto delle pause, però sì: mi piaciuta molto.

    ha scritto il 

  • 3

    American gods propone una trama originale, una storia di vecchi dei, quasi dimenticati, contro nuove divinità che vogliono prendere il loro posto.
    La narrazione è organizzata in una trama principale ...continua

    American gods propone una trama originale, una storia di vecchi dei, quasi dimenticati, contro nuove divinità che vogliono prendere il loro posto.
    La narrazione è organizzata in una trama principale e varie sotto trame, si parte con un buon ritmo, ma il promettente inizio ben presto perde vigore per riprenderlo solo nella parte finale.
    La trama procede lentamente e a volte appare scomposta.
    Un libro piacevole che intrattiene e diverte anche se in alcuni punti risulta poco chiaro, non ben sviluppato e approfondito ed in altri fin troppo lento e prolisso.

    ha scritto il 

  • 3

    Visionario come pochi

    Non c'è niente da fare, l'immaginario di Gaiman è fuori dal comune. Nonostante però il romanzo sia molto bello, se ogni tanto si dilunga in parentesi che poteva evitare e andare a quagliare un po' pri ...continua

    Non c'è niente da fare, l'immaginario di Gaiman è fuori dal comune. Nonostante però il romanzo sia molto bello, se ogni tanto si dilunga in parentesi che poteva evitare e andare a quagliare un po' prima :)

    ha scritto il 

  • 5

    finalmente al livello dei suoi fumetti

    Al Gaiman romanziere è sempre mancato qualcosa rispetto alla perfezione raggiunta dal Gaiman autore di fumetti.
    Qui qualcosa continua a mancare (verso la metà il libro si intoppa un po', e la lingua è ...continua

    Al Gaiman romanziere è sempre mancato qualcosa rispetto alla perfezione raggiunta dal Gaiman autore di fumetti.
    Qui qualcosa continua a mancare (verso la metà il libro si intoppa un po', e la lingua è comunque di livello solo medio, da buon romanzo d'avventura quale del resto American Gods è) ma viene compensato dal raggiungimento delle vette di rielaborazione intertestuale già viste in Sandman e in Books of Magic, e soprattutto da uno sfoggio di abilità narrativa davvero fuori dal comune (da applausi nell'ultimo terzo del romanzo).

    ha scritto il 

  • 0

    Abbandonato a pagina 150

    Partito malissimo, va beh che arrivo da David Foster Wallace, ma questo tipo di scrittura è piuttosto insipido nonché fastidiosamente compiaciuto, mi do ancora una cinquantina di pagine e decido se co ...continua

    Partito malissimo, va beh che arrivo da David Foster Wallace, ma questo tipo di scrittura è piuttosto insipido nonché fastidiosamente compiaciuto, mi do ancora una cinquantina di pagine e decido se continuare o lasciar perdere...

    No, decisamente troppo facilone. Non capisco proprio chi definisce buona la scrittura di Gaiman.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per