American psycho

Di

Editore: Bompiani

3.9
(4903)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 439 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Svedese , Finlandese , Olandese , Catalano , Ungherese , Polacco , Ceco , Portoghese

Isbn-10: 8845242773 | Isbn-13: 9788845242779 | Data di pubblicazione:  | Edizione 12

Traduttore: Pier Francesco Paolini

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Criminalità , Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura

Ti piace American psycho?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Spoiler follows

    http://diariodiunamentecattiva.blogspot.it/2016/08/normal-0-14-false-false-false-it-x-none.html

    ha scritto il 

  • 2

    Grandi aspettative, risultato pessimo. Mi aspettavo qualcosa di diverso, descrizioni infinite che giungono ad essere inutili e noiose.
    Non mi è piaciuto per niente, ho saltato parecchie righe per arri ...continua

    Grandi aspettative, risultato pessimo. Mi aspettavo qualcosa di diverso, descrizioni infinite che giungono ad essere inutili e noiose.
    Non mi è piaciuto per niente, ho saltato parecchie righe per arrivare alla fine perché sinceramente non ne potevo più!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Un libro che ho sinceramente faticato a digerire, con descrizioni che in certi casi ero costretta dallo stomaco a saltare per poi riprendere in momenti migliori... Capisco il senso di un libro del gen ...continua

    Un libro che ho sinceramente faticato a digerire, con descrizioni che in certi casi ero costretta dallo stomaco a saltare per poi riprendere in momenti migliori... Capisco il senso di un libro del genere, ne capisco la denuncia di un mondo e di un'orrida indifferenza umana e sociale che viene resa tangibile dal l'orrore puro e senza appello di cui è capace il protagonista... Ma mi chiedo se certe descrizioni, certe idee che non posso che definire malate, fossero tutte quante necessarie. Forse di questi tempi sì? Questo è il dubbio davanti a certi estremi: sono orrore e perversione gratuite? Sono, invece, l'unico modo per smuovere le nostre coscienze "postmoderne" abituate ad ogni aberrazione la descrizione così minuta e dell'orrore di cui è capace Patrick Bateman, che tutto il mondo intorno a lui comunque decide di ignorare e di derubricare anche al netto del l'evidenza e della confessione? Forse sì- però mio dio, non so se reggerò un altro libro di Ellis se sono tutti come questo. A farmi arrivare alla fine, c'era anche una speranza di catarsi, di rivolgimento finale, che invece non c'è (emblematica e lapidaria l'ultima frase "questa non è l'uscita") e che lascia quindi il lettore intrappolato in quell'inferno di mondo senza speranza. Per questo le tre stelle, a un libro che come operazione e senso ne vale certamente cinque, ma che come oggettiva sopportazione dello stesso in quanto ad esperienza di lettura, non riesco davvero ad andare oltre le tre.

    ha scritto il 

  • 2

    Il libro parte bene, se si escludono le eccessive descrizioni dei capi d'abbigliamento che ci fa il protagonista; ma proseguendo non va a parare da nessuna parte. Interessante il riconoscimenti degli ...continua

    Il libro parte bene, se si escludono le eccessive descrizioni dei capi d'abbigliamento che ci fa il protagonista; ma proseguendo non va a parare da nessuna parte. Interessante il riconoscimenti degli stilisti da parte del nostro antieroe; poi, però tutti confondono tutti, i nomi sono un optional, le persone non contano niente. Non mi è piaciuto.

    ha scritto il 

  • 0

    Un inquietante verità. Uno spaccato reale della società post-industriale

    Molti vi diranno che questo libro è un ritratto spaccato della società anni 80 e dei suoi eccessi. E' vero solo in parte. Questo libro è la nostra società, è Ellis e la sua vita niente di più di meno. ...continua

    Molti vi diranno che questo libro è un ritratto spaccato della società anni 80 e dei suoi eccessi. E' vero solo in parte. Questo libro è la nostra società, è Ellis e la sua vita niente di più di meno. Che sia prenotare l'ultimo tavolo al Dorsia, che avere successo e far vedere di essere sempre sul pezzo e in forma, che previcare sull'altro, affermarsi a livello professionare dare sempre tutto, ma anche l'incomunicabilità delle persone, il vuoto delle stesse e dei loro argomenti, l'ipocrisia delle stesse (memorabile il discorso politically correct di Bateman a inizio romanzo) . American Psycho è un romanzo sulla nostra vita, sulla nostra società ma anche un pugno nello stomaco: il volto di una società solo di facciata che nasconde l'orrore la violenza e il disgusto delle persone. Persone nuovamente vuote che devono affermarsi a tutti i costi, a livello professionale, sessuale e personale, che si tratti di avere la giusta conoscenza o di noleggiare il tavolo giusto, persone solo di facciata separate come da un muro invalicabile e tutta la rabbia che ne deriva. Personalmente ho adorato il libro capace di dimostrare nella sua struttura tutta l'inutilità e il senso di smarrimento della nuova generazione e della società attuale. Tutto diventa insignificante: la carriera (i personaggi sono ridicoli nel loro volersi affermare e nell'atteggiarsi a manager e uomini d'affari), la vita, la religione, e persino l'amore. Come dice Bateman: la sua confessione alla fine non ha alcun significato. Amen

    ha scritto il 

  • 2

    American Psycho il valzer degli eccessi

    Patrick Bateman, giovane yuppie di Wall Street di ventisette anni, laureato alla prestigiosa Università di Harvard , lavora a Wall Street ed ha una fidanzata ricca, attraente e superficiale, una cerch ...continua

    Patrick Bateman, giovane yuppie di Wall Street di ventisette anni, laureato alla prestigiosa Università di Harvard , lavora a Wall Street ed ha una fidanzata ricca, attraente e superficiale, una cerchia di amici come lui. Giudica le persone che gli gravitano attorno a seconda di quali abiti indossano (tutti capi firmati, come i suoi, e dei quali lui riconosce lo stilista e che descrive minuziosamente), fa lunghe sessioni di ginnastica nella palestra più esclusiva, trascorre con gli amici folli notti a base di sesso, alcol e cocaina nei locali più esclusivi di Manhattan. La mattina è scandita da normali occupazioni, la notte è all'insegna della trasgressione.la vita di Bateman è scandita da ritmi incalzanti e deliranti, da folli ossessioni: riuscire a prenotare un tavolo al "Dorsia", il ristorante più frequentato dal suo idolo Donald Trump, saperne di più sul misterioso "Portafoglio Fisher" gestito dallo scaltro collega Paul Owen, noleggiare in continuazione, in modo maniacale, la videocassetta del film Inside Lydia Ass, non perdere una puntata del Patty Winters Show. E di notte il "ragazzo della porta accanto" si trasforma in un mostro omicida, in un torturatore freddo, metodico e spietato. Sicuramente è un romazo difficile da inquadrare per le prime 100 pagine stavo morendo dalla noia L'autore si soffermava troppo sulle marche dei vestiti scarpe ecc... per farci capire la frivolezza di quelle persone per poi passare da un eccesso a un altro il protagonista non uccide lui distrugge molto peggio di Jack lo squartatore è sconsigliato per per chi si suggestiona e anche qui l'autore esagera ... alla fine credo che questo romanzo rispecchi gli anni 80' ma x me resta un libro senza alcun senso i capitoli sono sregolati uno dall'altro un po' moda un po violenza sicuramente non mi è piaciuto

    ha scritto il 

  • 5

    SPIETATO

    Tragico e spietato spaccato della società americana capitalistica e arrivista che non concede pietà a chi non riesce a tenere il passo.Le azioni del protagonista,uno psicopatico omicida e sadico nel s ...continua

    Tragico e spietato spaccato della società americana capitalistica e arrivista che non concede pietà a chi non riesce a tenere il passo.Le azioni del protagonista,uno psicopatico omicida e sadico nel significato più pieno del termine,mi hanno letteralmente tolto il fiato e non nascondo che,in alcuni momenti,ho dovuto interrompere la lettura per non correre il rischio di essere travolto dalle fortissime emozioni che questo romanzo mi ha suscitato ad ogni voltar di pagina.Inquietante.E bellissimo.Vi avviso,però,che contiene delle scene piuttosto 'forti' che potrebbero turbare degli animi un po' troppo sensibili

    ha scritto il 

  • 5

    SPIETATO

    Tragico e spietato spaccato della società americana capitalistica e arrivista che non concede pietà a chi non riesce a tenere il passo.Le azioni del protagonista,uno psicopatico omicida e sadico nel s ...continua

    Tragico e spietato spaccato della società americana capitalistica e arrivista che non concede pietà a chi non riesce a tenere il passo.Le azioni del protagonista,uno psicopatico omicida e sadico nel significato più pieno del termine,mi hanno letteralmente tolto il fiato e non nascondo che,in alcuni momenti,ho dovuto interrompere la lettura per non correre il rischio di essere travolto dalle fortissime emozioni che questo romanzo mi ha suscitato ad ogni voltar di pagina.Inquietante.E bellissimo.Vi avviso,però,che contiene delle scene piuttosto 'forti' che potrebbero turbare degli animi un po' troppo sensibili

    ha scritto il 

  • 1

    AMERICAN PSYCO

    Patrick Bateman è uno psicopatico. Eccentrico broker di Wall Street, di giorno si dedica ossessivamente alla propria immagine, di notte diventa un sadico omicida che compie atti di inaudita violenza.
    ...continua

    Patrick Bateman è uno psicopatico. Eccentrico broker di Wall Street, di giorno si dedica ossessivamente alla propria immagine, di notte diventa un sadico omicida che compie atti di inaudita violenza.
    Un romanzo sulla noia esistenziale e sull’ossessione dell’apparire. Una narrazione appesantita da dettagliate descrizioni di capi di vestiario, cosmetici e accessori, rigorosamente firmati, di cui i personaggi individuano a memoria le marche, mentre hanno serie difficoltà a riconoscere le persone.
    Un romanzo la cui intenzione è ritrarre il vuoto e la mancanza di valori che rappresenta uno degli aspetti negativi degli anni Ottanta. Eccessivo. Parziale. Personalmente non ricordo di aver letto nulla di più sgradevole e insensato, tanto da abbandonarne la lettura. Non leggerò altro di Ellis, scrittore squallido, malsano, e non necessario.

    ha scritto il 

Ordina per