Apocalipsis

By

Publisher: Debolsillo

4.3
(3962)

Language: Español | Number of Pages: 1584 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Italian , German , French , Dutch , Russian , Czech , Portuguese , Polish , Hungarian

Isbn-10: 9707808551 | Isbn-13: 9789707808553 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Hardcover

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like Apocalipsis ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Un virus gripal creado artificialmente, posible arma bacteriológica, se extiende por Estados Unidos y el mundo, provocando la muerte de la mayor parte la población. Los supervivientes tienen sueños comunes, en los que aparece una anciana y un hombre joven. La mujer anciana los incita a viajar a Nebraska para combatir a Randall Flagg, un abominable personaje que lidera las fuerzas del mal y buscar su aniquilación definitiva mediante un temible arsenal nuclear.
Sorting by
  • 3

    Un virus mortale sfugge...

    ...al controllo di un laboratorio segreto negli USA, l'epidemia che ne consegue sarà devastante e sterminerà la maggior parte della popolazione della Terra (perché nel frattempo hanno pensato bene di ...continue

    ...al controllo di un laboratorio segreto negli USA, l'epidemia che ne consegue sarà devastante e sterminerà la maggior parte della popolazione della Terra (perché nel frattempo hanno pensato bene di diffonderlo in tutto il mondo, della serie: Perché deve toccare solo a me?). I pochi sopravvissuti dovranno non solo riprendere una vita normale o quasi ma soprattutto dovranno fare i conti con una forza oscura rappresentata dall'Uomo che cammina contrapposta ad una forza benevola rappresentata da Mother Abagail. L'eterna lotta tra il bene e il male, o meglio tra una forza che vuole creare e preservare e una forza che vuole distruggere e soggiogare. King segue le vicende di un piccolo gruppo di personaggi (dell'una e dell'altra parte) dal primo diffondersi della malattia fino all'apoteosi finale. Anche se meno riuscito del magnifico IT la trama è solida, i personaggi ben costruiti (a me sta simpaticissimo il sociologo Glenn) e ben descritti i problemi e le difficoltà da affrontare in un mondo post-epidemia (con o senza antagonisti ed emissari di Dio).

    said on 

  • 3

    Mother Nature just doesn't work that way

    From the President's speech, delivered at 9 P.m., EST, not seen in many areas.
    ". . . a great nation such as this must do. We cannot afford to jump at shadows like small children in a dark room; but n ...continue

    From the President's speech, delivered at 9 P.m., EST, not seen in many areas.
    ". . . a great nation such as this must do. We cannot afford to jump at shadows like small children in a dark room; but neither can we afford to take this serious outbreak of influenza lightly. My fellow Americans, I urge you to stay at home. If you feel ill, stay in bed, take aspirin, and drink plenty of clear liquids. Be confident that you will feel better in a week at most.
    There is no truth--no truth-to the rumor that this strain of flu is fatal. In the greatest majority of cases, the person afflicted can expect to be up and around and feeling fine within a week. Further-"
    [a spasm of coughing]
    "Further, there has been a vicious rumor promulgated by certain radical anti establishment groups that this strain of influenza has been somehow bred by this government for some possible military use. Fellow Americans, this is a flat-out falsehood, and I want to brand it as such right here and now. This country signed the revised Geneva Accords on poison gas, nerve gas, and germ warfare in good conscience and in good faith. We have not now nor have we ever--"
    [a spasm of sneezes]
    "--have we ever been a party to the clandestine manufacture of substances outlawed by the Geneva Convention. This is a moderately serious outbreak of influenza, no more and no less. We have reports tonight of outbreaks in a score of other countries, including Russia and Red China. Therefore we--"
    [a spasm of coughs and sneezes]
    "--we ask you to remain calm and secure in the knowledge that late this week or early next, a flu vaccine will be available for those not already on the mend. National Guardsmen have been called out in some areas to protect the populace against hooligans, vandals, and scare-mongers, but there is absolutely no truth to the rumors that some cities have been òccupied' by regular army forces or that the news has been managed. My fellow Americans, this is a flatout falsehood, and I want to brand it as such right here and..."
    But people also know that there is no vaccine and that super flu isn't a serious disease, it is a deadly disease.
    A super flu was developed by the Forces of the U.S. pig paramilitary and disbursed by accident.
    The U.S. pig paramilitary now means to cover up their murderous blander even it means the 75° of population will die.
    It is more than a disaster or a tragedy; it is the end of all hope in the government.
    If this is a "minor outbreak of flu," why has martial law been declared for Los Angeles and surrounding areas?
    If this is a "minor outbreak of flu," then why are barge-trains being towed out into the Pacific and dumped?
    And do these barges contain what the population is afraid they contain and what informed sources have assured them they
    do contain-the dead bodies of plague victims?
    Finally, if a vaccine really is to be distributed to doctors and area hospitals early next week, why has not one of the forty-six physicians that this newspaper contacted for further details heard of any delivery plans?
    Why has not one clinic been set up to administer flu shots? Why has not one of the ten pharmaceutical houses they called gotten freight invoices or government fliers on
    this vaccine?
    They call upon the President to answer these questions in his speech, and above all they call upon him to end these police-state tactics and this insane effort to cover up the truth . .
    Somebody made a mistake. "And they're trying to cover it up.
    It was the people in authority who did this. They're good at putting things back in order. They've solved the depressed economy, pollution, the oil shortage, and the cold war, all at a stroke. They put things in order, all right. They solved everything the same way Alexander solved the Gordian knot by cutting it in two with his sword.
    Mother Nature just doesn't work that way.

    The story is set in 1990.
    The book is structurally divided in two sections: the first one tells the flu outbreak and its deadly spread.
    The second section is underlined by a science fiction post-apocalyptic style, where the main characters are Good and Evil and the survivors of the dreadful "Captain Trips".
    "Captain Trips" is the mortal flu virus that has decimated the 99 percent of the American population.
    Capitan Trips has been caused by the dispersion of a bacteriological weapon.
    The contagion is very fast and the flu destroys the organism in a short time.
    Few are those who are immune and they differentiate into good and bad people.
    But everyone has his own story: there are university students, children who have lost their parents, arsonists and rapists.
    They live in empty towns dominated by nothing, where everyone can have everything, but nobody can live alone.
    All the survivors start their travel to East where they hope to create a new life with new friends and a new landscape composed by green fields, blue lakes and high mountains.
    On the contrary at the West side, Mother Abgail a woman of 108 years old and a her committee try to recreate the American Nationality, a luxury society ruled by a single man: Randall Flagg, the Black Man.
    The survivors can make their choice: to go towards East or towards West.
    Among the main themes that King develops, we can find the innate human ability of self destruction, the ability to survive, the choice to live a new life, but above all we discover the supremacy of the Evil's shadow to appear.
    The description of the characters (Fran, Larry, Stu, Glen, Mother Abagail, Flagg, Lloyd...) is skillful and it allows the reader to know their inner soul and their emotions.

    said on 

  • 5

    E' stato il mio libro preferito dell'adolescenza, non solo di King, ma di tutto (il poco) che avevo letto fino ai mei 18 anni.
    Ho deciso di rileggerlo 25 anni dopo, in inglese, ed è rimasto il mio lib ...continue

    E' stato il mio libro preferito dell'adolescenza, non solo di King, ma di tutto (il poco) che avevo letto fino ai mei 18 anni.
    Ho deciso di rileggerlo 25 anni dopo, in inglese, ed è rimasto il mio libro preferito. Nonostante in questi anni mi sia innamorato di Roth, Baricco, Franzen e tanti altri.
    Perchè nessuno come King mi ha fatto amare ed odiare in maniera così viscerale i personaggi di un libro.
    Ho portato Fran, Stu, Harlod, Randall e Larry come me per tutti questi anni, e ritrovarli ancora splendenti, anche se visti con uno sguardo più maturo, è stata una delle più grandi gioie letterarie della mia vita.
    Non è un libro apocalittico, di sci-fiction, sulla lotta tra il bene ed il male. Almeno non è solo questo.
    E' un libro sulla vita, e sulle infinite strade che si possono percorrere per attraversarla, nel bene e nel male.

    said on 

  • 3

    Tre stelle per essere SK. Forse l'ho letto "tardi" rispetto ad altri romanzi e non ho apprezzato del tutto la pletora di personaggi e le minuziose descrizioni. L'ho anche trovato a volte inutilmente l ...continue

    Tre stelle per essere SK. Forse l'ho letto "tardi" rispetto ad altri romanzi e non ho apprezzato del tutto la pletora di personaggi e le minuziose descrizioni. L'ho anche trovato a volte inutilmente lezioso e senza l'ansia che di solito mi accompagna nelle letture del Re. Insomma, boh...

    said on 

  • 4

    Premessa: sono una vittima di King, finito come molti altri tra le sue grinfie e credo che ne uscirò solo dopo aver letto tutti i suoi libri. E il bello che tutto è iniziato con "se è così famoso un m ...continue

    Premessa: sono una vittima di King, finito come molti altri tra le sue grinfie e credo che ne uscirò solo dopo aver letto tutti i suoi libri. E il bello che tutto è iniziato con "se è così famoso un motivo ci sarà, proviamo a leggerne uno". Ne ho letti quattro di fila e dopo il quarto, ho letto un libro di uno scrittore che non fosse Lui, per fare una pausa, ma quasi controvoglia.
    Parliamo di questo "libricino" in versione biblica integrale.
    Bello, molto! Lungo, molto! Dispersivo, a volte!
    La storia è raccontata alla King, quindi dettagliatissimi pure i sassi che si incontrano per caso lungo il percorso. I personaggi (tanti), prendono forma e consistenza poco per volta e si arriva alla fine del libro a conoscerli meglio dei nostri vicini.
    Verso metà l'ho trovato troppo, troppo, troppo dispersivo. E devo dire che l'ho abbandonato per ben due mesi!!!
    Non potevo arrendermi, capirete, mi sono fatto forza ed ho superato quel piccolo gradino. Poche pagine un po', noiose?, e poi tutto in discesa.
    Concludo dicendo che è un libro molto bello nonostante King, a volte, ce la mette tutta a creare un lago dove c'era uno stagno

    said on 

  • 1

    a parte il fatto che ci ho messo di meno a finire it, che è 300-400 pagine in più. a parte il fatto che arrivato a pagina 200 già capisci dove va a parare e a parte il fatto che per pagina 350 già hai ...continue

    a parte il fatto che ci ho messo di meno a finire it, che è 300-400 pagine in più. a parte il fatto che arrivato a pagina 200 già capisci dove va a parare e a parte il fatto che per pagina 350 già hai capito chi morirà e chi no e come andrà a finire e sopratutto a parte il fatto che, una volta che l'hai capito, hai da leggere altre 600 pagine. a parte tutte queste cose, dico, è un bel romanzo. per descrivere questo romanzo basta una parola: edit.

    said on 

  • 5

    Lo rileggerei da capo

    Fondante, fondamentale, onesto. Come per "Il Signore degli Anelli", che cita fuori dai denti, da questo romanzo in poi è tutto derivativo, in termini apocalittici e visionari. Ma definirlo visionario ...continue

    Fondante, fondamentale, onesto. Come per "Il Signore degli Anelli", che cita fuori dai denti, da questo romanzo in poi è tutto derivativo, in termini apocalittici e visionari. Ma definirlo visionario è minimizzarlo, diciamo un'approssimazione che preferisco evitare. Ribadisco: fondante.

    said on 

  • 5

    PURO TERRORE

    Romanzo riletto a distanza di molti anni,oltre a non aver perso il fascino che la patina del tempo può accentuare,posso tranquillamente affermare che mi ha avvinto ed emozionato quanto(se non di più)a ...continue

    Romanzo riletto a distanza di molti anni,oltre a non aver perso il fascino che la patina del tempo può accentuare,posso tranquillamente affermare che mi ha avvinto ed emozionato quanto(se non di più)all'epoca della prima lettura.La psicologia dei personaggi é costruita,come da consuetudine,in modo magistrale e la conseguente immedesimazione negli stessi é quanto di più naturale possa accadere.La storia,per quanto agghiacciante,resta pur sempre molto 'umana' e per nulla inverosimile,seppur inserita in un contesto fantastico.Una menzione a parte merita l'episodio all'interno del tunnel:se mai il termine 'terrore' é stato alla ricerca della sua accezione più piena,beh,credo che in questa occasione l'abbia finalmente trovata.Lo zio Steve non delude mai.W IL RE!

    said on 

Sorting by