Ascolta il mio cuore

Di

Editore: Mondadori

4.4
(2401)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8804456043 | Isbn-13: 9788804456049 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina morbida e spillati , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Adolescenti

Ti piace Ascolta il mio cuore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Sin dal primo giorno di scuola le alunne della IV D si accorgono che la nuova maestra è una creatura ipocrita e malvagia, servile con i potenti e spietata con i più deboli. Come fare per sventare il suo progetto di "eliminare" dalla classe due poveri bambini colpevoli solo di non farle fare "bella figura"?Elisa, Prisca e Rosalba accettano la sfida e organizzano la lotta, alla guida della intrepida bancata dei Maschiacci e di quella più tiepida dei Conigli. Lo scontro fra le alunne, che ne inventano ogni giorno una nuova, e la maestra che risponde senza risparmiare i colpi più bassi, dura, di battaglia in battaglia, per tutto l'anno scolastico. E, come tutte le guerre, ha i suoi momenti eroici, quelli tragici ed anche quelli ridicoli. Soprattutto perché uno dei due eserciti dispone di un'Arma Segreta, la tartaruga Dinosaura, che diventerà l'insolito strumento di una effimera, ma folgorante vittoria.E' sempre difficile per un bambino combattere contro un adulto. Ma la solidarietà, la testardaggine, l'allegria, l'entusiasmo per i Grandi Ideali, danno alle nostre giovani eroine una forza tutta speciale.Questo libro racconta la storia di un anno di scuola, durante il quale le allieve imparano che nella vita, davanti all'ingiustizia, bisogna combattere senza arrendersi mai, anche quando la vittoria sembra arrivare con la lentezza di una tartaruga.
Ordina per
  • 5

    Non l'avevo mai letto prima e mi ciò rincresce. Per fortuna ho rimediato. E' un libro stupendo, realistico sia nelle descrizioni delle usanze, sia nel modo di vedere e pensare tipico dei bambini. Bian ...continua

    Non l'avevo mai letto prima e mi ciò rincresce. Per fortuna ho rimediato. E' un libro stupendo, realistico sia nelle descrizioni delle usanze, sia nel modo di vedere e pensare tipico dei bambini. Bianca Pitzorno si è ispirata ai propri anni di scuola nel scriverlo (magari anche lei, come le sue protagoniste, sentiva un forte senso di ingiustizia da parte degli insegnanti e delle compagne 'leccapiedi'...), in un certo senso è una testimonianza dell'epoca.

    ha scritto il 

  • 5

    Continua la mia ricerca e la mia passione verso i classici per ragazzi, dato che anche questo, già solo perché targato Bianca Pitzorno, possiamo indubbiamente considerarlo un classico. Prima d’iniziar ...continua

    Continua la mia ricerca e la mia passione verso i classici per ragazzi, dato che anche questo, già solo perché targato Bianca Pitzorno, possiamo indubbiamente considerarlo un classico. Prima d’iniziare la recensione ci tengo inoltre a sottolineare che il titolo, oltre a riferirsi al cuore di Prisca che batte forte contro le ingiustizie, è anche un accenno al Cuore di De Amicis. Qui la storia è raccontata dagli occhi di tre bambini e le vicende narrate traggono ispirazione dai ricordi dell’autrice.

    E a proposito di ricordi, ricordo chiaramente di averlo già letto alle elementari. Inspiegabilmente l’ho rimosso, ma per fortuna ho deciso di rileggerlo e ne sono rimasta completamente soddisfatta.

    “Ascolta il mio cuore” è un piccolo gioiellino perché racconta tanti aspetti di una trama apparentemente semplice. Non è solo scherzi e risate, come si potrebbe evincere dalla presentazione sul retro, ma è soprattutto vita vissuta. Una vita vissuta in un periodo storico lontano dal nostro, per alcuni aspetti diverso e per altri simili. Il personaggio della maestra, per esempio, è molto ambiguo: condanna le due alunne povere umiliandole davanti alla classe, mentre si dimostra dolce e comprensiva verso le bambine appartenenti alla classe borghese. C’è qualcosa in lei che però mi ha fatto provare un misto di pietà, quasi di compassione, nei suoi confronti. Probabilmente la sua mentalità, così come quella di altri personaggi che s’incontrano nel romanzo, è il frutto dell’epoca. Sono rimasta sconcertata anche di fronte alla violenza gratuita e fisica a cui Iolanda e Adelaide vengono ripetutamente sottoposte. Loro cercano di comportarsi come le altre, di essere accettate, e ciò che ottengono è appunto solo violenza. Tuttavia sono presenti anche personaggi positivi, come lo Zio Leopoldo e Ondina, che comprendono la necessità primaria dell’essere bambini.

    Come il Cuore di De Amicis, la storia è divisa per mesi e al termine di ciascuno è presente un racconto, qui opera di Prisca. Prisca nutre una vera e proprio passione per la scrittura e inventa storie come valvola di sfogo contro le ingiustizie. Spesso esilaranti, il mio preferito è Pensieri e riflessioni davanti al presepe.

    Los stile della Pitzorno è semplice, chiaro, scorrevole e coinvolgente. Mai banale, adatto ai bambini come agli adulti. Una bellissima lettura da scoprire sia da soli che insieme.

    ha scritto il 

  • 5

    FANTASTICO. Lo avevo chiesto come regalo per la Cresima e l'avevo amato molto, riletto ad un'età così diversa pensavo di trovarlo noioso ed infantile e invece l'ho adorato anche dopo vent'anni! ...continua

    FANTASTICO. Lo avevo chiesto come regalo per la Cresima e l'avevo amato molto, riletto ad un'età così diversa pensavo di trovarlo noioso ed infantile e invece l'ho adorato anche dopo vent'anni!

    ha scritto il 

  • 5

    UN RICORDO INDIMENTICABILE

    Mel ha letto la prima volta la mia mamma, da piccola e mi sono talmente affezionata a Prisca che da allora non posso fare a meno, ogni tanto, di perdermi nuovamente tra le sue pagine e riprovare quell ...continua

    Mel ha letto la prima volta la mia mamma, da piccola e mi sono talmente affezionata a Prisca che da allora non posso fare a meno, ogni tanto, di perdermi nuovamente tra le sue pagine e riprovare quella spensieratezza di quando si è bambini. Consigliato veramente a tutte le età!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho adorato questo libro! L' ho letto e riletto insieme alla mia bambina! È fin troppo facile immedesimarsi,in fondo ,chi di noi non ha avuto un' odiosa maestra, una compagna prepotente e viziata! Chi ...continua

    Ho adorato questo libro! L' ho letto e riletto insieme alla mia bambina! È fin troppo facile immedesimarsi,in fondo ,chi di noi non ha avuto un' odiosa maestra, una compagna prepotente e viziata! Chi non ha immaginato terribili vendette contro l' insegnante o sognato incredibili avventure!
    Prisca è irresistibile e simpaticissima,i suoi racconti travolgenti.
    La storia ci catapulta in un' Italia che non esiste più e che risulta quasi esotica.
    Lo consiglio a donne di ogni età !!!

    ha scritto il 

  • 4

    Divertentissimo e ben scritto, è un libro giusto per i 10-12 anni, ma assai godibile a tutte le età.
    Un solo appunto: le classi meno abbienti, nella storia, non hanno scampo e il Bene non vince affat ...continua

    Divertentissimo e ben scritto, è un libro giusto per i 10-12 anni, ma assai godibile a tutte le età.
    Un solo appunto: le classi meno abbienti, nella storia, non hanno scampo e il Bene non vince affatto. Per essere letteratura per l'infanzia non c'è male.

    ha scritto il 

  • 5

    Must riscoperto

    Conosciuta la Pitzorno per una serie di incontri, sono andata a procurarmi quel libro che a 8-9 anni avevo divorato e classificato come favorito (e rimosso stranamente negli anni a seguire). Stessa co ...continua

    Conosciuta la Pitzorno per una serie di incontri, sono andata a procurarmi quel libro che a 8-9 anni avevo divorato e classificato come favorito (e rimosso stranamente negli anni a seguire). Stessa cosa è successa dopo 25 anni, rilletto in due giorni, formato PDF (mala tempora...).
    Quella poesia, quella genuita' nel descrivere il mondo dei ragazzini, un mondo di tante aspettaive, ribellioni, stupidere, fatti divertentissimi o tristissimi sono state ritrovate tale e quali oggi.
    Credo mi abbia fatto crescere piu' di tanti insegnamenti e piu' di tanti altri libri, venuti dopo.
    Da lacrimoni, di felicita' ovvio, come per Prisca Puntoni, mia grande prima eroina, nel finale del libro

    ha scritto il 

  • 3

    BUM BUM BUM -batticuore

    Il batticuore delle "prime volte"
    Quando non si è contaminati dall'esperienza e dai compromessi.
    Se c'è una linea che segna l'inizio dell'età adulta, forse è proprio questa: quando non c'è più il batt ...continua

    Il batticuore delle "prime volte"
    Quando non si è contaminati dall'esperienza e dai compromessi.
    Se c'è una linea che segna l'inizio dell'età adulta, forse è proprio questa: quando non c'è più il batticuore...

    http://www.youtube.com/watch?v=dUiXuZBUCfo

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo grazioso, davvero una bella sorpresa. E' un libro per bambini, ma, a differenza di altri dello stesso genere, i personaggi risultano sfaccettati: i buoni non sono mai completamente buoni e nea ...continua

    Romanzo grazioso, davvero una bella sorpresa. E' un libro per bambini, ma, a differenza di altri dello stesso genere, i personaggi risultano sfaccettati: i buoni non sono mai completamente buoni e neanche i cattivi. E' chiara la distinzione tra buoni e cattivi, ma di entrambi emergono le debolezze, le difficoltà, le incertezze.
    La storia di questa classe che viene assegnata ad una nuova maestra-cerbero e di tutte le trovate per mandarla via è davvero godibile. Non solo per bambini

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per