Aspro e dolce

Di

Editore: Mondadori (Omnibus)

3.7
(697)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 397 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804527315 | Isbn-13: 9788804527312 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , eBook

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Sport, Attività all\'aperto & Avventura

Ti piace Aspro e dolce?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
L'epopea di Erto e dei suoi abitanti narrata in prima persona da Mauro Corona,protagonista e sciamano. Uomini di foreste e bevute, donne di coraggio efatica, femmine sciccose per rompere la solitudine di una sera, tra unasbronza e una rissa. La fantasia e la rabbia, la gioia di vivere, la festa ela morte riportate alla memoria in un'ennesima levata di bicchieri, brindisialla vita, l'aspro e il dolce assaporati insieme. Autobiografia di un uomo,romanzo fatto di avventure, di beffe e di omeriche bevute, il libro è anche lastoria di un intero paese distrutto e rinato, a suo modo, dalla catastrofe.Immancabile sfondo è la natura, madre e matrigna di uomini, animali, piante erocce.
Ordina per
  • 4

    Storie di Erto

    Mauro narra di Erto e dei suoi abitanti. Uomini di foreste e bevute, donne di coraggio e fatica, femmine sciccose per rompere la solitudine di una sera, tra una sbronza e una rissa. La fantasia e la r ...continua

    Mauro narra di Erto e dei suoi abitanti. Uomini di foreste e bevute, donne di coraggio e fatica, femmine sciccose per rompere la solitudine di una sera, tra una sbronza e una rissa. La fantasia e la rabbia, la gioia di vivere, la festa e la morte riportate alla memoria in un'ennesima levata di bicchieri con un brindisi alla vita, l'aspro e il dolce assaporati insieme. Autobiografia e romanzo di avventure, di beffe e di omeriche bevute, il libro di Mauro è anche la storia di un'intero paese distrutto dalla catastrofe del Vajont e, a suo modo, rinato. Immancabile sfondo è la natura, madre e matrigna di uomini, animali, piante e rocce. Il titolo naturalmente si riferisce al vino, padre benigno e traditore, amato e odiato, fiume viola che inganna la paura, versato in bicchieri sempre vuoti, come sono i giorni della vita. Best!

    ha scritto il 

  • 4

    Ubriacante

    Mauro Corona ha scritto alcuni buoni libri ma, come tutti gli autori fin troppo prolifici, a volte diventa ripetitivo.
    In questo caso, il vino - visto soprattutto come fenomeno sociale e culturale - ...continua

    Mauro Corona ha scritto alcuni buoni libri ma, come tutti gli autori fin troppo prolifici, a volte diventa ripetitivo.
    In questo caso, il vino - visto soprattutto come fenomeno sociale e culturale - e le sbornie, nel senso delle azioni che ti portano alla deriva, sono al centro dell'opera.
    Interessante, divertente, fra i suoi 3/4 libri migliori.

    ha scritto il 

  • 4

    Sul vino

    Il libro è un'autobiografia non so quanto romanzata di Mauro Corona: amante della montagna, alpinista, scultore. Ma è anche un libro sul vino, e su quanto il vino possa portare a fare cose molto stupi ...continua

    Il libro è un'autobiografia non so quanto romanzata di Mauro Corona: amante della montagna, alpinista, scultore. Ma è anche un libro sul vino, e su quanto il vino possa portare a fare cose molto stupide. Il fatto è che queste cose stupide sono molto interessanti da come sono raccontante qui, e quindi nonostante Corona spesso avverta di non cadere nella tentazione di bere per uscire dalla timidezza o colmare altri vuoti, alla fine quello che ne risulta è un'elegia del vino e della vita folle.
    Non ne consiglierei la lettura ad un alcolista che deve smettere!
    Ma è veramente un bel libro!

    ha scritto il 

  • 1

    non ce l'ho fatta

    Cerco sempre di finire la lettura sperando in un miglioramento finale anche nei libri che risultano non piacermi, ma in questo caso ogni scusa era buona per fare altro piuttosto che leggere!
    La morale ...continua

    Cerco sempre di finire la lettura sperando in un miglioramento finale anche nei libri che risultano non piacermi, ma in questo caso ogni scusa era buona per fare altro piuttosto che leggere!
    La morale che Corona ci vuole dare credo si possa riassumere in una frase
    " Dalla mia lunga esperienza di bevitore vi dico, non bisogna eccedere col bere", sono completamente d'accordo con lui, ma per farlo si dilunga in pagine e pagine di come ogni volta cada in tentazione e ne combini di ogni, scampi alla morte e alla prigione (che si sarebbe meritato più volte) ecc.... dettagliando con nome e cognome tutti le persone che incontra e ripetendo in soldoni ad ogni occasione " non avrei dovuto bere, vedete cosa succede" peggio di un nonno rompiscatole...non ce l'ho fatta, ritengo di aver fatto del mio meglio ad arrivare a 3/4 del libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Sinossi della sbronza.

    Mauro Corona stesso,ammette che quasi 500 pagine di sbronze siano un po’ troppe. In effetti… Comunque il libro si legge volentieri anche se la morale, in fondo, è che non ci si debba ubriacare. Oppure ...continua

    Mauro Corona stesso,ammette che quasi 500 pagine di sbronze siano un po’ troppe. In effetti… Comunque il libro si legge volentieri anche se la morale, in fondo, è che non ci si debba ubriacare. Oppure ci si attenga al “bonum est inebriari semel in uno mense”, dai precetti della Scuola Salernitana, alla cui regola si attengono gli scandinavi. Il meglio di tutto è comunque evitare. Si evitano mal di testa, defaillances del "volatile", fino ad arrivare alla cirrosi, al delirio ed al coma etilico. Sembrano mete lontane, ma con un po’ di perseveranza ci si arriva.
    Tornando a “Aspro e dolce”, temo che non sia un libro per tutti. Gli astemi non capirebbero.
    Mauro Corona è certamente un coraggioso per come si mette a nudo con apostolica sincerità.

    ha scritto il 

  • 3

    Racconti di vita

    Si tratta di una raccolta di ben 58 racconti, è un’opera autobiografica che l’accomuna allo stile del libro “Nel legno e nella pietra”.

    Tramite questi racconti il lettore rivive la vita dell’autore at ...continua

    Si tratta di una raccolta di ben 58 racconti, è un’opera autobiografica che l’accomuna allo stile del libro “Nel legno e nella pietra”.

    Tramite questi racconti il lettore rivive la vita dell’autore attraverso i ricordi dell’infanzia, insegnamenti severi e momenti di vita passata nel collegio “Don Bosco” di Pordenone.

    La storia è piena di personaggi che hanno accompagnato la vita di Corona. Amici dell’infanzia ed altri che hanno approfittato di lui e della sua ingenuità.

    L’autore ha deciso di confessare varie marachelle fatte in gioventù, racconta i suoi errori, si riconosce responsabile di varie tragedie e spesso giustifica tutto ciò scaricando ed imputando la responsabilità all’alcool.

    La metafora del libro è molto chiara, infatti, si vuole tener lontani i giovani dai danni provocati da questo brutto vizio, la dipendenza dall’alcool.

    Mauro Corona è un uomo dal carattere rude, irascibile, difficile da gestire, ma altrettanto capace di scrivere riflessioni e pensieri profondi.

    La narrazione è piena di fascino anche se non particolarmente curata di bellezza letteraria, inoltre i contenuti sono profondi.

    Le ambientazioni sono sempre le stesse: montagne ripide, pascoli, sagre paesane, locande dove bere con gli amici.

    Il linguaggio è spesso colloquiale ed a tratti si fa raffinato ed a mio parere troppo diverso dal suo stile.

    Devo ammettere che questo libro mi ha entusiasmato meno in confronto agli altri però lo consiglio comunque, ma non come prima lettura di questo autore.

    ha scritto il 

  • 4

    Divertente e malinconico

    Viaggio tra le sbronze di un friulano doc come Mauro Corona.
    Aneddoti divertenti e che fanno ridere si mischiano ad altri più malinconici e che fanno riflettere.
    Un libro sincero e fraterno, così come ...continua

    Viaggio tra le sbronze di un friulano doc come Mauro Corona.
    Aneddoti divertenti e che fanno ridere si mischiano ad altri più malinconici e che fanno riflettere.
    Un libro sincero e fraterno, così come il vino, protagonista di questo racconto... Aspro e dolce.

    ha scritto il 

  • 5

    Sorpresa!!

    E' stato un piacere leggere questo libro, Mauro Corona nonostante tutte i problemi che ha avuto in infanzia e il suo abuso di ''rosso'', credo che sia un grande uomo, da stimare, anche lui ha fatto i ...continua

    E' stato un piacere leggere questo libro, Mauro Corona nonostante tutte i problemi che ha avuto in infanzia e il suo abuso di ''rosso'', credo che sia un grande uomo, da stimare, anche lui ha fatto i suoi errori. Ma chi non li ha fatti?
    Mi piacerebbe tanto conoscerlo di persona!

    ha scritto il 

Ordina per