Asterios Polyp

Di

Editore: Coconino Press - Fandango Libri

4.6
(526)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8876181733 | Isbn-13: 9788876181733 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Francesco Pacifico

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Asterios Polyp?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Chi è Asterios Polyp? Architetto, professore, scrittore, marito: ma tutto ciò ormai è passato. Raggiunto il mezzo secolo, oggi Asterios è l'ombra dell'uomo che era. Ma è una notte di tempesta, è un fulmine sta per costringerlo a un viaggio che gli farà incontrare il suo destino.
Ordina per
  • 5

    Il giudizio più luminoso lo si dà al capolavoro.
    Mazzucchelli ha creato un'opera d'arte nata dalle parole e dalle immagini.
    Per l'architetto di carta [il teorico razionale e occidentale Asterios, fo ...continua

    Il giudizio più luminoso lo si dà al capolavoro.
    Mazzucchelli ha creato un'opera d'arte nata dalle parole e dalle immagini.
    Per l'architetto di carta [il teorico razionale e occidentale Asterios, formato da "solide" convinzioni] il mondo è fatto da contrapposizioni, da solidi separati, da linee di causa ed effetto, da corpi separati che si avvicinano per istinto carnale.
    Inizierà un viaggio alla ricerca, come nel mito platonico, dell'altra metà perduta: Hana (sensibile yin orientale ) che insegna come la realtà è formata anche dal terzo elemento ch'è lo spazio, la distanza ed il vuoto tra due oggetti, tra due persone...
    e proprio questo vuoto sarà reso vivo dall'incontro finale tra lo Yin e lo Yang un attimo prima dell' Insostenibile Leggerezza, un attimo prima che un bambino esprima un desiderio di fronte all'infinito.

    ha scritto il 

  • 0

    L'illusione di quel filo rosso che tiene insieme quel che ricordiamo del giorno prima e poi chiamiamo identità

    Un bellissimo libro sul senso del tempo, la casualità fortuita di ogni singolo momento, ogni giorno è un singolo eventi e la nostra vita è sequenza di eventi singoli. Eppure ogni giorno diamo senso a ...continua

    Un bellissimo libro sul senso del tempo, la casualità fortuita di ogni singolo momento, ogni giorno è un singolo eventi e la nostra vita è sequenza di eventi singoli. Eppure ogni giorno diamo senso a tutto mettendo in fila il ricordo di quello che ci è accaduto. L'illusione di un'eternità, un filo rosso che tiene insieme quel che ricordiamo del giorno prima e che chiamiamo identità.

    ha scritto il 

  • 5

    tesi. antitesi. sintesi.

    si fa, no? il gioco del quali-oggetti-salveresti-in-caso-di-fuga-precipitosa. ecco asterios polyp dal suo appartamento in fiamme porta via un coltellino svizzero, l'accendino del padre, un orologio. t ...continua

    si fa, no? il gioco del quali-oggetti-salveresti-in-caso-di-fuga-precipitosa. ecco asterios polyp dal suo appartamento in fiamme porta via un coltellino svizzero, l'accendino del padre, un orologio. tutto il resto, puff! [anzi ora cerco il rumore del fuoco nei fumetti].
    lo spunto non brilla dunque di originalità: c'è un protagonista che per cause di forza maggiore si ritrova di colpo libero di ogni orpello, zavorra, bene materiale - una radicalizzazione di quel che ora per gli americani va di moda col nome di decluttering, l'eliminazione del superfluo - e da lì riparte. anche nel senso concreto di un viaggio verso l'interno della grande provincia americana. un'anàbasi in solitaria che, ben oltre il mezzo del cammin di sua vita, lo costringe fino all'ultima scena a rimettere tutto in discussione di fronte a nuove scelte e nuovi capricci del caso. [come del resto si confà a un asterios, ossia letteralmente a un figlio delle stelle].
    ma se la sinapsi è già pervenuta, quel che è bellissimo a mio profano giudizio è il modo in cui per raccontare la decostruzione e poi ricostruzione dell'architetto di carta asterios polyp [«in sostanza, la sua ottima reputazione di architetto si basava sui progetti più che sulle opere. per meglio dire, nessuno dei suoi progetti era mai stato realizzato»] venga tirato su un altrettanto impeccabile sistema grafico e testuale.
    la storia si sviluppa cioè producendo un'addizione visiva che stratifica i livelli di comprensione mentre affianca liberamente i contenuti, i tempi, gli elementi di riconoscibilità narrativa, anche. in più ci sono gli inserti di scrittura curata come in un vero e proprio romanzo, un disegno estremamente pulito e l'utilizzo di una gamma cromatica ridotta a poche, e quindi anti-dispersive, tonalità ricorrenti. e vualà: una sintassi immaginifica di notevole ricchezza, dietro la quale si percepisce però dal primo all'ultimo tratto il controllo rigoroso di un signor impianto razionale. come dire l'apollineo e il dionisiaco una volta tanto mischiati, l'asettico rendering che diventa architettura viva, il ghiaccio che si scioglie e aumenta l'entropia. come dire, in sintesi, 30 euro ma spesi benissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Opera intensa

    Non sono sicuro di aver colto tutto quello che l'autore propone con le sue tavole: c'è davvero tanta roba. Opera intensa, con spunti visivi e tavole davvero originali., unite a riflessioni e suggestio ...continua

    Non sono sicuro di aver colto tutto quello che l'autore propone con le sue tavole: c'è davvero tanta roba. Opera intensa, con spunti visivi e tavole davvero originali., unite a riflessioni e suggestioni degne di una matura opera letteraria. L'autore è lo stesso che aveva proposto la vesione graphic novel di City of Glass di Paul Auster, giusto per orientarci sul genere.

    ha scritto il 

  • 4

    Quando colori e grafica si trasformano in contenuti

    Asterios Polyp è la storia di un uomo che all'età di cinquant'anni, per una serie di ragioni, decide di cambiare vita e cercare il senso della propria esistenza. In questa sorta di viaggio vediamo la ...continua

    Asterios Polyp è la storia di un uomo che all'età di cinquant'anni, per una serie di ragioni, decide di cambiare vita e cercare il senso della propria esistenza. In questa sorta di viaggio vediamo la ricerca interiore del protagonista attraverso i flashback dei momenti salienti della sua vita alternata allo svolgimento del suo presente.

    Asterios è un architetto “di carta”, progettista di edifici mai realizzati, che deve continuamente confrontare la sua ordinata e rassicurante razionalità con il caos dei sentimenti e degli affetti.

    E' ossessionato da una visione assolutamente dicotomica delle cose, che vengono viste sempre e comunque come distinte e in contrapposizione: marito e moglie, maschile e femminile, astratto e concreto, reale e ideale, architettura teorica verso quella creata, linea e forma, solido e liquido, presente e passato.

    Questi due modi diversi di vedere il mondo, ordinato e caotico, reale e ideale, empatico e cinico si riflettono nei diversi comportamenti di Asterios e della moglie.
    Inutile dire che alla fine del suo percorso di crescita Asterios virerà verso una visione meno razionale della vita...

    Punto di forza molto importante è che il tutto sia rappresentato da efficaci dualismi di colori e grafica, blu e magenta per il passato, giallo per il presente, tratteggio o linea piena, prospettive che ci aiutano a comprendere meglio lo svolgimento della narrazione stessa. Perfino il font cambia per ciascun personaggio. Il risultato è un libro graficamente molto molto bello, in ogni suo dettaglio.

    Cerebrale, sofisticato, interessante, affascinante e piacevolissimo da leggere. Incantato.

    ha scritto il 

  • 2

    se va be ma pure se mi disegni tutti i ghirigori della fava e mi incolli quattro cose da wikipedia per fare il colto ma intanto passi trecento pagine a spiegare che il tuo protagonista è una testa di ...continua

    se va be ma pure se mi disegni tutti i ghirigori della fava e mi incolli quattro cose da wikipedia per fare il colto ma intanto passi trecento pagine a spiegare che il tuo protagonista è una testa di cazzo grossa così alla fine no.

    ha scritto il 

  • 5

    Fenomenale, si vede che ha impiegato anni, mi ha fatto riflettere per quanta passione e senso del bello bisogna avere per raggiungere tali livelli di cura per il colore, il racconto in sè, e le invenz ...continua

    Fenomenale, si vede che ha impiegato anni, mi ha fatto riflettere per quanta passione e senso del bello bisogna avere per raggiungere tali livelli di cura per il colore, il racconto in sè, e le invenzioni nel spiegare concetti e idee tramite il disegno. Bellissimo

    ha scritto il 

Ordina per