Blancanieves debe morir

By

Publisher: Maeva

3.7
(615)

Language: Español | Number of Pages: 432 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Dutch , Chi traditional , Portuguese

Isbn-10: 8415120877 | Isbn-13: 9788415120872 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: eBook , Hardcover

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Blancanieves debe morir ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Un sombrío día de noviembre unos obreros encuentran un esqueleto humano en un antiguo aeródromo del Ejército norteamericano en un pueblo cerca de Frankfurt. Poco después alguien empuja a una mujer desde un puente. La investigación lleva a los comisarios Pia Kirchhoff y Oliver von Bodenstein al pasado: hace muchos años, en la pequeña localidad de Altenhain, desaparecieron dos muchachas sin dejar rastro. Un proceso judicial basado en pruebas circunstanciales hizo que el presunto autor Tobias acabara entre rejas. Ahora este ha vuelto a su pueblo. La desaparición de otra chica desatará una auténtica caza de brujas.
Sorting by
  • 4

    Il tradimento

    Se c’è un pregio che accomuna gli autori di thriller nordici è la capacità di non perdersi mai in descrizioni barbose, fiumi di parole futili, sottotrame che in realtà nulla hanno a che fare col “deli ...continue

    Se c’è un pregio che accomuna gli autori di thriller nordici è la capacità di non perdersi mai in descrizioni barbose, fiumi di parole futili, sottotrame che in realtà nulla hanno a che fare col “delitto”: l’attenzione del lettore è catturata dalla prima all’ultima pagina, perché dalla prima all’ultima pagina la narrazione segue un percorso lineare, senza giri inutili, senza fronzoli. Insomma, sono un’anti Elizabeth George. E la tedesca Nele Neahaus, non fa eccezione. “Biancaneve deve morire” è un bel thriller, ambientato in un misterioso borgo fra le montagne del Tanus: ha un protagonista, Tobias Sartorius, che si è scontato 10 anni di galera dopo esssere stato accusato (ovviamente a torto) di avere ucciso due ragazze, ci sono una serie di personaggi che (altrettanto ovviamente) nascondono qualcosa, c’è una coppia di detective (che lavora al caso con bravura seppur non con grande sintonia) e c’è la scomparsa di una terza ragazza e il conseguente ritorno degli spiriti del passato.
    Il leitmotiv che si cela sotto alla trama e alle relazioni fra i personaggi è quello del tradimento, della terribile pugnalata alle spalle, che arriva da chi amiamo e che mai ci aspetteremmo. E che, oltre a grande stupore e infinita amarezza, rischia di portare con sé anche lo spettro del senso di colpa.
    La scrittura è incisiva, la trama lineare, i toni talvolta drammatici e la psicologia dei personaggi, traditori e traditi, ben studiata : il romanzo se ne esce, complessivamente con un voto buono. Forse la descrizione di ambienti e atmosfere poteva essere un po’ più ricca, ma d’altronde questa è l’altra “faccia della medaglia” della totale concentrazione della scrittura sul “fattaccio”…se il rischio è quello di trovarsi fra le mani un polpettone stile Elizabeth George no, preferisco decisamente così.

    said on 

  • 4

    IL "GIALLO" GODE DI OTTIMA SALUTE

    Davvero una buonissima opera prima, questa di Nele Neuhaus. La storia (un cold case con qualche accenno di thriller) è davvero ben congegnata. I protagonisti, tratteggiati in maniera magistrale, sono ...continue

    Davvero una buonissima opera prima, questa di Nele Neuhaus. La storia (un cold case con qualche accenno di thriller) è davvero ben congegnata. I protagonisti, tratteggiati in maniera magistrale, sono assolutamente credibili e la coppia di investigatori molto ben assortita. L'ambientazione fortemente localizzata (un piccolo paese alle porte di Francoforte) fa emergere tutta la tensione repressa che contraddistingue i rapporti interpersonali tra gli attori della tragedia narrata. A parte un paio di forzature neanche troppo marcate, la vicenda risulta assai credibile e mette in risalto il lato più cinico e meschino dei personaggi coinvolti. Non vorrei fare un accostamento troppo azzardato, ma direi che la compianta Ruth Rendell/Barbara Vine ha trovato una degna erede e si può affermare che il giallo/thriller gode di ottima salute.

    said on 

  • 5

    Un bel thriller anche se ad un certo punto mi stavo perdendo un pò...e poi quel titolo Biancaneve deve morire, salva tutto.
    "È una grigia e piovosa notte di novembre tra i monti del Taunus in Germania ...continue

    Un bel thriller anche se ad un certo punto mi stavo perdendo un pò...e poi quel titolo Biancaneve deve morire, salva tutto.
    "È una grigia e piovosa notte di novembre tra i monti del Taunus in Germania. Una notte particolare. A Eschborn, la polizia si imbatte in un macabro ritrovamento: resti umani celati da qualche parte nell'aeroporto militare americano della piccola città.
    Poco dopo, nei pressi di Sulzbach, un villaggio vicino, una donna di Altenhain, un altro piccolo borgo del Taunus, Rita Cramer, è buttata giù da un ponte e gravemente ferita.
    Oliver von Bodenstein e Pia Kirchhoff, gli agenti della polizia incaricati dell'indagine, si recano ad Altenhain e non tardano a scoprire che in paese pochi sono addolorati e sorpresi da quanto è accaduto a Rita Cramer.
    L'odio e il rancore albergano in ogni angolo di strada, in ogni bottega o taverna. Un odio e un rancore che hanno di mira una sola persona: Tobias Sartorius, il figlio di Rita Cramer, che ha osato tornare nella casa paterna dopo aver scontato dieci anni di carcere con la tremenda accusa di essere il responsabile della scomparsa di due ragazzine diciassettenni.
    La situazione diventa incontrollabile per i due investigatori quando nel paese si diffonde la notizia che i resti rinvenuti a Eschborn appartengono esattamente a una delle ragazze sparite dieci anni prima. L'odio per Tobias Sartorius si muta, infatti, in una irrefrenabile sete di vendetta. E diventa una vera e propria psicosi, una caccia alle streghe dagli esiti imprevedibili e drammatici, quando un'altra ragazza svanisce nel nulla."

    said on 

  • 4

    Un sombrío día de noviembre unos obreros encuentran un esqueleto humano en un antiguo aeródromo del Ejercito norteamericano en un pueblo cerca de Frankfurt. Poco después alguien empuja a una mujer des ...continue

    Un sombrío día de noviembre unos obreros encuentran un esqueleto humano en un antiguo aeródromo del Ejercito norteamericano en un pueblo cerca de Frankfurt. Poco después alguien empuja a una mujer desde un puente. La investigación lleva a los comisarios Pia Kirchhoff y Oliver vonBodenstein al pasado: hace muchos años, en la pequeña localidad de Altenhain, desaparecieron dos muchachas sin dejar rastro.

    said on 

  • 3

    Le sottigliezze dell'omertà

    Una località poco conosciuta nei pressi di Francoforte; una cittadina dove tutti si conoscono e tutti sanno cosa succede pur, all’apparenza, facendo finta di niente. I motivi di tali atteggiamenti son ...continue

    Una località poco conosciuta nei pressi di Francoforte; una cittadina dove tutti si conoscono e tutti sanno cosa succede pur, all’apparenza, facendo finta di niente. I motivi di tali atteggiamenti sono dovuti a un radicato “status quo” che non permette l’emergere di nuovi modi di fare e comportamentali.

    E’ in quest’ambiente sociale che nel 1997 scompaiono due ragazze, Laura e Stefanie, frequentanti il locale liceo e, pur in assenza dei corpi è incriminato per omicidio un ragazzo, Tobias, che sarà immediatamente condannato a dieci anni di carcere nonostante non abbia mai confessato il delitto. Inizia, quindi, la vicenda all’uscita di prigione di Tobias il quale, continuando a professarsi innocente, cerca di riannodare i fili della propria esistenza e rimettere in ordine la propria famiglia (i propri genitori) che hanno subito angherie e vessazioni sin dal giorno in cui il loro figlio ha varcato l’ingresso del carcere.

    Non appena Tobias tenta di iniziare una nuova esistenza, ecco che la cittadina perde la tranquillità cui era abituata poiché la presenza del ragazzo, ormai trentenne, è motivo di sconvolgimento negli animi dei molti personaggi protagonisti della narrazione. Molti di loro hanno qualcosa da nascondere e sono stati in qualche modo coinvolti nella sparizione delle ragazze; la verità non è come poteva apparire un decennio addietro…nel frattempo un’altra ragazza, Amelie, scompare in circostanze misteriose. La polizia e gli inquirenti locali devono scavare molto in profondità per far luce, inoltre, sul ritrovamento del corpo di una delle ragazze scomparse dieci anni prima, Laura, in una zona tale da far rivedere tutta l’indagine a suo tempo condotta con superficialità cui si aggiunge l’indifferenza di testimonianza da parte della popolazione.

    La scomparsa di Amelie è subito collegata al delitto passato; compaiono sulla scena personaggi al di sopra di ogni sospetto che hanno numerosi segreti da custodire a scapito della loro reputazione e del potere acquisito, in maniera non del tutto chiara, nel corso degli anni. La tensione aumenta via via che le indagini hanno luogo scoprendo un vaso di Pandora ormai impossibile da richiudere. Gli accadimenti di molti protagonisti si allacciano tra loro, nel presente e nel passato, in una matassa inizialmente difficile da districare che porterà comunque a una revisione totale di misfatti e delitti e alla soluzione, ancorché tardiva che ha rovinato tante vite sia fisicamente sia psicologicamente, della malsana vicenda.

    Un romanzo che si legge bene nonostante una certa carenza di pathos.

    said on 

  • 3

    Una buona compagnia

    Mi è capitato per caso tra le mani e avendo del tempo libero in un pomeriggio di pioggia mi sono deciso a leggere le prime pagine. Che dire, è un bel giallo fitto di suspance e di colpi di scena, la v ...continue

    Mi è capitato per caso tra le mani e avendo del tempo libero in un pomeriggio di pioggia mi sono deciso a leggere le prime pagine. Che dire, è un bel giallo fitto di suspance e di colpi di scena, la vicenda è ben narrata e i personaggi (soprattutto il protagonista) sono bilanciati e inseriti molto bene nel contesto che ospita l'intera vicenda.

    said on 

  • 2

    favole crudeli di competizione femminile

    Biancaneve c'è, e ha per sempre 17 anni, c'è la strega, la più bella del reame, il nano (uno solo però) che la veglia , cattivi vari che oggi si identificano con capitalisti e finanzieri, ma anche con ...continue

    Biancaneve c'è, e ha per sempre 17 anni, c'è la strega, la più bella del reame, il nano (uno solo però) che la veglia , cattivi vari che oggi si identificano con capitalisti e finanzieri, ma anche con i cattivi di sempre. Ma poi tradimenti, sorprese, coincidenze, nascondigli, salvataggi in extremis, un po' troppo di tutto. Dimenticavo il principe azzurro, che come sempre è un ingenuo credulone.

    said on 

  • 3

    Cabot Cove con crauti

    L’ha letto l’anno scorso una mia amica e me ne aveva parlato in termini ambigui così a distanza di tempo mi è capitata l’occasione di leggerlo e formarmi un’opinione personale.

    La trama mi ha subito c ...continue

    L’ha letto l’anno scorso una mia amica e me ne aveva parlato in termini ambigui così a distanza di tempo mi è capitata l’occasione di leggerlo e formarmi un’opinione personale.

    La trama mi ha subito catturato: un mistero, una cittadina tra i monti dove tutti si conoscono e tutti mentono.
    Purtroppo mi è sembrata vacillante sul finale.. troppe evoluzioni di trama, troppe persone coinvolte, troppi amanti, troppe bugie.
    Sono arrivata alla fine delle trama un po’ frastornata, forse l’autrice ha voluto strafare; una soluzione più lineare credo avrebbe giovato alla trama e all’intera storia che resta comunque avvincente e ben congegnata.
    A quanto ho capito è il primo romanzo di questa scrittrice perciò mi auguro di poter presto promuovere a pieni voti i prossimi.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    a proposito di Biancaneve deve morire..

    non l'ho ancora finito ma sono rimasta colpita dal fatto che Tobias è stato pestato per mezz'ora da tre energumeni armati di mazza da baseball e poi se ne stia seduto su una panchina con la faccia gon ...continue

    non l'ho ancora finito ma sono rimasta colpita dal fatto che Tobias è stato pestato per mezz'ora da tre energumeni armati di mazza da baseball e poi se ne stia seduto su una panchina con la faccia gonfia...come minimo avrebbe dovuto essere in rianimazione :-)

    said on