Bleak House

By

Publisher: Dodo Pr

4.2
(485)

Language: English | Number of Pages: 488 | Format: Others | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , Finnish

Isbn-10: 1406554499 | Isbn-13: 9781406554496 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , Hardcover , Mass Market Paperback , Audio Cassette , Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Do you like Bleak House ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Bleak House is the ninth novel by Charles Dickens, published in 20 monthly parts
between March 1852 and September 1853. It is widely held to be one of ...
Sorting by
  • 4

    Maestro Dickens

    Dickens poseía un talento especial para la creación de personajes memorables. Con dos pinceladas era capaz de generar verdaderos arquetipos, imágenes imperecederas de tipos humanos.
    Este libro es buen ...continue

    Dickens poseía un talento especial para la creación de personajes memorables. Con dos pinceladas era capaz de generar verdaderos arquetipos, imágenes imperecederas de tipos humanos.
    Este libro es buena muestra de su buen hacer en este sentido así como de su capacidad para dibujar
    situaciones con gran vivacidad tiñéndolo con de un divertido tinte irónico.
    A pesar de todo lo anterior, para mí esta novela no llega a la perfección que muchos críticos y lectores le atribuyen. La causa, a mi entender, está en la forma en que fue publicada: Dickens vivía de escribir novelas por entregas que debían llegar a un público lo más amplio posible para venden gran cantidad de revistas. Cuando estas historias se leen juntas en forma de novela aparecen caracterizaciones de personajes y situaciones repetidas (necesarias para un lector que, en su momento, hacía un mes que no leía sobre el tema pero tediosas para un lector de novela) cliff-hangers que se resuelven en la siguiente página (pero que eran el final de una entrega) y tramas alargadas innecesariamente (había compromisos editoriales de un cierto número de entregas). El personaje de la protagonista, de bondad exacerbada, resta credibilidad a la historia.
    Con todo, es un libro muy recomendable en el que sumergirse para disfrutar del genio creador de Dickens y de su aguda mirada sobre las grandezas y miserias de la Inglaterra decimonónica.

    said on 

  • 3

    Dickens si rivela come sempre un genio della satira: nessuno è più bravo di lui nel mettere alla berlina le magagne della società con un'eleganza che a volte lascia letteralmente senza parole. Stavolt ...continue

    Dickens si rivela come sempre un genio della satira: nessuno è più bravo di lui nel mettere alla berlina le magagne della società con un'eleganza che a volte lascia letteralmente senza parole. Stavolta ad essere prese di mira sono la procedura civile inglese e i processi troppo lunghi, che arricchiscono solo gli avvocati, rappresentati in alcuni casi come vampiri dei loro clienti come nel caso di Mr Vholes.Ci vorrebbe un Dickens anche da noi per rappresentare le lungaggini dei processi e anche la sciatteria del legislatore nello scrivere le leggi che devono essere applicate nei processi. Come sempre il problema sta nella caratterizzazione dei personaggi, perché Dickens pecca di eccessivo manicheismo . Esther Summerson è talmente buona da risultare irritante e pure la cara Ada pecca di eccessiva stucchevolezza. Nonno Smallweed, tra i più cattivi, è come un grosso ragno, di cui risulta prevedibile ogni mossa. I personaggi a metà sono i più interessanti, tra cui spiccano Richard e lady Dedlock. Richard serve a Dickens come altri personaggi secondari per sostenere la sua tesi: le cause rovinano i clienti. Inizialmente pupillo della Corte, Richard, una volta raggiunta la maggiore età, si interessa alla causa ereditaria che si trascina da anni e si illude di riuscire a definirla in modo soddisfacente per lui, ottenendo tutti i soldi che gli spettano e così vivendo nell'agiatezza per il resto della vita. Così illuso, butta all'aria ogni progetto lavorativo e fa della causa la sua ossessione, fino a trovarsi sull'orlo della follia malgrado gli sforzi congiunti di Santa Esther e Santa Ada. Lady Dedlock è un personaggio affascinante del genere "peccatrice pentita"che ha un suo senso giusto in epoca vittoriana, e che risulta più simpatica nella sua freddezza e disperazione della figlia Esther. Non mi è piaciuta molto nemmeno la trama, per quanto sia considerata uno dei primi esempi di polizieschi o "detective story". Mi pare deboluccio l'intreccio e molto scontato chi sia il responsabile dell'omicidio che ad un certo punto viene commesso. . C'è poca suspense, è tutto molto prevedibile, non hai l'ansia di girare le pagine per sapere cosa succederà o il piacere di fare congetture. Wilkie Collins, suo contemporaneo, secondo me è molto più bravo nell'imbastire trame gialle e avvincenti, e anche nel creare personaggi maggiormente caratterizzati psicologicamente( indimenticabile Miss Gwilt)per quanto Dickens rimanga uno dei massimi scrittori inglesi.

    said on 

  • 3

    Non è stata una lettura facile: parecchio ingarbugliata la trama, tanti i personaggi, la scrittura che passa dalla prima persona alla terza non aiuta.
    A ripensarci dopo tanti giorni dalla fine della l ...continue

    Non è stata una lettura facile: parecchio ingarbugliata la trama, tanti i personaggi, la scrittura che passa dalla prima persona alla terza non aiuta.
    A ripensarci dopo tanti giorni dalla fine della lettura, però mi resta il ricordo di una grande storia ricca di quelli che sono sempre stati i temi cari a Dickens: le sorti dell'infanzia abbandonata, la denuncia di una società falsa, una borghesia ipocrita e una giustizia lenta e polverosa.

    said on 

  • 3

    Puff...pant...(onomatopea fumettosa, si vede che leggo di nuovo Topolino xD)

    Che fatica finire questo romanzo! Ci ho messo due mesi (è vero che è corposo ma conoscendomi è tanto: per "La piccola Dorrit", che credo fosse anche più lungo, impiegai un mese solo) e comunque alla f ...continue

    Che fatica finire questo romanzo! Ci ho messo due mesi (è vero che è corposo ma conoscendomi è tanto: per "La piccola Dorrit", che credo fosse anche più lungo, impiegai un mese solo) e comunque alla fine l'ho tirato via, per stanchezza. Peccato però! Sembra che dopo Little Dorrit nessun Dickens riesca più ad "acchiapparmi"...ma ce ne sono ancora diversi intonsi, non demordo xD
    Bleak House è un romanzo molto complesso: motore della storia è un'intricatissima vicenda legale che sembra non avere mai fine ed è infarcita di morti misteriose, figli illegittimi, satira sociale e...personaggi. Migliaia di personaggi che spuntano come funghi, 2 o 3 nuovi a ogni capitolo (o mi sembravano nuovi perché nel frattempo mi dimenticavo di loro?? Può anche darsi... xD) che creano un effetto dispersivo...anche perché pure quelli che dovrebbero essere i "principali" appaiono davvero poco e il lettore non riesce ad affezionarsi a loro. Perfino la protagonista Esther, nonostante narri alcuni eventi in prima persona (cosa inedita in Dickens: non credo ci sia un altro suo romanzo scritto in prima persona da una donna, anche se solo in parte) non mi ha suscitato particolare simpatia. Tuttavia questo libro annovera alcuni tra i comprimari più particolari mai usciti dalla penna di questo genio inglese: non dimenticherò facilmente la donna che passa tutto il giorno a occuparsi di missioni in Africa mentre non si cura minimamente della sua casa e dei suoi figli; o l'uomo che vive come un bambino senza preoccuparsi del futuro, o il ragazzo che quando avrebbe dovuto spendere dei soldi e non lo fa li considera guadagnati e si ritiene obbligato a spenderli in qualcos'altro...Insomma, c'è sempre qualcosa da guadagnare nel leggere Dickens!

    said on 

  • 5

    Un libro immenso...

    Nella sua enormità questo romanzo è una satira brillante contro l'iniquità della legge e la falsa filantropia.
    Ci si imbatte in famiglie degradate che rappresentano l'intera società corrotta e contami ...continue

    Nella sua enormità questo romanzo è una satira brillante contro l'iniquità della legge e la falsa filantropia.
    Ci si imbatte in famiglie degradate che rappresentano l'intera società corrotta e contaminata in cui i genitori distratti ed inadeguati sono infetti dalla malattia sociale del parassitismo, che lasciano i figli orfani delle loro attenzioni perchè sono troppo occupati a fare altro.
    Poi c'è lo Slum, umanizzato e associato ad un corpo mezzo morto che striscia nella miseria: questo è l'indiscusso protagonista del romanzo con il suo degrado morale e fisico in cui i suoi abitanti sono stati trasformati negli elementi in cui essi vivono, il fango e la nebbia.
    Ed infine la casa, che si contrappone alla terribile Londra in quanto l'autore vuole affidarle virtù domestiche e liberali. Essa però si limita ad essere un rifugio che non può cambiare la società, quel sistema piatto e mediocre.
    E la desolazione del titolo sta proprio in tutte le abitazioni descritte, in cui manca il calore e la cordialità che le rendono umane, in questo sta la differenza tra House e Home.
    Ciò che quest'opera mi ha suscitato è l'impressione che il più alto e il più basso siano avvinti inestricabilmente in quella società caratterizzata da impressionanti contrasti, in cui la condizione umana dei personaggi è catapultata in un sistema corrotto e degradato dove la speranza di salvarsi si riduce sempre più.

    said on 

  • 4

    L'ho finito, in due mesi esatti l'ho finito. Difficile dire quanto ho colto e quanto ho perso per strada dell'ingarbugliatissima vicenda, quante volte sono tornato indietro di capitoli interi per cerc ...continue

    L'ho finito, in due mesi esatti l'ho finito. Difficile dire quanto ho colto e quanto ho perso per strada dell'ingarbugliatissima vicenda, quante volte sono tornato indietro di capitoli interi per cercare di recuperare un personaggio che mi riappariva a distanza di trecento pagine senza che ne avessi conservato il minimo ricordo.
    Dovessi dire di aver trovato, o solo intravisto il bandolo della matassa, mentirei. Ma di sicuro nemmeno una volta mi è venuta la tentazione di abbandonarlo, nonostante ci siano momenti nei quali il libro stesso sembra chiedertelo.
    Sono così contento di averlo finito che quasi quasi come Esther Summerson, talmente buona da portare il lettore sull'orlo della crisi iperglicemica, mi faccio un bel pianto.
    Quattro stelle, con l'avvertenza che probabilmente io non ne ho goduta più di una e mezza. Il resto è tutto per Dickens, con un sospetto che è quasi certezza che alla fine dei conti quello che voleva era prenderci tutti per i fondelli. Bravo, porca miseria, bravo.

    said on 

  • 4

    Anzitutto desolata non è, la casa (è quasi tondeggiante sugli angoli come in una fiaba); la satira che si vorrebbe caustica di dickens verso la magistratura inglese è docile, anodina; i personaggi pri ...continue

    Anzitutto desolata non è, la casa (è quasi tondeggiante sugli angoli come in una fiaba); la satira che si vorrebbe caustica di dickens verso la magistratura inglese è docile, anodina; i personaggi principali – che infallibilmente pensano ed agiscono bene – sono noiosetti e tra loro, corifea di questa bontà nutriente ed indigesta, è la voce narrante Esther Simmons; la geografia umana del romanzo è come al solito squinternata, estesa, hicsuntleonesca all’inizio ma alla fine sta in un post-it; i personaggi minori sono costruiti tutti attorno un gesto ripetitivo o una ossessione e però sono quelli che funzionano di più, soprattutto se presentano una vocazione alla malvagità.

    E Dickens non sa fare altro che questo: mettere le sue enormi mani a coppa, immergerle in un fonte e sollevarle: e di tutta l’acqua raccolta non perderne una goccia – uno sguardo, un’ombra, un pensiero, un sorriso – mentre cammina sulle mille pagine dei suoi romanzi.

    said on 

  • 4

    Non è stato amore a prima vista, lo confesso. Troppo ingarbugliata la prima parte, con un numero apparentemente eccessivo di personaggi da gestire all’interno dell’orbita catalizzatrice della Corte di ...continue

    Non è stato amore a prima vista, lo confesso. Troppo ingarbugliata la prima parte, con un numero apparentemente eccessivo di personaggi da gestire all’interno dell’orbita catalizzatrice della Corte di Giustizia del Lord Cancelliere. Il continuo alternarsi del tempo presente usato dal narratore onnisciente e di quello passato preferito dalla protagonista, che narra in prima persona, mi ha lasciato qualche perplessità, legata forse alla mia strana avversione per l’uso del presente nei romanzi.
    Al principio non è stato di grande aiuto neppure il carattere angelico di Esther Summerson, la protagonista appunto, con i dotti lacrimali costantemente impegnati a trattenere le lacrime, di felicità, di delusione, di profonda gratitudine, o di presunta poco profonda gratitudine… lacrime composte e silenziose, ma pur sempre lacrime. Se devo essere sincera, e non ho motivi per non esserlo, c’è stato un momento in cui l’indice ammonitore dell’Allegoria in elmetto romano dipinta sulla volta dello studio di Mr Tulkinghorn (uno dei personaggi più memorabili) per me puntava dritto in direzione dell’uscita.
    Ho fatto bene però a restare perché poco dopo Dickens ha compiuto la sua solita magia ed è stato uno spasso vedere i pezzi del puzzle, sparsi nel modo più disordinato possibile, iniziare pian piano ad incastrarsi l’uno con l’altro, per dare vita al quadro completo.
    Entrare nel dettaglio di una trama così complessa (di sicuro la più complessa tra i Dickens letti fino ad ora) sarebbe difficile, perciò proverò solo a dire che Bleak House non è Satis House: qui il tempo scorre liberamente tra gioie e dolori per tutti, tranne che per la causa Jarndyce contro Jarndyce, che si protrae ormai da generazioni e sembra inesorabilmente ferma al punto di partenza. Ogni tanto spira un leggero vento dell’est, su cui volano le cattive notizie, ma un paio d’ore trascorse tra le pareti del Brontolatoio sono sufficienti per ritrovare la calma ed affrontare le piccole e grandi tragedie di cui è puntellata la vita d’ogni giorno.
    Anche in questo caso Dickens regala una galleria di personaggi indimenticabili, ricca come la galleria di Chesney Wold, dalle cui pareti i ritratti degli illustri antenati dei Dedlock volgono intorno i loro sguardi indifferenti. Vi sono esempi di schiettezza e praticità domestica come Mrs Bagnet accompagnata dal suo versatile ombrello e di assoluta inabilità in questioni che non prevedano uno sforzo di filantropia telescopica come Mrs Jellyby; tipi di orgoglio implosivo come quello di Lady Dedlock ed esplosivo come quello di Hortense; campioni di ingenuità sincera e spontanea come George ed artificiosa quanto interessata come Harold Skimpole; modelli di sconfinata generosità e delicatezza come John Jarndyce e di sensibilità estrema come Mr Boythorn… tutti personaggi che ruotano attorno ai protagonisti, i pupilli della corte, come direbbe Miss Flite, ma che non per questo sfuggono al fine lavoro di cesellatura dell’autore, il cui sguardo satirico non risparmia niente e nessuno.

    said on 

  • 5

    Un solo aggettivo per definire questo voluminoso romanzo: magnifico. Con tutti i suoi limiti, costituiti da un numero enorme di pagine, più di 800, di cui, se andiamo ad approfondire, forse meno della ...continue

    Un solo aggettivo per definire questo voluminoso romanzo: magnifico. Con tutti i suoi limiti, costituiti da un numero enorme di pagine, più di 800, di cui, se andiamo ad approfondire, forse meno della metà sarebbe bastata per renderlo un grande libro; mai mi sono annoiata, però, durante la lettura, solo qualche pagina più lenta che si legge con una certa impazienza, ma sempre con “quel piccolo brivido che si sente dietro le scapole” che Nabokov definisce “la forma più alta di emozione che l’umanità abbia raggiunto sviluppando la pura arte e la pura scienza”. Tra pagine memorabili per le immagini liriche, per l’accuratezza con cui è descritta la miriade di ambienti e di personaggi, ognuno tratteggiato con efficacissime parole, la storia si svolge tutta intorno ad una causa legale che si tiene dinnanzi alla Corte del Lord Cancelliere di Londra, la causa Jarndyce contro Jarndyce, che si trascina da anni senza soluzione nei nebbiosi meandri della Corte di Chancery Lane. Il cuore del romanzo è la feroce critica al sistema legale inglese, al mondo degli avvocati e legulei che, come antichi mostri che popolano i peggiori incubi, ingurgitano i clienti, siano essi nobili signori che poveri disgraziati rimasti privi di tutto a causa della legge, portandoli verso la follia e la morte. Intorno alla nebbiosa causa Jarndyce contro Jarndyce ruotano tantissimi personaggi, nel bene e nel male, ma sempre splendidi, come bambini orfani (tema caro a Dickens) calpestati nei fondamentali diritti dell’infanzia, criminali usurai di aspetto e toni demoniaci, signore aristocratiche che nascondono segreti del loro passato che verranno man mano svelati, nobili signori inglesi tutti dedicati ad onorare il loro lignaggio, cameriere malvage e donne sacrificate dalla povertà estrema nei loro diritti di madri, c’è anche un investigatore, mister Bucket, con il quale Dickens inserisce una vena di giallo in una trama densissima di temi ; insomma, tantissimi personaggi, sui quali spicca la voce narrante, Esther Summerson, che si alterna nel racconto con il narratore Dickens, finchè nel finale i due si sovrappongono in una unica narrazione, quella di Esther, orfana sottoposta alla tutela del generosissimo mister Jarndyce, dolce, umile e candida fanciulla, unica beneficiata dalla causa Jarndyce contro Jarndyce che solo morte e dolore provoca . Una menzione speciale per l’avvocato Tulkinghorn, prototipo dell’avvocato freddo, calcolatore, privo di sentimenti, odioso e odiato ovunque e da chiunque -anche dalla sottoscritta, appartenente alla sua categoria, per cui la lettura è stata anche un confronto con la figura dell’avvocato di oggi, mica tanto migliore, purtroppo, nell’opinione popolare-.

    said on 

Sorting by