Boy

Tales of Childhood

By

Publisher: Rebound by Sagebrush

4.0
(952)

Language: English | Number of Pages: 176 | Format: School & Library Binding | In other languages: (other languages) Spanish , Italian , French , German , Catalan , Dutch

Isbn-10: 080857275X | Isbn-13: 9780808572756 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Hardcover , Library Binding , Audio CD , Others , eBook

Category: Biography , Children , Fiction & Literature

Do you like Boy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"'I am only eight years old,' I told myself. 'No little boy of eight has ever murdered anyone. It's not possible.'"

So thought Roald Dahl in 1924 when his plan to get revenge on the mean and disgusting candy-store owner Mrs. Pratchett seemed to have worked all too well. Writing about this and other boyhood adventures, the author has recalled only those that stand out as spectacular. "Some are funny. Some are painful. Some are unpleasant. I suppose that is why I have always remembered them so vividly. All are true."

We are told of his first automobile ride, in which he nearly lost his nose; of the canings by Headmasters and older schoolboys; and of the grisly methods of Matrons, those guardians against misbehavior who supervised the dormitories. There were glorious times, too, with his big family at home in Wales; on holiday each summer on a remote island in Norway; and in the class of an endearing math teacher who thought numbers the dreariest things in the world.

Roald Dahl's adventures and misadventures during his school years are crowded with people as strange and wonderful as any character he has created and are as exciting and full of the unexpected as his celebrated fiction.
Sorting by
  • 4

    una biografia scritta in maniera interessante, infanzia non facilissima e bellissime lettere ricordo, ti fan venir la voglia di lasciare delle tracce epistolari

    said on 

  • 4

    Roald Dahl racconta la storia della sua infanzia e della sua adolescenza in questo volumetto, che non è quindi propriamente un romanzo, quanto piuttosto un'autobiografia romanzata, più destinata agli ...continue

    Roald Dahl racconta la storia della sua infanzia e della sua adolescenza in questo volumetto, che non è quindi propriamente un romanzo, quanto piuttosto un'autobiografia romanzata, più destinata agli adulti che ai bambini - lo dico perché ricordo che da piccola tentai più volte di affrontarla, col fatto che amavo tutte le storie di Dahl e non capivo come mai con questa mi incasinassi tanto.
    Leggendo "Boy" ai giorni nostri non si può fare a meno di notare tutta la cattiveria e tutte le punizioni (che spesso sfociavano in violenza) a cui erano sottoposti i bambini e Roald in particolare nei primi anni del Novecento nei collegi, ma anche al di fuori di essi. I grandi sono rappresentati, in larga parte, come individui crudeli con i quali era impossibile avere un qualsiasi tipo di dialogo, a cui i ragazzini erano totalmente assoggettati; ma il fatto che più mi ha stupito nelle descrizioni di Dahl è stato come malgrado tutto egli abbia sempre mantenuto una visione positiva del mondo e come abbia reagito con stoicismo a tutte le disgrazie che gli sono capitate in queste pagine. Forse queste sofferenze hanno contribuito a farlo diventare il grande scrittore che è stato, perché per cominciare a scrivere non dico che bisogni essere infelici, ma certo è necessaria una certa inquietudine di fondo.

    "Ero felice, veramente felice. Cominciavo a capire com'era semplice la vita quando si seguono abitudini regolari a ore fisse e si hanno uno stipendio fisso e pochissime occasioni di pensare in maniera originale. La vita di uno scrittore è un vero inferno, confrontata a quella di un uomo d'affari. Lo scrittore deve forzarsi a lavorare, deve imporsi un proprio orario e, se non gli va di sedersi alla scrivania, nessuno lo rimprovera. Se è un romanziere vive nel terrore: ogni giorno esige nuove idee, e non si è mai certi che arriveranno puntuali. Dopo due ore passate a scrivere, il romanziere si sente completamente svuotato. Durante quelle due ore si è trovato mille miglia lontano, in un altro luogo, in compagnia di gente totalmente diversa, e lo sforzo che deve fare per tornare indietro a nuoto, nel presente, è assai grande. E' quasi un trauma. Lo scrittore esce dal suo studio mezzo inebetito. Ha voglia di bere, ne ha proprio bisogno. Succede infatti che quasi tutti i romanzieri bevano più whisky del dovuto. Bevono per infondersi fiducia, speranza e coraggio. Bisogna essere pazzi, per fare gli scrittori. La loro sola consolazione è un'assoluta libertà. Il loro unico padrone è la loro anima ed è per questo che hanno fatto quella scelta, ne sono certo".

    said on 

  • 5

    Lettura dell'ora di narrativa proposta in prima media... letto e riletto anche in seguito! Lo consiglio, specialmente nella fascia di età in cui é stato proposto a me... significativo anche se letto i ...continue

    Lettura dell'ora di narrativa proposta in prima media... letto e riletto anche in seguito! Lo consiglio, specialmente nella fascia di età in cui é stato proposto a me... significativo anche se letto in età adulta :)

    said on 

  • 4

    Il libro "Boy"di Roald Dahl racconta la vita dello scrittore: è un'autobiografia.
    Il libro racconta la sua storia dai 6 ai 20 anni. La parte che mi è piaciuta di più è stata quando Roald viene castiga ...continue

    Il libro "Boy"di Roald Dahl racconta la vita dello scrittore: è un'autobiografia.
    Il libro racconta la sua storia dai 6 ai 20 anni. La parte che mi è piaciuta di più è stata quando Roald viene castigato e trascinato, con altri tre bambini fino all'ufficio del direttore perché hanno messo un topo nel vaso delle caramelle di un negozio.
    I bimbi vengono torturati uno a uno con una frusta.
    Mi ha fatto pensare che le scuole una volta erano molto severe.
    La cosa più bella è quando Roald racconta, per filo e per segno, ogni singolo dettaglio delle sue esperienze vissute.
    Taissa

    said on 

  • 3

    Il libro e' un'auto- biografia scritta da Roald Dahl -inizia descrivendo la sua famiglia di origine norvegese che si trasferisce in Inghilterra perché il papà desiderava per i figli un'eccellente edu ...continue

    Il libro e' un'auto- biografia scritta da Roald Dahl -inizia descrivendo la sua famiglia di origine norvegese che si trasferisce in Inghilterra perché il papà desiderava per i figli un'eccellente educazione. Infatti Roald frequentò diversi college inglesi e ne conserva belli ma soprattutto brutti momenti, questi sono quelli che racconta di più perché sono quelli che ricorda meglio , ma anche perche' lui dice: " mi ha sempre sconvolto il fatto che agli insegnanti venisse accordato il privilegio di ferire i ragazzini "
    Certo che Roald non era un " angioletto " , ma era dispettoso e le sue " marachelle " narrate nel libro sono veramente divertenti _ nonostante siano passati quasi cento anni da quando Roald andava a scuola le cose non sono molto cambiate , cambiano i modi, oggi il ragazzo fa il bullo e gli adulti a volte con l' indifferenza o l' assenza di dialogo infliggono " punizioni".
    ALLORA CHI O CHE COSA DEVE CAMBIARE???
    Secondo me la risposta sta nel mezzo_

    Alessia Turani

    said on 

Sorting by
Sorting by