Brutti

Di

Editore: Mondadori

3.6
(316)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 354 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804557664 | Isbn-13: 9788804557661 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: A. Ragusa

Genere: Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy , Adolescenti

Ti piace Brutti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Tally è una ragazza normale. Ma essere normali, nel suo mondo, equivale a essere brutti. Brutti solo fino a sedici anni, fino a quando non si è sottoposti per legge a un'operazione di chirurgia estetica che rende bellissimi e uguali a tutti gli altri "perfetti". Ecco perché Tally non vede l'ora di compiere sedici anni. Ma poco prima del giorno fatidico incontra Shay, che le fa scoprire il brivido dell'imprevisto e il fascino dell'imperfezione e la mette al corrente di un'inquietante versione dei fatti. Tally adesso non vede l'ora di conoscere la verità. E sarà più difficile e pericoloso di un'operazione...
Ordina per
  • 4

    Anche un cervello può essere brutto

    Dopo aver letto le recensioni negative su questo libro non avevo alte aspettative.
    L’idea di base però mi stuzzicava, così ho iniziato a leggerlo e… non sono riuscita a staccarmici!

    Ok i personaggi no ...continua

    Dopo aver letto le recensioni negative su questo libro non avevo alte aspettative.
    L’idea di base però mi stuzzicava, così ho iniziato a leggerlo e… non sono riuscita a staccarmici!

    Ok i personaggi non saranno di grande spessore, il protagonista maschile piuttosto scialbo, trama a volte un po’ stiracchiata, dialoghi elementari (ma sto trovando solo difetti?) però l’ho divorato.

    Tally, la protagonista, sembra indecifrabile: a volte spericolata, altre volte codarda fino al midollo, indecisa ma sicura, ingenua ma matura, insomma… un’adolescente in piena regola!
    Ho apprezzato particolarmente le sue reazioni nell’adattarsi allo stile di vita opposto al suo: ha dovuto mettere in discussione tutto quello che le era stato insegnato fino ad allora e capire da sola che a volte il confine tra giusto e sbagliato può essere labile.

    In breve, ho trovato “Brutti” un YA avvincente e scorrevole che fa riflettere. Non mi è dispiaciuto affatto.

    ha scritto il 

  • 3

    Brutti

    Distopico ben fatto, ma come tutti i distopici, o quasi, non è autoconclusivo. La vicenda che narra è solo l'inizio di una storia che andrà a delinearsi e a svolgersi nei prossimi libri. Qui c'è un'am ...continua

    Distopico ben fatto, ma come tutti i distopici, o quasi, non è autoconclusivo. La vicenda che narra è solo l'inizio di una storia che andrà a delinearsi e a svolgersi nei prossimi libri. Qui c'è un'ampia caratterizzazione dei personaggi, Tally, David, Shae, ecc. Personaggi di per se molto interessanti. Come al solito, si tratta di adolescenti ma, almeno in questo caso, si tratta di ragazze e ragazzi coraggiosi e pieni di iniziative e talento. la stessa Tally, che è la protagonista principale, è sicuramente la più coraggiosa, dimostrandolo nel corso dell'intero romanzo. Molto interessante l'ambientazione, in una città in cui i sedicenni vengono operati per passare dalla condizione di "brutti" a quella di "perfetti". Anche in questo caso si tratta di un passaggio all'età matura, come in tutti i distopici, passaggio che però nasconde un segreto che i nostri eroi dovranno scoprire. Non vedo l'ora di leggere il seguito!

    ha scritto il 

  • 2

    La trama di questo libro mi ispirava moltissimo, perchè mi sembrava interessante e diversa dal solito, e da buona amante dei distopici ne sono rimasta subito attratta.
    Purtroppo però la lettura non mi ...continua

    La trama di questo libro mi ispirava moltissimo, perchè mi sembrava interessante e diversa dal solito, e da buona amante dei distopici ne sono rimasta subito attratta.
    Purtroppo però la lettura non mi ha affatto conquistata, e i temi principali della trama a mio parere non sono stati approfonditi a dovere. Inoltre non sono riuscita a farmi piacere i personaggi, secondo me caratterizzati molto male, e in particolare non sono riuscita a sopportare la protagonista (ahimè, ultimamente mi risulta difficile trovare una sola protagonista con cui andare d'accordo...).
    Lo stile dell'autore non mi è dispiaciuto, ma in alcune parti la trama si è rivelata veramente noiosa.
    Peccato, avevo grandi aspettative per questo romanzo, e mi sono ritrovata con un pugno di mosche in mano.

    ha scritto il 

  • 2

    Quando troverò un distopico che mi piaccia sará un giorno di grande festa.
    Non è brutto, ma non è neanche bello. L ' idea di base mi piace... il problema è lo sviluppo

    ha scritto il 

  • 3

    Ho impiegato un bel pò a terminare il libro. La storia in sè non è male, però c'era un qualcosa che non mi ha permesso di farmi coinvolgere del tutto. In ogni caso continuerò la trilogia... non si sa ...continua

    Ho impiegato un bel pò a terminare il libro. La storia in sè non è male, però c'era un qualcosa che non mi ha permesso di farmi coinvolgere del tutto. In ogni caso continuerò la trilogia... non si sa mai!

    ha scritto il 

  • 3

    bello ma strano

    All'inizio lo avrei buttato molto volentieri, ma poi mi sono costretta ad andare avanti e man mano che leggevo l'ho trovato più che interessante ed ho, infatti, intenzione di prendere il secondo: bell ...continua

    All'inizio lo avrei buttato molto volentieri, ma poi mi sono costretta ad andare avanti e man mano che leggevo l'ho trovato più che interessante ed ho, infatti, intenzione di prendere il secondo: belli. lo cosiglio a chi ha tanta pazienza perchè all'inizio è davvero pesante!!

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante la storia che racconta la vita di questa ragazza normale che con ansia aspetta il suo sedicesimo compleanno per poter, tramite un intervento, diventare bellissima, perfetta.
    Però il giorn ...continua

    Interessante la storia che racconta la vita di questa ragazza normale che con ansia aspetta il suo sedicesimo compleanno per poter, tramite un intervento, diventare bellissima, perfetta.
    Però il giorno prima qualcosa cambia, viene a galla e chissà se la ragazza sarà sempre del solito parere.
    Questo libro deve far capire come la perfezione non sia sinonimo di bellezza; che l'essere identici porta solo a non avere una proprio personalità.
    La vera bellezza è essere come si è, è essere diversi; la vera bellezza sono quelle parti che noi vediamo brutte.

    ha scritto il 

  • 3

    Scotty, ma che mi combini? Idea interessante come al solito, ma i personaggi non sono per niente approfonditi e soprattuto risultano veramente insopportabili.. protagonista in primis! E no, non vale a ...continua

    Scotty, ma che mi combini? Idea interessante come al solito, ma i personaggi non sono per niente approfonditi e soprattuto risultano veramente insopportabili.. protagonista in primis! E no, non vale assolutamente la scusa che è un libro per ragazzini!

    ha scritto il 

Ordina per