Caleidoscopio

Di

Editore: Bompiani

3.4
(49)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 110 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: 8845229173 | Isbn-13: 9788845229176 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: B. Maffi

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Medicina , Rosa

Ti piace Caleidoscopio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La vita di un giorno in una clinica, caleidoscopio di destini diversi che ilcaso ha temporaneamente ed esteriormente avvicinato. Su questo sfondo vibranocome motivi dominanti due storie: la prima, la vicenda dell'"infermiera incapo" Fany, rigida nell'adempimento del suo dovere, chiusa nella corazzainamidata della sua uniforme, ma anche lei donna, innamorata di un giovanemedico che presta la sua opera nel sanatorio; la seconda, la vicenda di unvecchio primario e del suo assistente che si trovano l'uno accanto all'altronel corso di una gravissima operazione in cui la gioventù e l'ambizione delgiovane prevalgono. Fany ha d'improvviso la sensazione della prigione in cuila sua coscienza rigida l'ha rinchiusa e cerca di reagire.
Ordina per
  • 3

    Non ho letto moltissimo di questo Autore ma mi piace molto. Avendo trovato questo libro, tanto per cambiare in discarica, me lo sono portato a casa. Penso provenga dallo svuotamento di qualche vecchia ...continua

    Non ho letto moltissimo di questo Autore ma mi piace molto. Avendo trovato questo libro, tanto per cambiare in discarica, me lo sono portato a casa. Penso provenga dallo svuotamento di qualche vecchia libreria, riporta anche le iniziali, poco chiare del fu proprietario. E questo, secondo me, dà ancora più valore ad un libro...
    Tornando a Cronin direi che il pregio di questo breve romanzo è di essere riuscito a raccogliere nelle poche ore di un giorno, tante storie personali ricche di eventi e sentimenti. Ma la specialità dell'Autore è di parlare di malati e malattie viste da una persona dotata di cuore, dote che troppo spesso manca nel personale sanitario, che considera il suo lavoro alla stregua di qualsiasi altro!

    ha scritto il 

  • 4

    Continuo a pensare che chiunque abbia rapporti con il mondo della medicina, debba leggere qualcosa del signor Cronin. Non solo una penna brillante ma uno sguardo sincero ed illuminante su tutto ciò ch ...continua

    Continuo a pensare che chiunque abbia rapporti con il mondo della medicina, debba leggere qualcosa del signor Cronin. Non solo una penna brillante ma uno sguardo sincero ed illuminante su tutto ciò che sta dietro una corsia d'ospedale.

    ha scritto il 

  • 3

    Frammenti di vita raccolti in un'unità di spazio, la corsia K, temporaneamente e inconsapevolmente.
    L'importanza delle singole esistenze accanto al distacco e la superficialità della visione d'insieme ...continua

    Frammenti di vita raccolti in un'unità di spazio, la corsia K, temporaneamente e inconsapevolmente.
    L'importanza delle singole esistenze accanto al distacco e la superficialità della visione d'insieme.
    Questo romanzo ti da un assaggio di altre decine di potenziali romanzi ancora non scritti, ma celati dietro ogni gesto apparentemente poco significativo , ti da la voglia di approfondire sulle persone e sulla loro autenticità lontana dal loro mero ruolo in un contesto.

    ha scritto il 

  • 3

    KALEIDOSCOPE IN "K."

    mio papà li aveva tutti di cronin (come di steinbeck, come di faulkner e hemingway)

    io ho scelto di iniziare da uno di quelli che mi sembravano più abbordabili, in quanto a numero di pagine, per capir ...continua

    mio papà li aveva tutti di cronin (come di steinbeck, come di faulkner e hemingway)

    io ho scelto di iniziare da uno di quelli che mi sembravano più abbordabili, in quanto a numero di pagine, per capire innanzitutto se mi piaceva la scrittura

    e la scrittura mi è piaciuta, nel senso che si vede che l'autore ha grande esperienza e abilità, nonche talento vero e proprio quando la smette di spingere su quei freni da letteratura convenzionale, e osa (come si poteva osare nel '58) accelerando talvolta nei pezzi magiormente carichi di emotività. una scrittura fluida quindi, che non stona mai e non si fa sentire, ma che non sorprende nemmeno, difetto per me

    quanto alla trama, in questo caso soprassiedo perchè mi rendo conto che è questioni di gusti molto soggettivi e soprattutto di ambientazione, nonchè di una mia vecchia difficoltà a leggere libri datati e che risentono troppo della loro epoca

    dico solo che ho trovato l'idea di fondo bella e tutto sommato ben resa -una giornata in un repartto di ospedale- e le trame un po' troppo compiute e circolari, o intrecciate troppo forzatamente, con tanto di scene da cuori infranti, dichiarazioni sdolcinate e nuovi amori che immediatamente sbocciano per dare conforto

    ha scritto il 

Ordina per