Cell

By

Publisher: Scribner

3.4
(3228)

Language: English | Number of Pages: 384 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi simplified , Spanish , Chi traditional , Italian , German , Russian , Catalan , French , Dutch , Greek , Portuguese , Polish , Czech

Isbn-10: 0743292332 | Isbn-13: 9780743292337 | Publish date: 

Also available as: Audio Cassette , Audio CD , Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like Cell ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
On October 1, God is in His heaven, the stock market stands at 10,140, most of the planes are on time, and Clayton Riddell, an artist from Maine, is almost bouncing up Boylston Street in Boston. He's just landed a comic book deal that might finally enable him to support his family by making art instead of teaching it. He's already picked up a small (but expensive!) gift for his long-suffering wife, and he knows just what he'll get for his boy Johnny. Why not a little treat for himself? Clay's feeling good about the future.

That changes in a hurry. The cause of the devastation is a phenomenon that will come to be known as The Pulse, and the delivery method is a cell phone. Everyone's cell phone. Clay and the few desperate survivors who join him suddenly find themselves in the pitch-black night of civilization's darkest age, surrounded by chaos, carnage, and a human horde that has been reduced to its basest nature...and then begins to evolve.

There's really no escaping this nightmare. But for Clay, an arrow points home to Maine, and as he and his fellow refugees make their harrowing journey north they begin to see crude signs confirming their direction: KASHWAK=NO-FO. A promise, perhaps. Or a threat...

There are one hundred and ninety-three million cell phones in the United States alone. Who doesn't have one? Stephen King's utterly gripping, gory, and fascinating novel doesn't just ask the question "Can you hear me now?" It answers it with a vengeance.

Sorting by
  • 2

    Ho chiuso il libro delusissima e anche un filo incazzata.
    Poi sono uscita a fare una passeggiata e guardandomi intorno ho visto un sacco di cellulati: gente che camminava, pedalava, parlava e guidava ...continue

    Ho chiuso il libro delusissima e anche un filo incazzata.
    Poi sono uscita a fare una passeggiata e guardandomi intorno ho visto un sacco di cellulati: gente che camminava, pedalava, parlava e guidava attaccata al cellulare e ho ripensato al romanzo di King e al fatto che Cell non ha poi uno scenario così assurdo...anche se, oggettivamente, è il libro del Re più brutto che io abbia mai letto...per non parlare del finale...secondo me non sapeva nemmeno lui dove andare a parare.
    Quindi le due stelline sono per la riflessione che mi ha fatto fare (1) e per Alice (2).

    Non leggetelo, c'è di meglio...mooooolto di meglio. "L'Ombra dello Scorpione" rimane il mio preferito ed è tutt'altra cosa.

    said on 

  • 5

    In un 1° Ottobre come tanti, d'improvviso si scatena il panico e la confusione tra le persone che popolano la città di Boston, trasformando esseri umani in bestie assassine.
    Tutto avviene in un istant ...continue

    In un 1° Ottobre come tanti, d'improvviso si scatena il panico e la confusione tra le persone che popolano la città di Boston, trasformando esseri umani in bestie assassine.
    Tutto avviene in un istante, ma le persone che non sono vittime di questa follia ci mettono poco o niente a capire che tutto questo è stato scatenato da una sorta di Impulso uscito dai cellulari.
    King descrive la società americana schiava del piccolo apparecchio tascabile, puntando soprattutto sugli adolescenti e sui giovani. Le poche persone sfuggite alla "riprogrammazione" sono infatti per la maggior parte anziani o bambini, gli uni troppo stanchi di tecnologie, gli altri troppo innocenti per diventarne schiavi. I protagonisti della storia sono invece eterogenei come età ed estrazione sociale, ma dotati di carisma e straordinarie capacità di adattamento.
    Il Nuovo Mondo come viene configurato da King è una sorta di Macrostormo di esseri umani schiavi del cellulare, il cui cervello debole è stato riprogrammato da capo, come se fosse l'Hard Disk di un Computer.
    Non ci sono colpevoli, non vengono svelati i responsabili e nemmeno ci viene detto cosa ne sarà del mondo all'alba di una simile sciagura.
    Un romanzo da leggere e gustare, un libro che attraverso un'ottima trama riesce anche a far riflettere su se stessi e sui mali del 21° secolo.

    said on 

  • 2

    C'è di molto meglio

    *Premessa: Lo dico a voi lettori novelli di King: se questo è il primo suo romanzo che leggete, e, giustamente, vi fa schifo, non demordete. C'è Il miglio verde, la raccolta stagioni diverse, 22/11/63 ...continue

    *Premessa: Lo dico a voi lettori novelli di King: se questo è il primo suo romanzo che leggete, e, giustamente, vi fa schifo, non demordete. C'è Il miglio verde, la raccolta stagioni diverse, 22/11/63 e il più recente Revival che penso sia uno dei suoi lavori migliori da 5 anni a questa parte. Fidatevi*

    Allora, la prima volta che lessi questo libro mi piacque tantissimo. E non sto scherzando. Ai tempi però avevo "appena cominciato a leggere", e soprattutto ignoravo l'esistenza di romanzi che, oggi come oggi, reputo fra i migliori nell'ambito (per citarne uno, Io sono Leggenda di Matheson). Avevo anche 13 anni. Nel corso degli anni ho letto e riletto tante cose, passando di scrittore in scrittore e approfondendo quella corrente che è il post apocalittico/romanzo dispotico, che adoro. Qualche tempo fa è uscito il film di Cell, e prima di andarlo a vedere ho deicso di rileggerlo. Ecco... Non dico che faccia schifo, ne che sia il peggiore del genere ma sicuramente nella classifica dei lavori di King questo prende una delle posizioni più basse insieme a Buick 8 ._. E per quanto riguarda il film è anche peggio, fate voi

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Reale voto: 1,5
    mi sa che King in questo libro ha perso la sua classica lucidità.
    Buono (e anche molto) l'inizio e lo spunto iniziale, ma giunta a pagina 310 la situazione comincia ad essere sin tropp ...continue

    Reale voto: 1,5
    mi sa che King in questo libro ha perso la sua classica lucidità.
    Buono (e anche molto) l'inizio e lo spunto iniziale, ma giunta a pagina 310 la situazione comincia ad essere sin troppo surreale anche per il Re stesso.

    Concluso stanotte. Finale ridicolo.
    Per 500 pagine Clay ci straccia la pazienza con suo figlio e sua moglie ed il Re liquida la cosa in poche righe conclusive? Ma cosa si era fumato in quel lontano 2006?
    Libro tremendamente deludente.
    Peccato, una buona idea totalmente rovinata!

    said on 

  • 0

    Stephen King,in questo libro,racconta nei minimi dettagli gli effetti di un oggetto che usiamo nella vita quotidiana sulle menti degli esseri umani che regrediscono a poco a poco senza essere consapev ...continue

    Stephen King,in questo libro,racconta nei minimi dettagli gli effetti di un oggetto che usiamo nella vita quotidiana sulle menti degli esseri umani che regrediscono a poco a poco senza essere consapevoli delle loro azioni,finendo addirittura per litigare l'uno con l'altro senza alcun motivo.molto interessante e piacevole da leggere

    said on 

  • 2

    Más zombis, aunque no lo sean

    Qué más da que no sean zombis: muertos o vivos, más de lo mismo. Humanoides asesinos y personas normales que huyen de ellos para sobrevivir. No digo que no entretenga... pero es lo de siempre.

    said on 

  • 4

    Mi è piaciuto moltissimo nonostante lo avessi preso per puro caso.
    Secondo me è un libro scorrevolissimo e anche molto piacevole proprio per quello.
    Non richiede troppa concentrazione perchè non è su ...continue

    Mi è piaciuto moltissimo nonostante lo avessi preso per puro caso.
    Secondo me è un libro scorrevolissimo e anche molto piacevole proprio per quello.
    Non richiede troppa concentrazione perchè non è super descrittivo, che seziona le persone e i fatti pezzo per pezzo andando a ritroso negli anni.
    E' completamente l'opposto.
    Forse è anche questo che a molti non è piaciuto,proprio perchè non è il classico S. King.

    said on 

Sorting by