Cime tempestose

Di

Editore: Giunti Demetra

4.2
(17589)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 384 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Portoghese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Coreano , Chi semplificata , Catalano , Svedese , Slovacco , Norvegese , Polacco , Olandese , Greco , Turco , Ungherese , Ceco , Macedone

Isbn-10: 8844035642 | Isbn-13: 9788844035648 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Cofanetto , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Cime tempestose?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Unico romanzo di Emily Bronte, pubblicato nel 1847 sotto lo pseudonimo di Ellis Bell un anno prima della sua prematura morte all'età di trent'anni, rappresenta una delle opere più significative, intense e originali di tutta la letteratura inglese. L'autrice narra la storia di un grande e appassionato amore con tale immaginazione, veridicità e densità emotiva che sembra richiamare addirittura la semplicità e l'autenticità delle tragedie antiche.
Ordina per
  • 4

    "Avanti! Diventa spirito e perseguitami! Prendi qualsiasi forma! Vieni da me... Fammi soffrire! Ma non abbandonarmi in questo abisso dove non posso trovarti!"

    ha scritto il 

  • 3

    Classico della letteratura inglese

    Ammetto che alla fine uno si dice che la vita era davvero dura all'epoca del romanzo, che ci si possono trovare mille contraddizioni e forse poco riscontro col presente (quando leggo mi immedesimo sem ...continua

    Ammetto che alla fine uno si dice che la vita era davvero dura all'epoca del romanzo, che ci si possono trovare mille contraddizioni e forse poco riscontro col presente (quando leggo mi immedesimo sempre), ma è coinvolgente, a tratti tenebroso.
    L'ho ascoltato da un audiolibro, dove la lettrice sembrava una nonna che ti racconta la storia della sua vita...e mi ci sono persa dentro.

    ha scritto il 

  • 5

    La rupe nella brughiera

    Questo romanzo su un amore travolgente e infelice - infelice in quanto ostacolato - deve la sua forza alla potenza con la quale è tratteggiato il personaggio di Heathcliff, misterioso trovatello, tizz ...continua

    Questo romanzo su un amore travolgente e infelice - infelice in quanto ostacolato - deve la sua forza alla potenza con la quale è tratteggiato il personaggio di Heathcliff, misterioso trovatello, tizzone che incendia e sconvolge, "villain" ma allo stesso tempo protagonista, perno su cui ruota il libro.

    E' il Doppio - di Catherine, che a sua volta ha una "replica" nella figlia Cathy -, come sottolineato del resto dalla divisione della storia in due esatte metà. E' l'Orfano, il Bastardo (in ambo i sensi), il Sopravvissuto. E' il Soprannaturale, da intendersi come l'ha inteso A.L Zazo, ossia come Completamento-della-realtà, che trova una concretizzazione nel completamento dell'amore, dell'altra metà del cuore (ironicamente direi la meno dolce delle due, nel suo caso). E' la Creazione: del resto, è lui il "plotter" principale della storia. E' la personificazione del Paesaggio - quindi è la Natura, è il Selvatico, il Rozzo, l'Autentico - contrapposto alla compostezza salottiera borghese, o più precisamente alla compostezza e bigotteria vittoriane, se vogliamo riferirci alla metà del secolo, quando il romanzo uscì, oltre che ai decenni a cavallo dei secoli XVIII e XIX, epoca in cui il romanzo è ambientato. E' Tumulto atmosferico (e sentimentale), la Tormenta e il Tormento - "wuthering" tra l'altro è termine dialettale che rimanda ancora una volta al tema della selvatichezza -, Passione devastatrice. Ma, soprattutto, è quel che dice il suo stesso nome parlante: è una Rupe-nella-brughiera, "genius loci" come essa suggestiva, inquietante, e come essa ruvida, scabra.

    Aveva ragione Bataille, che nel 1957 ipotizzava: "Forse questo amore non era altro che la decisione di non rinunciare alla libertà di un'infanzia selvaggia, non corretta dalle norme della socievolezza e dell'educazione convenzionali, [...] sono le condizioni stesse della poesia". Ebbene, anche questo è Heathcliff: la Poesia, vista come contrapposta alla Non-Poesia in questa storia che vive di dualismi.

    D'altronde la Zazo, per citare ancora una volta il suo illuminante commento, ricorda che Emily Bronte nasce poetessa, e questo sguardo particolare sul mondo si coglie vividamente, così come una certa, profonda spiritualità, e non solo negli elementi spettrali, tipicamente gotici, che aprono e chiudono il romanzo.

    Il sogno di un Fantasma e il fantasma di un'Idea si confondono, sono indistinguibili, ed è nell'inseguimento di questo "fantasma"che consiste il senso di tutta una vita di un personaggio, Heathcliff, memorabile quant'altri mai.

    ha scritto il 

  • 4

    Romantico ma niente affatto stucchevole.
    A volte perfino brutale, ruvido nell'esposizione dei sentimenti e dei caratteri che si contrappongono: forse è il segreto del suo successo.
    Interessante il con ...continua

    Romantico ma niente affatto stucchevole.
    A volte perfino brutale, ruvido nell'esposizione dei sentimenti e dei caratteri che si contrappongono: forse è il segreto del suo successo.
    Interessante il confronto con la più introspettiva Jane Austen, ad esempio. Due pesi massimi della narrativa inglese.

    ha scritto il 

  • 5

    Uno dei migliori classici

    Non c'è molto da dire se non il fatto che sono rimasta estremamente colpita dall'audacia di questa storia. Una passione così crudele e folle non si incontra così spesso nei classici della letteratura. ...continua

    Non c'è molto da dire se non il fatto che sono rimasta estremamente colpita dall'audacia di questa storia. Una passione così crudele e folle non si incontra così spesso nei classici della letteratura. Per quanto riguarda i personaggi, poi, sono dipinti magistralmente, tutti così perfetti nella loro imperfezione. Infine una narrazione scorrevole e precisa. Cosa si può volere di più da un romanzo?

    ha scritto il 

  • 4

    Vorrei ma non posso...

    Assegnerei volentieri un punteggio inferiore a questo libro per la sofferenza che mi ha provocato nel leggerlo. 3/4 della storia è un susseguirsi di cattiverie, personaggi sgradevoli e ingiustizie che ...continua

    Assegnerei volentieri un punteggio inferiore a questo libro per la sofferenza che mi ha provocato nel leggerlo. 3/4 della storia è un susseguirsi di cattiverie, personaggi sgradevoli e ingiustizie che lasciano nel lettore un senso d'impotenza a d'or poco terribile. Eppure non posso non lodare la sorella della mia amata Charlotte per la magistrale descrizione di sentimenti così forti e appunto, tempestosi, così come per la bravura nel dipingere con sole parole gli splendidi e selvaggi paesaggi in cui è ambientata la vicenda. Sebbene l'intera storia sia vagamente esasperata, così come i vari caratteri e l'happy e D decisamente troppo repentino, ho letteralmente divorato questo libro. Buon sangue (quello delle Brönte) non mente.

    ha scritto il 

  • 0

    Malatissimo

    Da tempo volevo e dovevo leggerlo; poi, finalmente, è arrivato il momento giusto.
    In realtà c'è stato un periodo in cui mi tenevo a debita distanza da certi classici della letteratura inglese, di sicu ...continua

    Da tempo volevo e dovevo leggerlo; poi, finalmente, è arrivato il momento giusto.
    In realtà c'è stato un periodo in cui mi tenevo a debita distanza da certi classici della letteratura inglese, di sicuro a causa di reminescenze scolastiche (eh, il liceo linguistico) non troppo felici, quando certe cose o le si amavano o le si detestavano; anche se, il più delle volte, tendevano a rimanere indifferenti.
    Non facevano eccezione i romanzi delle sorelle Bronte: e tra questi, Cime tempestose rappresentava l'unico squarcio di luce, malgrado fossi ancora ben lontano dal leggerlo e dall'amarlo per conto mio.
    Ora che sono passati tanti anni, ricongiuntomi con la cara Emilia, ho potuto apprezzare "Cime tempestose" per il capolavoro senza tempo qual è.

    Una narrazione magistrale, un cupo scorrere di gelosia, violenza, crudeltà, discriminazione, solitudine, lontananza, nel quale l'amore, anziché essere protagonista, diventa solo uno strumento nelle mani di Heatcliff per porre in atto la sua vendetta, covata e coltivata in tutto quel tempo passato negli anfratti più bui della vita. Anni spesi a subire ingiustizie e angherie, per poi arrivare a un capovolgimento della situazione, una inutile rivalsa che altro non è che il riproporsi e il reiterarsi della medesima inumanità.
    Il freddo isolamento di Wuthering Heights, luogo nei quali la natura è specchio di malattia e ossessione, di isolamento dalla civilità, che inevitabilmente porta a scenari mortiferi, lasciando poco spazio alla felicità e a una vita serena.

    Come lasciare ancora il segno e colpire il lettore, anche a distanza di centocinquant'anni.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello? No, sì, non lo so.

    Se devo considerarla una storia d'amore... no.
    Se devo commentare l'odiosa protagonista... decisamente no.
    Se devo ripensare alla cattiveria gratuita e premeditata... assolutamente un libro da evitar ...continua

    Se devo considerarla una storia d'amore... no.
    Se devo commentare l'odiosa protagonista... decisamente no.
    Se devo ripensare alla cattiveria gratuita e premeditata... assolutamente un libro da evitare.

    Ma poi c'è Heathcliff. E c'è il mistero... perché, sì, il mistero che ruota attorno al protagonista è tanto: chi è? Da dove viene? Chi è la sua famiglia di origine? Il suo "male" è insito oppure soltanto provocato?
    C'è il suo odio per l'amore non realizzato: un odio terrificante, che non si può condonare, ma - da un certo punto di vista - si può capire.
    E poi c'è il finale. Finale che, nonostante tutto, mi mette in pace con il mondo di "Cime Tempestose".

    ha scritto il 

  • 4

    Storia d'amore?

    Non credo che si possa definire una storia romantica, una storia d'amore classica come quelle che scriveva Charlotte (la sorella).
    Questo è un racconto intriso di odio, rancore che logora il proprio e ...continua

    Non credo che si possa definire una storia romantica, una storia d'amore classica come quelle che scriveva Charlotte (la sorella).
    Questo è un racconto intriso di odio, rancore che logora il proprio essere e rovina la vita degli altri. Scritto benissimo, non sono comunque riuscito ad apprezzare nessuno dei personaggi.
    Li ho odiati! E questo non è per forza una cosa negativa.
    Una scrittura perfetta, bisogna leggerlo!

    ha scritto il 

  • 2

    Non mi è riuscito apprezzarlo

    Pur essendo un testo molto rinomato e con molti estimatori, non l'ho digerito. Sentimenti eccessivi, desideri di vendetta, un amore distruttivo. Ho odiato entrambi i protagonisti cordialmente. Pur app ...continua

    Pur essendo un testo molto rinomato e con molti estimatori, non l'ho digerito. Sentimenti eccessivi, desideri di vendetta, un amore distruttivo. Ho odiato entrambi i protagonisti cordialmente. Pur apprezzando quasi tutta la letteratura inglese del periodo, non riesco a immedesimarmi in queste eroine eccessive, e condivido il punto di vista della grande Jane Austen che prendeva di mira nelle sue opere autori e autrici che vivevano di misteri, tormenti, passioni inenarrabili, pericoli per la vita e per la virtù. Meglio un buon libro ironico, coi piedi per terra, e con sentimenti più comuni e più banali. Al di là di questa personale idiosincrasia, è un romanzo dal ritmo indiavolato e che ti prende. Ma mi ha lasciato un terribile senso di amaro in bocca, di cattiveria, ed è uno dei pochi che non rileggerei.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per
Ordina per