Cose di cosa nostra

in collaborazione con Marcelle Padovani

Di

Editore: CDE

4.3
(1671)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 170 | Formato: Copertina rigida

Data di pubblicazione: 

Contributi: Marcelle Padovani

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Criminalità , Storia , Politica

Ti piace Cose di cosa nostra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Saggio sulla mafia

    Si tratta di un testo molto ben scritto, che avvolge e decodifica il tema della mafia in ogni suo aspetto, Falcone a mio avviso ha messo se stesso in questo libro spiegando come una maestra a un bambi ...continua

    Si tratta di un testo molto ben scritto, che avvolge e decodifica il tema della mafia in ogni suo aspetto, Falcone a mio avviso ha messo se stesso in questo libro spiegando come una maestra a un bambino ciò che è stata la mafia a noi italiani, con i suoi risvolti e con i suoi attentati, con la sua droga e con i suoi orrori, pregna di uomini d'onore al contempo cattolici e assassini..

    ha scritto il 

  • 5

    Sono pagato dallo Stato per perseguire dei criminali, non per farmi degli amici.

    Tutta la forza e la determinazione di Falcone in centosettanta pagine. Una testimonianza e una memoria importanti, un’eredità massiccia e fondamentale. Giovanni Falcone ci ha lasciato queste pagine pe ...continua

    Tutta la forza e la determinazione di Falcone in centosettanta pagine. Una testimonianza e una memoria importanti, un’eredità massiccia e fondamentale. Giovanni Falcone ci ha lasciato queste pagine perché continuassimo, con la stessa volontà, il lavoro che aveva iniziato e che assorbiva tutta la sua vita e quella dei suoi famigliari.
    Immaginate di vivere guardandovi sempre le spalle, di dover affrontare gli occhi di chi sottostà a un potere consolidato, forte e dal quale sottrarsi significa morire. Il giudice Falcone ha fatto tutto ciò con la dignità di uomo, il senso civico di un funzionario, la giustizia di un magistrato serio e la fermezza di chi si mette in gioco (un gioco rischiosissimo) per cambiare davvero le cose. Un gioco che per lui diventa, con il tempo, un giogo. Non è solo la mafia a ostacolarlo e intimidirlo, bensì lo stesso Stato del quale lui si descriveva servitore, lo stesso Stato che lui desiderava ripulire, lo stesso Stato che lo pagava per fare quanto stava facendo… Ma, forse, Falcone lo “faceva troppo”. Scavava troppo a fondo, non si fermava dinnanzi a nulla, scovava la mafia in strada come sulle poltrone dei governi. E questo non andava bene. Questo era pericoloso per tutti coloro che si trovavano coinvolti e non avevano intenzione di essere messi sotto i riflettori.
    Dopo il giudice e Borsellino, lo Stato è nuovamente caduto nell’omertà. Perché?
    Non rispondo: fatelo voi, nel silenzio del cuore.
    Falcone ha pagato il suo durissimo lavoro con una vita incarcerata, tra un bunker e una prigione, tra scorta e segnali d’allarme. Ma infine ha pagato con il prezzo più alto: la vita. L’unico sistema per fermarlo, l’unico per farlo tacere per sempre. Però questo libro non si è potuto fermare e ora abbiamo il privilegio di ascoltare il giudice senza che nessuno lo interrompa, né minacci. Ora Giovanni Falcone è senza bavaglio… e lo sarà per sempre.

    Grazie per quello che ha fatto, giudice Falcone.

    ha scritto il 

  • 3

    Un bel libro, che ci spiega, in modo semplice e discorsivo, quello che fino a pochi anni prima si credeva una cosuccia da niente, una questione paesana e circoscritta. Erano gli anni dei dubbi, "sarà ...continua

    Un bel libro, che ci spiega, in modo semplice e discorsivo, quello che fino a pochi anni prima si credeva una cosuccia da niente, una questione paesana e circoscritta. Erano gli anni dei dubbi, "sarà mica così diffusa e radicata la mafia", e delle pochissime persone che questi dubbi ce li hanno tolti. Sicuramente da leggere se vi interessa l'argomento e se volete capirne di più su un passato che forse tanto passato non è.

    ha scritto il 

  • 5

    “La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine.”

    É impossibile non leggere tutto d'un fiato "Cose di Cosa Nostra": l'attualità e la chiarezza con cui é stato scritto questo libro lo rende indispensabile per tutti, specialmente per noi, cittadini del ...continua

    É impossibile non leggere tutto d'un fiato "Cose di Cosa Nostra": l'attualità e la chiarezza con cui é stato scritto questo libro lo rende indispensabile per tutti, specialmente per noi, cittadini del domani, che dovremo combattere questo fenomeno.
    Giovanni Falcone e le sue idee, anche grazie a questo libro, non moriranno mai.

    ha scritto il 

  • 4

    "La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e quindi anche una fine" .

    Per quanto inverosimili e lontane che sembrino queste parole, non possiamo p ...continua

    "La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e quindi anche una fine" .

    Per quanto inverosimili e lontane che sembrino queste parole, non possiamo permetterci di non pensarla come Falcone. Possiamo sempre fare qualcosa

    ha scritto il 

  • 4

    Dovrebbe essere un libro obbligatorio nelle scuole

    Ben scritto, autorevole, referenziato, reale e intelligente. Tutti, e sottolineo tutti, gli italiani dovrebbero leggere questo libro. Privo di retorica, intellettualmente onesto e anche di facile lett ...continua

    Ben scritto, autorevole, referenziato, reale e intelligente. Tutti, e sottolineo tutti, gli italiani dovrebbero leggere questo libro. Privo di retorica, intellettualmente onesto e anche di facile lettura. Ideale per capire che cosa è la mafia e che cosa si dovrebbe fare per combatterla.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per