Cronache birmane

Di

Editore: Fusi Orari

4.1
(744)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 264 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale

Isbn-10: 8889674326 | Isbn-13: 9788889674321 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Andrea De Ritis

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Biografia , Fumetti & Graphic Novels , Viaggi

Ti piace Cronache birmane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Guy Delisle ha vissuto per più di un anno in Birmania con la sua compagna, in missione per Medici senza frontiere, e il figlio di pochi mesi. Nella patria di Aung San Suu Kyi ha scoperto una società oppressa dalla dittatura militare, ma anche un popolo aperto e generoso.Buddismo e repressione, aids e miniere, monsoni e ong: dopo "Pyongyang" e "Shenzhen", il nuovo reportage orientale del canadese dalla matita pungente e poetica.
Ordina per
  • 4

    Mingalaba, Delisle!

    Bentrovato, Guy.
    Finalmente dopo lunga attesa volontaria, intervallata da altri suoi lavori per me di poco conto, torno ad uno dei reportage di questo fumettista canadese.
    Non mancava che questo.
    Deli ...continua

    Bentrovato, Guy.
    Finalmente dopo lunga attesa volontaria, intervallata da altri suoi lavori per me di poco conto, torno ad uno dei reportage di questo fumettista canadese.
    Non mancava che questo.
    Delisle vive per oltre un anno in Birmania con la moglie amministratrice per Medici Senza Frontiere e racconta la sua esperienza.
    In linea con tutti gli altri volumi, è sempre piacevole leggere dei suoi viaggi. A tratti è sbrigativo, ha un umorismo che non mi fa impazzire, ma si imparano sempre un mucchio cose.

    "Niente rivendicazioni, niente agitazione. Qui è sempre tutto calmo, grazie a un regime che mortifica le volontà installando quotidianamente la paura."

    ha scritto il 

  • 3

    semplice ed efficace nel raccontare la vita in un paese non semplice, la recente elezione del presidente è un risultato epocale e questo libro aiuta anche a capirne il perché.

    ha scritto il 

  • 4

    L'autore...

    ...è un illustratore, animatore e fumettista canadese, ha una moglie che lavora per Medici Senza Frontiere e per seguire lei si ritrova a vivere per oltre un anno in Birmania, qui racconta la sua espe ...continua

    ...è un illustratore, animatore e fumettista canadese, ha una moglie che lavora per Medici Senza Frontiere e per seguire lei si ritrova a vivere per oltre un anno in Birmania, qui racconta la sua esperienza, quello che ha visto, vissuto e sentito. Non nuovo a questo tipo di racconto illustrato, Delisle è una specie di reporter di viaggio o quasi, qui riesce a dare bene il senso di una dittatura assurda e a volte ridicola, ma non per questo meno pericolosa. Conscio di essere in realtà un privilegiato non lo nasconde e non ostenta snobismi di sorta (verso l'alto o verso il basso), a me è piaciuto molto.

    ha scritto il 

  • 4

    Ecco, nella mia personale classifica dei libri letti di Delisle, questo libro va al secondo posto dopo 'Cronache di Gerusalemme' ma forse solo perché quello è stato il primo e mi aveva particolarmente ...continua

    Ecco, nella mia personale classifica dei libri letti di Delisle, questo libro va al secondo posto dopo 'Cronache di Gerusalemme' ma forse solo perché quello è stato il primo e mi aveva particolarmente colpita. Questo libro racconta un popolo che per cultura storica è più affine al mio essere profondo. Quando l'autore ha la possibilità di raccontare l'ambiente che lo circonda vivendolo appieno da il meglio di sé. Ancora complimenti!

    ha scritto il 

  • 5

    L’unica vera prigione è la paura e l’unica vera libertà è la libertà dalla paura. Aung San Suu Kyi

    Dopo essere tornata da Israele avevo letto Cronache di Gerusalemme. Ora torno dalla Birmania e mi leggo Cronache Birmane e rivedo nelle strisce di Guy Delisle tante situazioni vissute e paesaggi visti ...continua

    Dopo essere tornata da Israele avevo letto Cronache di Gerusalemme. Ora torno dalla Birmania e mi leggo Cronache Birmane e rivedo nelle strisce di Guy Delisle tante situazioni vissute e paesaggi visti. Mi piace il graphic journalism, la trovo una forma di giornalismo creativa ed innovativa.

    ha scritto il 

  • 5

    L'autore, fumettista ed illustratore, va in Birmania per seguire la moglie che lavora per Medici Senza Frontiera.
    Ci rimarrà per molti mesi, avendo modo di scoprire cos'è davvero questo stato e come v ...continua

    L'autore, fumettista ed illustratore, va in Birmania per seguire la moglie che lavora per Medici Senza Frontiera.
    Ci rimarrà per molti mesi, avendo modo di scoprire cos'è davvero questo stato e come vivono i suoi abitanti.
    Dal 1989 l'ONU usa il nome Myanmar per definire questa luogo compres(s)o tra Bangladesh, India e Thailandia.
    Tutto via paesi come Francia, Australia e Stati Uniti non riconoscono il governo del 1989 e quindi utilizzano Birmania (e credo se ne fottano di quello che succede ai suoi poveri abitanti oppressi dalla dittatura e quasi senza acqua e corrente elettrica nelle case).
    Sapevo poco di questo posto e di questa gente.
    Ora, grazie a Delisle, ho una buona infarinatura sulla politiica, la storia e la religione (Buddismo) che in qualche modo tengono in piedi un'esistenza più che difficile.
    I disegni sono spesso basici ma il risultato complessivo è di grande effetto visto che di messaggi ne arriva più d'uno.
    Ebbravo Guy!

    ha scritto il 

  • 4

    Guida per viaggiatori

    Altro piacevole racconto di Delisle, stavolta in Birmania.
    la graphic novel scorre piacevolmente, con lo stile tipico dell'autore, lasciando però notevoli spunti di riflessione. Affascinante come semp ...continua

    Altro piacevole racconto di Delisle, stavolta in Birmania.
    la graphic novel scorre piacevolmente, con lo stile tipico dell'autore, lasciando però notevoli spunti di riflessione. Affascinante come sempre!

    ha scritto il